23/04/2013, 00.00
SIRIA
Invia ad un amico

Due vescovi ortodossi rapiti da un gruppo armato sulla strada di Aleppo

Sono il vescovo siro-ortodosso di Aleppo, mons. Youhanna Ibrahim, e quello greco-ortodosso di Aleppo e Iskanderun, mons. Boulos al-Yaziji. Il loro autista è stato ucciso alla periferia della città. La tv di Stato accusa "gruppi terroristi", ma l'identità dei rapitori non è chiara. Tempo fa mons. Ibrahim aveva denunciato i rapimenti e le violenze contro i cristiani.

Beirut (AsiaNews/Agenzie) - Il vescovo siro-ortodosso di Aleppo, mons. Youhanna Ibrahim, e quello greco-ortodosso di Aleppo e Iskanderun, mons. Boulos al-Yaziji, sono stati rapiti ieri da un gruppo di uomini armati vicino ad Aleppo, la città del nord siriano, da mesi teatro di scontri fra ribelli e soldati regolari.

Mons. Ibrahim (a sin. nella foto), con la sua auto guidata da un diacono, aveva prelevato mons. Yaziji da Bab al-Hawa, un villaggio vicino alla frontiera turca.

Arrivati alla periferia di Aleppo, un gruppo armato ha fermato il veicolo e obbligato i due prelati a uscire dall'auto. Dopo aver ucciso il diacono autista, hanno portato via i due vescovi.

Non è ancora chiara l'identità dei rapitori. La tv di Stato accusa "un gruppo terrorista armato" di aver rapito i due leader, mentre svolgevano "un lavoro umanitario nelle campagne di Aleppo". Abdulahad Steifo, un rappresentante della Coalizione nazionale siriana, ha dichiarato che i due prelati sono stati rapiti sulla strada vicino a Kafr Dael, dopo aver superato Bab al-Hawa, una zona in mano ai ribelli, ma ha precisato che  sull'identità dei rapitori "tutte le probabilità sono aperte".

Lo scorso settembre, mons. Ibrahim, parlando alla Reuters, aveva detto che centinaia di famiglie cristiane erano fuggite da Aleppo a causa degli scontri fra ribelli e soldati regolari per il controllo della città. "I cristiani sono stati attaccati e rapiti in modi mostruosi e i loro parenti hanno dovuto pagare ingenti somme di denaro per la loro liberazione".

Aleppo è la seconda città della Siria e la capitale economica del Paese medio-orientale. I cristiani costituiscono il 10% della popolazione, in maggioranza musulmana sunnita. Al momento la città è divisa sotto il controllo di uno o dell'altro gruppo e la popolazione soffre su entrambi i fronti (v. 28/03/2013  Aleppo: "stanchezza e rassegnazione" fra i civili, martoriati dalla guerra ).

Secondo l'Onu, nei due anni di guerra civile, sono state uccise almeno 70mila persone; un milione di siriani si sono rifugiati nei Paesi vicini.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Dagli "Amici della Siria" armi ai ribelli e maggiori sanzioni contro Assad
25/02/2012
Papa: "Prego per la liberazione di mons. Ibrahim e mons. Boulos al-Yaziji"
23/04/2013
Cattolici di Giordania marciano in silenzio per il rilascio dei vescovi ortodossi siriani
23/05/2013
I due vescovi di Aleppo ancora nella mani dei rapitori. La "dittatura della falsa informazione"
25/04/2013
Vescovo di Aleppo: Senza il dialogo la Siria diventerà un nuovo Iraq
13/02/2012