18 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 19/07/2012, 00.00

    EGITTO

    Egitto, islamismo e insicurezza lasciano deserte le spiagge del Mar Rosso



    A 17 mesi dalla caduta di Mubarak alcuni imprenditori lamentano perdite del 70%. Albergatori, ristoratori e agenti lanciano un appello a Morsi per non islamizzare il settore turistico balneare. Nei primi cinque mesi del 2012 le visite sono calate del 26% rispetto al 2010, i guadagni sono scesi invece del 24%.

    Il Cairo (AsiaNews/ Agenzie) - Spiagge semideserte, hall di hotel un tempo affollate da turisti trasformate in magazzini, baristi e camerieri seduti in attesa di clienti: è il triste scenario che da oltre un anno caratterizza le spiagge del Mar Rosso, fino al 2011 perla dell'industria turistica egiziana. A 17 mesi dalla caduta di Mubarak la situazione nei centinaia di resort e villaggi vacanza non è migliorata. Gli operatori del settore sono pessimisti e guardano con paura al nuovo Egitto guidato dai Fratelli Musulmani, che a tutt'oggi non si sono ancora espressi in merito a vendita di alcolici, bikini, piscine promiscue e discoteche.

    Waleed, imprenditore turistico di Sharm el - Sheik racconta che "la sua azienda ha perso più del 70% delle entrate ". "L'Egitto - spiega - vive di turismo. Penso che in futuro il presidente Morsi tenterà di islamizzare anche il nostro settore, ma sarà un processo lungo. Nell'immediato non prenderà alcuna decisione,  la popolazione deve mangiare".

    Nelle 81 pagine di programma elettorale presentate dai Fratelli Musulmani nemmeno una menziona il turismo da spiaggia, che rappresenta una delle principali entrate dell'industria vacanziera. Alla domanda sul tema, la maggior parte dei leader islamisti glissa, affermando che ora vi sono altre priorità da affrontare e che il settore è marginale e coinvolge poche persone. Tuttavia, promettono di sostenere iniziative culturali, centri per il benessere e tour nel deserto.

    Imprenditori e gestori di locali e spiagge sostengono invece che il loro lavoro rappresenti circa l'80% dell'industria turistica egiziana, con numeri in grado di competere con Spagna e Turchia. Samir Makari, economista, sottolinea che il settore impiega in via diretta e indiretta dal 12% al 15% della forza lavoro, con entrate pari all'11% del Pil. Esso è una fonte di impiego in un Paese con un alto tasso di natalità e con un settore manifatturiero stagnante.

    Con l'inizio della Primavera araba le entrate e l'offerta di posti di lavoro sono calati in modo drastico. Nei primi cinque mesi del 2012 le visite sono scese del 26% rispetto al 2010, i guadagni del 24%. Secondo Makari, alla minaccia islamista si aggiunge il clima di insicurezza in cui è piombato il Paese. Le continue manifestazioni, gli scontri fra polizia e manifestanti costati 800 morti spaventano i turisti. Mimi Waisband, vice-presidente della Crystal Cruise Public relations, afferma che gli agenti di viaggio e i loro clienti provenienti dai Paesi occidentali hanno paura a viaggiare in Egitto.

    La maggior parte degli operatori  guarda con interesse i Paesi islamici sull'altra sponda del Mar Rosso, ma avvertono anche sul futuro di un'islamizzazione radicale dell'Egitto. Un agente di viaggio sottolinea: "L'Arabia Saudita ha le miglori spiagge vergini del Mar rosso, ma non si vede un visitatore. Gli unici sono i musulmani che si recano nel Paese islamico per il pellegrinaggio a La Mecca".   

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/11/2013 EGITTO
    Egitto: cancellato lo stato di emergenza, resta il coprifuoco in alcune aree
    La legge speciale era entrata in vigore lo scorso 14 agosto, durante gli scontri con i Fratelli Musulmani. Su ordine di un tribunale egiziano il nuovo provvedimento entrerà in vigore nel pomeriggio di oggi. L'esercito dichiara che continuerà ad applicare lo stato di emergenza e il coprifuoco nelle aree sensibili in attesa di una notifica ufficiale.

    27/06/2013 EGITTO
    Egitto, anche le campagne contro Mohamed Morsi: il presidente vive "in un altro pianeta"
    Mina Magdy, portavoce della Maspero Youth Union, racconta ad AsiaNews il successo del movimento Tamarod (The Rebel) che in un mese ha raccolto 15 milioni di firme per sfiduciare il presidente egiziano. Gran parte delle adesioni giunge a sorpresa dai distretti rurali dell'Alto Egitto, un tempo roccaforte islamista. La crescita della povertà, dei furti, delle violenze e della disoccupazione sono il vero fallimento dei Fratelli Musulmani.

    01/05/2013 EGITTO
    Luxor, meta del turismo mondiale diventata una città fantasma
    Per l'instabilità politica, i visitatori sono calati del 70%. In città si sopravvive a stento. Molte persone un tempo impiegate nel settore hanno cambiato lavoro. Per la popolazione il governo islamista ha paura del turismo e lo lascerà morire.

    14/01/2013 EGITTO - ISLAM
    Il doppio gioco di al-Azhar per islamizzare l'Egitto e mantenere il potere
    Il più importante ateneo sunnita ha prima appoggiato i giovani della rivoluzione; ora sta coi Fratelli musulmani. Sharia e islam rassicurano la popolazione, che si fida solo degli imam, tutti formati da al-Azhar. La futura partita dei Fratelli musulmani e dello stesso islam si giocherà nei prossimi mesi su temi concreti: lavoro, economia, sviluppo.

    05/07/2013 EGITTO
    Egitto, l'esercito consente ai Fratelli Musulmani manifestazioni pacifiche
    L'annuncio è stato dato in vista delle manifestazioni pro-Morsi in programma per oggi pomeriggio, dopo la preghiera del venerdì. I militari e il nuovo esecutivo guidato da Adli Mansour invitano la popolazione alla calma e alla riconciliazione. Ignoti assaltano un posto di blocco nei pressi del valico di Rafah (Sinai).



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: Avvento fra i profughi di Mosul, la solidarietà più forte delle difficoltà (Foto)



    P. Samir racconta un clima di gioia e di speranza, nonostante la mancanza di risorse e il calo negli aiuti. La lotta per sopravvivenza ha accresciuto il legame di unione fra cristiani e con musulmani e yazidi. Ancora oggi il centro ospita 150 rifugiati, il 70% dipende dalle risorse stanziate dalla Chiesa. Centinaia di giovani all’incontro di preghiera in preparazione al Natale.


    VATICANO-ASIA
    Xenofobia e populismo. Il caso dell’Asia

    Bernardo Cervellera

    Il simposio sul tema, voluto dal Consiglio mondiale delle Chiese (Wcc) e dal Dicastero vaticano per il servizio dello sviluppo umano integrale. Nella crescente ostilità verso gli altri, considerati come nemici e stranieri, tracciare le piste per l’impegno delle Chiese. I “migranti” tema politico importante in Germania e nella Brexit del Regno Unito. Testimonianze dall’America latina e dall’Africa. Esperienze asiatiche affidate al direttore di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®