15 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 27/07/2012
ARABIA SAUDITA
Due uomini arrestati per "conversione forzata" di una giovane: le hanno dato libri religiosi
A denunciarli il padre della ragazza, che ora è in Libano e che si rifiuta di tornare e abbandonare il cristianesimo. I denunciati sono due colleghi di lavoro, un saudita e un libanese.

Riyadh (AsiaNews) - Due uomini sono stati arrestati ad Al-Khobar, città saudita sul Golfo, con l'accusa di "conversione forzata" di una ragazza al cristianesimo. La loro colpa è di averle dato dei libri di materia religiosa e averla invitata a seguire delle chat room di argomenti religiosi.

A muovere l'accusa contro, i due uomini, un saudita e un libanese, a quanto riferisce il quotidiano Al-Eqtisadiya, il padre della ragazza. Che si è mosso dopo che non è riuscito a convincere la giovane a tornare in patria dal Libano e ad abbandonare la sua nuova fede.

Secondo il locale Bureau of Investigation and Prosecution (BIP), la vicenda ha inizio quando la giovane, che lavora in banca, comincia a frequentare prima il collega saudita e poi l'altro collega libanese. I tre si incontrano di tanto in tanto, la ragazza si innamora del  libanese che le dà i libri e la invita a seguire le chat room religiose.

Nella denuncia del padre si dice che l'uomo l'ha influenzata, le ha ispirato idee sbagliate sull'islam e ha "scosso le sue convinzioni". Vi si dice anche che la ragazza è espatriata illegalmente. Secondo la legge saudita, infatti, una donna non può avere il passaporto senza il permesso del suo "guardiano" cioè il padre, il marito o il fratello.

Quanto alla ragazza, dal Libano ove si trova, difende la sua nuova fede e dice che la Chiesa è la sua sola dimora.

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
08/08/2012 ARABIA SAUDITA
Riyad, al via in settembre il processo contro i due uomini accusati di conversione forzata
13/05/2013 ARABIA SAUDITA - LIBANO
Sei anni e 300 frustate a un libanese cristiano per aver convertito una giovane saudita
17/07/2004 Arabia Saudita
Libri di testo sauditi demonizzano occidente, cristiani ed ebrei
09/06/2004 ARABIA SAUDITA - ITALIA
Solidarietà al "poverino" O'Connor, cristiano torturato dalla polizia saudita
di Lorenzo Fazzini
13/11/2012 ARABIA SAUDITA
Vuole che lo Stato saudita l'aiuti a far rientrare la moglie convertita e fuggita all'estero

In evidenza
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate