28 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 27/01/2014, 00.00

    EGITTO

    Egitto, elezioni presidenziali entro aprile. Attesa la discesa in campo di al-Sisi



    La decisione è stata annunciata ieri dal presidente ad interim Adly Mansour. Il decreto presidenziale modifica l'agenda stilata dalle forze politiche dopo la caduta di Mohammed Morsi, che fissava prima le elezioni parlamentari e poi quelle per il capo di Stato. Per i critici la mossa favorisce la discesa in campo del gen. al-Sisi e la formazione di un governo a lui fedele.

    Il Cairo (AsiaNews) - Entro aprile l'Egitto avrà un nuovo presidente. Ad annunciarlo è l'attuale capo di Stato ad interim Adly Mansour che ieri ha firmato un decreto presidenziale in cui fissa la precedenza delle votazioni presidenziali rispetto a quelle parlamentari. Per la prima volta la popolazione eleggerà prima il presidente e in seguito i propri rappresentanti. Le elezioni si terranno entro la metà di aprile, rispettando i tempi di 90 giorni stabiliti dalla nuova Costituzione varata lo scorso 18 gennaio.

    Ieri sera, in un discorso alla nazione, Mansour ha spiegato che il decreto è stato discusso fra le forze politiche che a "grande maggioranza" hanno accettato il cambiamento per favorire un clima di sicurezza. Molti analisti e leader politici hanno criticato la decisione del presidente che rafforza ancora di più il potere del generale Abdel Fattah al-Sisi. L'attuale ministro della Difesa e considerato l'unico vero leader del Paese ed è stato promosso da colonello generale a feldmaresciallo. Nelle scorse settimane egli ha fatto intendere una sua futura discesa in campo come candidato alla presidenza, sfruttando i risultati del referendum costituzionale dove il 98% degli elettori ha approvato la nuova Costituzione sponsorizzata dall'esercito. Per Khaled Dawoud, attivista per i diritti umani, "la mossa era prevedibile considerati i segni che indicano come futuro presidente il gen. al-Sisi".

    Secondo il calendario stilato dall'esercito dopo la caduta dell'ex presidente Mohammed Morsi, il parlamento avrebbe dovuto essere eletto subito dopo il referendum. Tuttavia, nell'art. 230 della nuova Costituzione (nella parte riguardante le istituzioni) è stata eliminata la successione temporale che impone prima le elezioni parlamentari e in seguito quelle presidenziali, dando ampio margine di scelta all'attuale establishment. La decisione di rivedere l'ordine delle elezioni rispetto al passato rischia di approfondire le tensioni in Egitto, che sta lottando per far fronte alle ondate di violenza politica. In questi giorni 49 persone sono state uccise durante le manifestazioni per il terzo anniversario della Primavera araba. Altre 15 persone sono morte negli attentati che hanno colpito il centro del Cairo il 24 gennaio scorso. 

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/01/2014 EGITTO
    Egitto, Al-Sisi scende in campo. Ucciso principale esponente del ministero degli Interni
    Il gen. Mohamed Said, capo dell'ufficio tecnico del ministero, è stato ucciso questa mattina a colpi di pistola davanti alla sua abitazione. L'omicidio è avvenuto poche ore prima del processo contro l'ex presidente e leader islamista Mohamed Morsi, in corso al Cairo. Ieri il Consiglio dell'esercito ha dato il via libera al gen. al-Sisi, ministro della Difesa, per una sua candidatura come futuro presidente.

    11/04/2012 EGITTO
    Un tribunale egiziano blocca l'islamismo dell'Assemblea costituente
    L'organo è incostituzionale e non rappresenta il popolo egiziano. Portavoce della Chiesa cattolica sottolinea il gesto come un segno di speranza per la giustizia egiziana. Il Paese è in una nuova fase di stallo. A rischio le elezioni presidenziali previste per giugno.

    20/01/2014 EGITTO
    Gli egiziani approvano la Costituzione, ma al-Sisi perde il consenso dei giovani
    Per Mina Thabet, leader cristiano della Maspero Youth Union, molti giovani hanno boicottato il referendum. Essi criticano l'egemonia dei militari e la legge sulle proteste che ha portato in carcere decine di attivisti pro-democrazia. I giovani che hanno dato il via alla Primavera araba sono stati ancora una volta messi da parte.

    02/01/2013 EGITTO
    Egiziani delusi celebrano la fine della Primavera araba
    Dopo la firma della nuova costituzione l'Egitto si trova diviso fra l'egemonia dei Fratelli musulmani e l'opposizione dei partiti liberali e laici. La popolazione resta a guardare. Per gli egiziani non vi è alcuna differenza fra il regime di Mubarak e quello dei Fratelli musulmani. I salafiti continuano a lanciare fatwa contro i cristiani. L'ultima proibisce ai musulmani di fare gli auguri di Natale ai cristiani. Un leader islamico piange in televisione e sottolinea che "il nostro islam è in mano a menti arretrate che scialacquano la religione in fazioni e partiti settari".

    29/05/2014 EGITTO
    Portavoce Chiesa cattolica: "La vittoria di Al-Sisi, una rivolta civile contro l'estremismo islamico"
    Ad AsiaNews p. Rafic Greiche commenta i risultati elettorali: "Tanta disinformazione, nei giorni scorsi, persino sull'affluenza al voto che invece è stata alta. Il nuovo presidente è stato fino a oggi un uomo di parola, speriamo vada avanti così. Ripresa economica e stabilità sono gli obiettivi comuni. E i Fratelli musulmani imparino da quanto è accaduto, ripudiando la violenza".



    In evidenza

    VATICANO-EGITTO
    Papa Francesco in videomessaggio: Caro popolo d’Egitto…

    Papa Francesco

    In occasione della sua visita al Paese (28-29 aprile), oggi papa Francesco ha trasmesso un videomessaggio al popolo egiziano. “Il nostro mondo, dilaniato dalla violenza cieca – che ha colpito anche il cuore della vostra cara terra – ha bisogno di pace, di amore e di misericordia; ha bisogno di operatori di pace”.


    ISLAM
    Le radici dell’islamismo violento sono nell’islam, parola di musulmano

    Kamel Abderrahmani

    Dopo ogni attentato terrorista si tende a dire: “Questo non è l’islam”. Eppure quegli atti criminali sono giustificati e ispirati dai testi che sono il riferimento dei musulmani e delle istituzioni islamiche nel mondo. È urgente una riforma dell’islam dall’interno, da parte degli stessi musulmani. La convivenza con le altre religioni è la strada per togliere l’islam dalla sclerosi e dalla stagnazione.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®