26 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 17/03/2014, 00.00

    RUSSIA-UCRAINA

    Dopo il referendum, la Chiesa ucraina-Patriarcato Kiev teme il bando in Crimea

    Nina Achmatova

    Il patriarca Filaret prega perché l'Ucraina sia liberata "dagli occupanti". Gli ortodossi di obbedienza moscovita temono di essere cacciati via dall'Ucraina. Il Patriarcato di Mosca ha riconosciuto il diritto dell'Ucraina all'autodeterminazione, ma rimane sotto l'ombra di Putin. L'invasione della Crimea come l'Anschluss della Germania nazista.

    Mosca (AsiaNews) - Come previsto, il referendum di ieri in Crimea ha sancito la volontà popolare di annettere la penisola ucraina alla Federazione russa. Anche se l'annessione avverrà solo dopo il via libera formale da Mosca, lo scenario della Crimea che "torna" alla Russia e le tensioni interne a tutta la società ucraina preoccupano i vertici della Chiesa ortodossa.

    Il patriarca Filaret, 84enne capo della Chiesa ortodossa ucraina-Patriarcato di Kiev (v. foto), nella liturgia domenicale ha invitato a pregare per la "liberazione dagli occupanti", con riferimento alle forze russe che da settimane ormai controllano la Crimea e di cui si teme l'allargamento nelle zone orientali dell'Ucraina. Poco prima, aveva avvertito del possibile bando della Chiesa Patriarcato di Kiev in Crimea.

    "Abbiamo informazioni che dopo il cosiddetto referendum e la dichiarazione della Crimea come territorio russo, l'eparchia ortodossa del Patriarcato di Mosca sarà posta direttamente sotto il controllo del Patriarca di Mosca", ha avvertito Filarete in una conferenza stampa.

    Nel Paese gli ortodossi sono divisi tra: Chiesa ortodossa ucraina-Patriarcato di Kiev (non riconosciuta dalle altre Chiese e osteggiata da Mosca); quella ortodossa ucraina-Patriarcato di Mosca (l'unica riconosciuta e la più numerosa) e quella ortodossa ucraina autocefala.

    Se la Chiesa ucraina-Patriarcato di Mosca verrà assorbita direttamente dal Patriarcato russo ortodosso, ha previsto Filaret, "ci aspettiamo che la Chiesa ucraina-Patriarcato di Kiev (con circa 30 parrocchie nella penisola, ndr) venga completamente vietata in Crimea". Il leader religioso ha poi parlato di una situazione molto difficile e di alcuni fedeli che sono stati rapiti o detenuti illegalmente solo per aver espresso le loro posizioni contrarie alla secessione da Kiev.

    Fonti di AsiaNews vicine al Patriarcato di Mosca, ritengono fondato l'allarme di Filaret, ma avvertono anche del pericolo che, al contrario, a Kiev e in Ucraina occidentale sparisca la Chiesa legata al Patriarcato di Mosca e che si crei una forte spaccatura in seno alla stessa Chiesa ortodossa russa. Il Patriarca Kirill, non a caso, ha riconosciuto che l'Ucraina ha il diritto all'autodeterminazione, ma ha invitato a pregare perché "i fratelli di una stessa fede e di un unico sangue non portino mai la distruzione l'uno dell'altro" e perché l'ex repubblica sovietica non si separi "spiritualmente" dalla Russia.

    Nella Federazione, l'ortodossia è stata posta al centro delle politiche statali, dopo decenni di persecuzione sotto il regime sovietico, ma l'escalation di tensione con l'Ucraina ha messo in luce alcuni problemi interni alla sua stessa Chiesa, come la non condanna del totalitarismo. Le proteste del Maidan - scrive il Washington Post - hanno segnato un "risveglio religioso", un "fenomeno non solo politico e sociale, ma anche ecumenico" per l'Ucraina: tutte le Chiese, compresa quella cattolica, sono state unite nella difesa del popolo e nella condanna della violenza.

    Secondo Andrei Zubov, tra i maggiori esperti dei rapporti Stato-Chiesa e professore all'Università per gli Studi internazionali di Mosca (Mgimo), se si arriverà a una guerra, la divisione tra le Chiese di Mosca e Kiev sarà inevitabile. Zubov ha rischiato il licenziamento, a inizio marzo, per un articolo in cui paragonava le mosse di Putin in Crimea all'Anschluss con cui la Germania nazista annesse l'Austria, nel 1938. "Putin ha iniziato un processo incontrollabile", ha dichiarato in un'intervista, in cui prevede che il Patriarcato di Costantinopoli possa in futuro riconoscere una Chiesa ucraina, che unirebbe le tre diverse realtà presenti oggi nel Paese, ridisegnando l'intera mappa dell'ortodossia.

    Con una popolazione di 44.300.000 abitanti, di cui circa l'80% si dichiara cristiano ortodosso, l'Ucraina è il più grande Paese a maggioranza ortodossa dopo la Russia. 

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/03/2014 RUSSIA-UCRAINA
    L'annessione della Crimea fa paura al Patriarca di Mosca
    Assente Kirill dal grande discorso di Putin alla Duma. Mentre la Russia cammina sulle orme dell'impero di Ivan il Terribile, le Chiese ortodosse dell'Ucraina vengono spinte all'autonomia da Mosca. Il Patriarcato di Mosca rischia di essere una minoranza al prossimo Concilio Panortodosso.

    13/08/2014 UCRAINA-RUSSIA
    Il Sinodo ucraino al voto per il nuovo metropolita ortodosso di Kiev, obbediente a Mosca
    Questa sera sarà designato il successore di Vladimir, morto lo scorso 5 luglio. Egli riceverà la benedizione di Kirill, patriarca di Mosca. Timori di influenze politiche nella scelta dei candidati. Fra i più probabili: il vescovo Onufry, locum tenens di Kiev e il metropolita Aleksandr, amico del presidente Poroshenko.

    19/08/2014 UCRAINA - RUSSIA
    La Chiesa ortodossa ucraina, legata a Mosca, chiede di restituire la Crimea a Kiev
    Lo ha dichiarato un suo portavoce, a pochi giorni dall'intronizzazione di Onufry, il nuovo metropolita. Sulla Crimea continua a tacere il Patriarca russo, che però non risparmia nuovi attacchi contro l'"aggressività" degli uniati.

    19/03/2014 RUSSIA-UCRAINA
    Tra violenze e odio la Crimea diventa russa
    Attivisti e giornalisti denunciano il clima di paura e illegalità nella regione: ucciso un soldato ucraino e un attivista tataro. La scrittrice bielorussa Svetlana Aleksijevich mette in guardia Putin dal fomentare gli istinti primordiali della popolazione. Nel timore di una guerra.

    20/04/2017 11:01:00 RUSSIA
    Le feste pasquali di Mosca, fra campane, dolci e formaggi

    La festa del “Dono pasquale” si svolge nella capitale dal 12 al 23 aprile. Essa coinvolge 24 piazze del centro e 19 parchi. Si vendono prodotti tipici delle regioni russe: dolci, miele, formaggi… e campane. Il Patriarca Kirill: “Se avessimo un po' più di tempo, anch'io con il sindaco Sergej Semenovich ci faremmo volentieri un giro sulla giostra".





    In evidenza

    VATICANO-EGITTO
    Papa Francesco in videomessaggio: Caro popolo d’Egitto…

    Papa Francesco

    In occasione della sua visita al Paese (28-29 aprile), oggi papa Francesco ha trasmesso un videomessaggio al popolo egiziano. “Il nostro mondo, dilaniato dalla violenza cieca – che ha colpito anche il cuore della vostra cara terra – ha bisogno di pace, di amore e di misericordia; ha bisogno di operatori di pace”.


    ISLAM
    Le radici dell’islamismo violento sono nell’islam, parola di musulmano

    Kamel Abderrahmani

    Dopo ogni attentato terrorista si tende a dire: “Questo non è l’islam”. Eppure quegli atti criminali sono giustificati e ispirati dai testi che sono il riferimento dei musulmani e delle istituzioni islamiche nel mondo. È urgente una riforma dell’islam dall’interno, da parte degli stessi musulmani. La convivenza con le altre religioni è la strada per togliere l’islam dalla sclerosi e dalla stagnazione.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®