6 Marzo 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 09/09/2011
EGITTO
Egitto, partiti laici in piazza per dare una sterzata alla rivoluzione dei gelsomini
Alla protesta hanno aderito migliaia di giovani, ma non i partiti islamici. Fra le richieste la fine della legge marziale e l’espulsione degli ex delle regime dalle istituzioni. Egitto ormai diviso fra laici democratici e partiti islamici. Cresce la paura fra i cristiani.

Il Cairo (AsiaNews) – Migliaia di giovani egiziani – meno di quanto annunciato nei giorni scorsi - hanno manifestato in piazza Tahrir per sollecitare l’esercito a mantenere le promesse fatte dopo la caduta di Mubarak. Guidati dallo slogan “Correggiamo il sentiero della rivoluzione”, i manifestanti hanno chiesto di purificare le istituzioni dagli ex del regime, riformare la giustizia e porre fine all’utilizzo della corte marziale per i processi contro i manifestanti arrestati in gennaio.

Organizzata dai partiti liberali, fra cui il Movimento 6 aprile, il Fronte nazionale democratico e il Partito Adl, la protesta è stata disertata dai partiti islamici, che in questi giorni hanno minimizzato le richieste dei giovani liberali, giudicandole prive di contenuto.

P. Rafic Greche, portavoce della Chiesa cattolica egiziana, spiega che da tempo i partiti musulmani tendono ad ostacolare le manifestazioni contro l’esercito. “I Fratelli musulmani – afferma – vogliono vincere le elezioni di novembre e cercano l’appoggio dei militari”. Per il sacerdote l’Egitto è ormai spaccato in due. Da una parte ci sono Fratelli musulmani, salafiti e movimenti islamici tradizionalisti che vogliono trasformare il Paese in una repubblica islamica basata sulla sharia. Dall’altra i partiti democratici laici che lottano per un governo laico rispettoso dei diritti umani e delle minoranze religiose. Essi portano avanti i veri valori della Rivoluzione dei gelsomini, cavalcata solo in seguito dagli estremisti.

Nonostante il processo in corso a Hosni Mubarak abbia catalizzato gran parte dell’opinione pubblica egiziana e mondiale, mostrandosi come interfaccia del nuovo Egitto, secondo fonti di AsiaNews poco o nulla cambiato a quasi otto mesi dalla caduta del rais. “La popolazione – spiegano – ha paura e non sa cosa accadrà in futuro. Per le strade non c’è sicurezza. Si fa fatica ad arrivare a fine mese per colpa della grave crisi economica aggravata dall’instabilità sociale”. Le fonti sottolineano che l’unico attore che ha in mano questa situazione è l’esercito. “I militari stanno cercando di mediare fra le varie fazioni politiche nate dopo la rivoluzione e i movimenti islamici, ma di fatto sono inermi”.

La crisi sociale si percepisce soprattutto nella campagne e nei distretti dell’Alto Egitto, lontano dalla capitale, dove gli estremisti agiscono indisturbati. “I salafiti vogliono imporre a tutti gli usi islamici – affermano le fonti - come ad esempio il wudu, il rito della purificazione del corpo che ogni musulmano deve eseguire prima di pregare. Purtroppo in questa situazione le uniche vittime sono i cristiani e le minoranze non islamiche”.

Secondo notizie non confermate, nel villaggio di Elmarinab (provincia di Aswan), un gruppo di musulmani avrebbe sequestrato nei giorni scorsi l’intera comunità copta locale, per obbligarli a demolire la copula della chiesa di S. Giorgio realizzata senza il permesso delle autorità. (S.C.)
 

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
29/07/2011 EGITTO
Decine di migliaia in piazza Tahrir chiedono un'identità araba e islamica per il Paese
03/07/2013 EGITTO
Scade l'ultimatum dell'esercito. Milioni di egiziani affollano piazze e strade
16/05/2011 EGITTO
Partiti laici egiziani insieme per frenare il dominio dei Fratelli musulmani
26/01/2013 EGITTO
Egitto, ancora scontri fra polizia e manifestanti: 12 morti e quasi 500 feriti
25/01/2013 EGITTO
Giovane leader egiziano: L'Occidente sostenga la nostra lotta contro gli islamisti

In evidenza
EGITTO - ISLAM
Le parole di al-Tayeb e di al-Sisi un grande passo per una rivoluzione dell'islam
di Samir Khalil SamirIl grande imam di Al-Azhar ha denunciato le interpretazioni basate sulla lettera del Corano e della sunna, brandite dai fondamentalisti e dai terroristi islamici; sostiene l'urgenza di una riforma dell'insegnamento dell'islam fra i laici e gli imam; domanda la fine della scomunica (takfir) reciproca fra sunniti e sciiti. E il presidente egiziano al-Sisi ha deciso di combattere lo Stato islamico dopo la decapitazione di 21 cristiani copti, che egli ha definito "cittadini egiziani" a parte intera.
ARABIA SAUDITA - ISLAM
Imam di Al-Azhar: Per fermare l'estremismo islamico occorre una riforma dell'insegnamento religiosoPer Ahmed al-Tayeb è urgente stilare un nuovo curriculum di studi per evitare una "cattiva interpretazione" del Corano e della sunna. Il terrorismo islamico mette in crisi l'unità del mondo musulmano. Il "nuovo colonialismo globale alleato al sionismo mondiale". Il discorso del re saudita.
HONG KONG - CINA - VATICANO
Card. Zen: Sembra che qualcuno voglia farci tacere
di Card. Joseph Zen Ze-kiunIl diffuso ottimismo sul miglioramento del dialogo fra Santa Sede e Cina sembra non avere fondamento. Alcune "tendenziose" interviste a vescovi cinesi, frenati nella libertà di parlare. Le questioni fondamentali sono sempre aperte: chi nomina i vescovi; cosa fare dell'Associazione patriottica. La guida della Lettera di Benedetto XVI ai cattolici cinesi, citata anche da papa Francesco. Un non accordo è meglio di un cattivo accordo. Cosa è successo a mons. Cosma Shi Enxiang? E a mons. Giacomo Su Zhimin? Un'animata riflessione del vescovo emerito di Hong Kong, campione della libertà religiosa in Cina.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate