28 Maggio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 27/07/2012
ARABIA SAUDITA
Due uomini arrestati per "conversione forzata" di una giovane: le hanno dato libri religiosi
A denunciarli il padre della ragazza, che ora è in Libano e che si rifiuta di tornare e abbandonare il cristianesimo. I denunciati sono due colleghi di lavoro, un saudita e un libanese.

Riyadh (AsiaNews) - Due uomini sono stati arrestati ad Al-Khobar, città saudita sul Golfo, con l'accusa di "conversione forzata" di una ragazza al cristianesimo. La loro colpa è di averle dato dei libri di materia religiosa e averla invitata a seguire delle chat room di argomenti religiosi.

A muovere l'accusa contro, i due uomini, un saudita e un libanese, a quanto riferisce il quotidiano Al-Eqtisadiya, il padre della ragazza. Che si è mosso dopo che non è riuscito a convincere la giovane a tornare in patria dal Libano e ad abbandonare la sua nuova fede.

Secondo il locale Bureau of Investigation and Prosecution (BIP), la vicenda ha inizio quando la giovane, che lavora in banca, comincia a frequentare prima il collega saudita e poi l'altro collega libanese. I tre si incontrano di tanto in tanto, la ragazza si innamora del  libanese che le dà i libri e la invita a seguire le chat room religiose.

Nella denuncia del padre si dice che l'uomo l'ha influenzata, le ha ispirato idee sbagliate sull'islam e ha "scosso le sue convinzioni". Vi si dice anche che la ragazza è espatriata illegalmente. Secondo la legge saudita, infatti, una donna non può avere il passaporto senza il permesso del suo "guardiano" cioè il padre, il marito o il fratello.

Quanto alla ragazza, dal Libano ove si trova, difende la sua nuova fede e dice che la Chiesa è la sua sola dimora.

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
08/08/2012 ARABIA SAUDITA
Riyad, al via in settembre il processo contro i due uomini accusati di conversione forzata
13/05/2013 ARABIA SAUDITA - LIBANO
Sei anni e 300 frustate a un libanese cristiano per aver convertito una giovane saudita
17/07/2004 Arabia Saudita
Libri di testo sauditi demonizzano occidente, cristiani ed ebrei
09/06/2004 ARABIA SAUDITA - ITALIA
Solidarietà al "poverino" O'Connor, cristiano torturato dalla polizia saudita
di Lorenzo Fazzini
13/11/2012 ARABIA SAUDITA
Vuole che lo Stato saudita l'aiuti a far rientrare la moglie convertita e fuggita all'estero

In evidenza
ASIA
La Veglia per i cristiani perseguitati, nostri maestri nella missione in occidente
di Bernardo CervelleraIl “muro dell’indifferenza e del cinismo”, il mutismo e l’inerzia tante volte denunciati da papa Francesco sono divenuti quasi una fortezza. Davanti alle persecuzioni vi è un strumentalizzazione “confessionale”, che tende a bollare l’islam e tutto l’islam, e una strumentalizzazione “ideologica”, che “dimentica” ciò che accade in Corea del nord o in Cina. E all’Europa sempre più post-cristiana sembra non interessare i cristiani.
RUSSIA - CINA
Patriarcato di Mosca: la Cina autorizza l’ordinazione di sacerdoti ortodossi cinesi sul suo territorio
di Marta AllevatoIl metropolita Hilarion, ‘ministro degli Esteri del Patriarcato’, lo ha riferito al termine della sua visita in Cina, dove ha incontrato i vertici dell’amministrazione statale per gli affari religiosi. Il primo sacerdote dovrebbe servire ad Harbin e in futuro potrebbero avvenire altre due ordinazioni. L’alleanza strategica tra Mosca e Pechino - sullo sfondo della nuova Guerra Fredda con l’Occidente - passa anche per la Chiesa ortodossa, di cui la Repubblica popolare riconosce il ruolo ‘politico’ in Russia.
VATICANO
Papa: Noi e le quattro nuove sante, testimoni della resurrezione “dove più forte è l’oblio di Dio e lo smarrimento dell’uomo”Francesco proclama sante quattro suore, una francese, una italiana, due palestinesi: Maria Alfonsina Danil Ghattas, fondatrice delle Suore del Rosario, e la carmelitana Maria di Gesù Crocifisso (al secolo: Maria Bawardy). Presente Mahmoud Abbas, presidente dell’Autorità palestinese. “Rimanere in Cristo” e coltivare “l’unità fra di noi” sono segni essenziali della testimonianza. Maria Bawardy, “strumento di incontro e di comunione con il mondo musulmano”.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate