23/01/2013, 00.00
INDONESIA
Invia ad un amico

East Java, dietrofront delle autorità: via l’obbligo alle scuole cattoliche di insegnare l’islam

di Mathias Hariyadi
Dopo giorni di incontri e trattative viene annullato il provvedimento. Leader cattolico parla di “lieto fine” della vicenda. In precedenza era filtrata la notizia - infondata – secondo cui le scuole erano pronte ad accogliere la richiesta. All’opera di mediazione ha contribuito anche il vescovo di Surabaya.

Jakarta (AsiaNews) - Le sei scuole cattoliche di Blitar, città della provincia di East Java, finite nel mirino delle autorità locali perché non prevedevano lezioni di islam e Corano per gli studenti musulmani non verranno chiuse e non saranno costrette ad organizzare corsi ad hoc (cfr. AsiaNews 16/01/2013 East Java, sei scuole cattoliche a rischio chiusura: non insegnano l'islam). È quanto assicura ad AsiaNews B. Djokodwihatmono, segretario esecutivo della Commissione per l'educazione della Conferenza episcopale indonesiana (Kwi). Egli riferisce che, al termine di "tre giorni di discussioni approfondite" fra i funzionari amministrativi e i membri della John Gabriel Foundation, in rappresentanza della diocesi di Surabaya, le tensioni "si sono stemperate" e si è giunti al "lieto fine" della vicenda.

Le sei scuole cattoliche di Blitar a rischio chiusura erano: il Catholic Diponegoro High School, la Catholic Vocational Training High School, la Saint Mary KG, la Saint Mary Elementary School, lo Yos Sudarso Catholic Elementary e lo Yos Sudarso Catholic Junior High School. Esse hanno ricevuto un'ingiunzione dell'amministrazione comunale negli ultimi giorni del 2012, in base alla quale "entro il 19 gennaio" avrebbero dovuto ottemperare alla normativa regionale 8/2012. Il dispositivo prevede che tutti gli alunni di fede musulmana devono poter ricevere l'insegnamento dell'islam in classe (come previsto dalla Legge sull'educazione nazionale 55/2007).

La minaccia di chiusura delle autorità di Blitar ha incontrato la ferma reazione dei vertici scolastici, i quali ricordano che, al momento dell'iscrizione, genitori e alunni sono consapevoli che "negli istituti viene insegnata solo la religione cristiana". Le famiglie musulmane accettano di buon grado il regolamento interno, perché le scuole cattoliche sono un punto di riferimento per il valore educativo e il livello di istruzione impartito agli allievi.

La vicenda si era intricata nei giorni scorsi: alcuni media in lingua inglese di Jakarta hanno riferito che le scuole cattoliche erano disponibili a organizzare al loro interno corsi di religione islamica. Alla base dell'informazione fuorviante e scorretta, le dichiarazioni di un funzionario della John Gabriel Foundation, nemmeno autorizzato a rilasciare commenti, secondo cui gli istituti erano pronti ad accettare l'ultimatum. Una voce che ha scatenato reazioni polemiche e infuriate in seno alla comunità cristiana indonesiana.

Grazie alla mediazione dei vertici cattolici, fra i quali il vescovo di Surabaya mons. Vincentius Sutikno Wisaksono, la vicenda si è conclusa in modo positivo. "Sono fermamente convinto - dichiara B. Djokodwihatmono - che il capo dell'autorità di Blitar ha revocato in via ufficiale" l'ingiunzione. Fonti dell'amministrazione locale, anonime perché non autorizzate a rilasciare dichiarazioni, precisano inoltre che dietro la scelta vi sarebbero anche le "pressioni" del partito nazionalista Indonesian Democracy Party Struggle (Pdip), che ha sostenuto la candidatura alle urne dell'attuale leadership cittadina. 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
East Java, sei scuole cattoliche a rischio chiusura: non insegnano l’islam
16/01/2013
Il governo riconosce le scuole religiose musulmane e buddiste
18/02/2008
West Java, migliaia di estremisti islamici assaltano un centro cristiano
28/04/2010
Jakarta, centinaia di studenti partecipano a "Vivere per Dio, una vita spesa bene"
23/08/2014
Jakarta, è intollerante il 57% degli insegnanti musulmani
27/10/2018 08:00