25 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 04/09/2009, 00.00

    FILIPPINE

    Educazione dei giovani e meno politica, la via per la pace a Mindanao

    Santosh Digal

    Esponente di Silsilah, movimento per il dialogo interreligioso islamo – cristiano, racconta che a Mindanao il quarantennale conflitto ha condotto cristiani e musulmani a diffidare l’uno dell’altro. Solo insegnando ai giovani i valori del dialogo e della non violenza è possibile raggiungere una pace vera e duratura.

    Mindanao (AsiaNews) – Nella guerra che da quarant’anni affligge la popolazione di Mindanao, “il raggiungimento della pace è possibile solo educando i giovani al dialogo e richiedendo una maggiore serietà e imparzialità a governo e Paesi coinvolti nel processo di pace (Malaysia e Libia)”. E’ quanto afferma ad AsiaNews Remedio F. Marmoleño, cattolica presidente del Silsilah Board of Trustees. Nato a Zamboanga nel 1984, il Sililah (catena) è un movimento per il dialogo interreligioso, che raccoglie esponenti del mondo musulmano e cristiano. Negli anni il movimento ha sviluppato il dialogo con diversi settori della società, dando priorità ai poveri, ai giovani, alla formazione dei leaders e ai mezzi di comunicazione sociale. [1]

    Quali sono le principali  problematiche vissute dalla popolazione di Mindanao?

    I musulmani, attraverso il Milf, rivendicano da anni il “dominio ancestrale islamico” dell’isola. Questa situazione ha generato continui conflitti e un costante pregiudizio tra i musulmani e le altre comunità. La popolazione cristiana, a Mindanao da generazioni, vive nel terrore di essere un giorno soggetta alla sharia promossa dai fondamentalisti. Il permanere di queste differenze culturali non fa comprendere alla gente l’utilità del dialogo interreligioso, che nonostante gli sforzi è ostacolato di continuo.

    Come vive in questo contesto la comunità musulmana?

    I musulmani vivono da anni in una condizione di arretratezza economica rispetto al resto della popolazione e hanno poco spazio sul piano politico. Nelle province a maggioranza musulmana, l’instabilità dovuta alla presenza dei gruppi armati del Milf e la forte corruzione, rende di fatto impossibili gli investimenti da parte del governo e delle imprese private. Nelle aree ricche di risorse naturali essi sono invece in minoranza e il mancato sviluppo di queste zone, unito al  pregiudizio da parte delle altre comunità, impedisce loro di trovare lavoro.

    In che modo i leaders musulmani e quelli delle altre comunità  stanno svolgendo il loro ruolo all’interno del dialogo interreligioso?

    I responsabili delle comunità cristiane e indigene hanno svolto un lavoro visibile all’interno del processo di pace. Al contrario i leaders musulmani non si sono fatti valere tra la loro gente. Forse questo è dovuto al differente ruolo che ha il capo religioso all’interno della cultura islamica.    

    Come si può far comprendere ai giovani di entrambe le fedi l’opportunità del dialogo?

    I giovani hanno bisogno di essere educati. Occorre insegnare loro il rispetto per le persone che hanno differenti tradizioni culturali e religiose. Devono essere estirpati i pregiudizi e le incomprensioni che sono radicate nelle loro menti e mostrare loro i valori della pace e della non violenza.

    Che ruolo svolgono nel processo di pace  osservatori internazionali, autorità governativa e ong?

    C’è troppa politica nel processo di pace. I Paesi che dovrebbero facilitare il dialogo, come la Malaysia o la Libia, non si pongono come osservatori imparziali. Le Ong e le associazoni non hanno invece un programma specifico in merito alla pace eccetto il proposito di raggiungerla. Al contrario il governo centrale e l’esercito hanno un proprio programma di azione. Però esso non ha sempre come obiettivo il raggiungimento della pace.

    Cosa la spaventa di questa situazione? Come può contribuire il popolo filippino al raggiungimento di una pace duratura?

    Ciò che mi spaventa di più sono i nuovi gruppi fondamentalisti nati in questi anni, i quali mirano a stabilire un califfato pan - asiatico a Mindanao. Per raggiungere la pace è invece necessario che tutti i filippini lavorino insieme nel dialogo interreligioso per seguire da vicino l'evoluzine del processo di pace. Essi devono richiedere più responsabilità al governo filippino e al Milf e lavorare insieme per denunciare gli abusi compiuti da entrambe le parti. Tutti dobbiamo pregare e lavorare affinché la pace sia raggiunta il più presto possibile.  

     

        

    [1] Il conflitto tra esercito filippino e Moro Islamic Liberation Front è riesploso nel 2008 dopo dieci anni di tregua. Negli ultimi 17 mesi esso ha causato oltre 750mila tra profughi e rifugiati.   

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/12/2009 FILIPPINE
    Educare i bambini per estirpare la cultura della violenza a Mindanao
    Università statali e cattoliche promuovono la cultura della pace e del confronto culturale. Esperto di dialogo islamo – cristiano: “la pace è qualcosa di più del silenzio delle armi”. L’esempio del Silsilah.

    07/11/2009 FILIPPINE
    Politico musulmano di Mindanao: L’educazione cattolica mi ha aiutato nell’impegno per la pace
    Nabil Tan, islamico e vice governatore della Regione autonoma di Mindanao, racconta la sua esperienza di studente in un istituto cattolico. Per lui la condivisione e il rispetto delle varie religioni è una delle chiavi per il processo di pace.

    03/12/2008 FILIPPINE
    Avvento per la pace e il dialogo fra cristiani e musulmani a Mindanao
    Il movimento Silsilah, impegnato da oltre 20 anni a promuovere il dialogo islamo-cristiano, invita i musulmani a partecipare alle celebrazioni in preparazione al Natale. Condividere le esperienze religiose è la base per una riconciliazione fra le comunità, in un’ottica di “rispetto e amicizia”.

    19/03/2010 FILIPPINE
    Presidente Arroyo: Dialogo interreligioso unica soluzione per la pace a Mindanao
    La Arroyo ha pronunciato il suo intervento in occasione della due giorni sul dialogo interreligioso organizzata dal Movimento dei Paesi non allineati. L’incontro è stato commentato con favore anche dalla Chiesa cattolica, vera promotrice della pace nella regione a maggioranza musulmana martoriata da quarant’anni di guerra.

    16/03/2010 FILIPPINE
    Il movimento dei Non allineati per il dialogo e la pace a Mindanao
    Due giorni di incontri del Movimento dei Paesi non allineati, storica organizzazione internazionale che riunisce 118 Paesi in via di sviluppo. Leader musulmano: Piantare i semi della cultura della pace tra le persone e le nazioni attraverso il dialogo per consolidare gli sforzi verso la totale eliminazione dell’ombra della guerra.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I 60 anni dell’Associazione patriottica cinese: la Chiesa sottomessa alla politica

    Shan Ren Shen Fu (山人神父)

    Sebbene in tono basso - forse per i dialoghi col Vaticano - è risuonato ancora lo slogan per una Chiesa “autonoma” e “indipendente” (dalla Santa Sede) e sottomessa in tutto alla politica del Partito. I vescovi ufficiali muoiono come “funzionari di Stato”, lontani dai fedeli. Alcuni sono richiesti di iscriversi al Partito che obbliga i suoi membri all’ateismo. Fra i vescovi ufficiali mancano “testimoni”, ma vi sono alcuni “opportunisti”. L'opinione di un sacerdote della Chiesa ufficiale.


    VATICANO
    Papa: appello per “moderazione e dialogo” a Gerusalemme



    All’Angelus Francesco, preoccupato per le violenze in atto nella Città santa, invita a pregare  preghiera “affinché il Signore ispiri a tutti propositi di riconciliazione e di pace”. Il male e il bene sono “intrecciati” in ognuno di noi e non spetta all’uomo distinguere né giudicare.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®