29/07/2009, 00.00
CINA
Invia ad un amico

E’ grave Huang Qi, in carcere perché ha cercato la verità sulle scuole crollate nel Sichuan

Il suo avvocato denuncia che gli crescono fibromi nell’addome e non riceve cure mediche. Huang ha raccolto notizie e parlato con giornalisti esteri sulle scuole crollate nel terremoto del Sichuan nel maggio 2008, che hanno ucciso migliaia di studenti.

Pechino (AsiaNews/Chrd) – Huang Qi, attivista per i diritti umani detenuto senza processo dal 10 giugno 2008, è malato, ma gli sono negate le necessarie cure mediche. Lo denuncia il Chinese Human Rights Defenders, che precisa che da maggio è stata chiesta la sua libertà su cauzione per motivi medici, senza ricevere risposta.

Il suo avvocato Mo Shaping, che l’ha visitato lo scorso maggio,  riferisce che da marzo l’attivista lamenta che 4 fibromi gli stanno crescendo nell’addome e nella parte sinistra del torace e che soffre di frequenti emicranie e insonnia, ma non ha ricevuto visite e cure mediche specifiche. Da due mesi nessuno ha potuto vederlo e si ignora se la sua salute sia ancora peggiorata.

Da quando è detenuto, Huang non ha potuto vedere nemmeno i familiari.

Huang è accusato di “possesso illegale di segreti di Stato” e rischia una condanna fino a 3 anni di carcere senza effettiva possibilità di difesa, in quanto il concetto di cosa sia “segreto” è molto flessibile e, una volta affermato dalle autorità, non si presta a verifiche di giudici e avvocati.

Il Chrd riporta che, in realtà, l’attivista aveva offerto aiuto legale ai genitori delle migliaia di scolari morti nel terremoto nel Sichuan del maggio 2008 sotto le scuole crollate. I parenti denunciano che le scuole erano mal costruite e sono venute giù come "budini di tofu", mentre gli edifici circostanti sono rimasti in piedi. Ma le autorità, dopo avere promesso sollecite indagini, hanno risposto che le scuole sono crollate solo per la violenza del sisma e rifiutano qualsiasi ulteriore discorso o accertamento tecnico.

Huang ha ospitato sul suo sito web 64tianwang.com le richieste di indagini e di risarcimento di 5 genitori di bambini morti sotto la scuola media di Dongqi ad Hanwang, ha riportato notizie e ha parlato con giornalisti esteri.

L’attivista, fondatore del Centro Tianwang per i Diritti Umani e di un sito web che li difende, è già stato in carcere dal 2003 al 2005 per “istigazione alla sovversione contro il potere dello Stato”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
A 3 anni dal terremoto del Sichuan, nessuna giustizia per gli scolari morti
11/05/2011
Condanna a tre anni per Huang Qi: aveva aiutato i terremotati del Sichuan
23/11/2009
In prigione perché difende le vittime del terremoto del Sichuan
09/08/2008
Terremoto nello Yunnan: 7mila case crollate, cinque morti, ma si teme il loro numero crescerà
08/10/2014
Nuova scossa di terremoto nel Sichuan e Yunnan. Decine di morti, centinaia di migliaia gli sfollati
01/09/2008