25 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 09/09/2011, 00.00

    EGITTO

    Egitto, partiti laici in piazza per dare una sterzata alla rivoluzione dei gelsomini



    Alla protesta hanno aderito migliaia di giovani, ma non i partiti islamici. Fra le richieste la fine della legge marziale e l’espulsione degli ex delle regime dalle istituzioni. Egitto ormai diviso fra laici democratici e partiti islamici. Cresce la paura fra i cristiani.
    Il Cairo (AsiaNews) – Migliaia di giovani egiziani – meno di quanto annunciato nei giorni scorsi - hanno manifestato in piazza Tahrir per sollecitare l’esercito a mantenere le promesse fatte dopo la caduta di Mubarak. Guidati dallo slogan “Correggiamo il sentiero della rivoluzione”, i manifestanti hanno chiesto di purificare le istituzioni dagli ex del regime, riformare la giustizia e porre fine all’utilizzo della corte marziale per i processi contro i manifestanti arrestati in gennaio.

    Organizzata dai partiti liberali, fra cui il Movimento 6 aprile, il Fronte nazionale democratico e il Partito Adl, la protesta è stata disertata dai partiti islamici, che in questi giorni hanno minimizzato le richieste dei giovani liberali, giudicandole prive di contenuto.

    P. Rafic Greche, portavoce della Chiesa cattolica egiziana, spiega che da tempo i partiti musulmani tendono ad ostacolare le manifestazioni contro l’esercito. “I Fratelli musulmani – afferma – vogliono vincere le elezioni di novembre e cercano l’appoggio dei militari”. Per il sacerdote l’Egitto è ormai spaccato in due. Da una parte ci sono Fratelli musulmani, salafiti e movimenti islamici tradizionalisti che vogliono trasformare il Paese in una repubblica islamica basata sulla sharia. Dall’altra i partiti democratici laici che lottano per un governo laico rispettoso dei diritti umani e delle minoranze religiose. Essi portano avanti i veri valori della Rivoluzione dei gelsomini, cavalcata solo in seguito dagli estremisti.

    Nonostante il processo in corso a Hosni Mubarak abbia catalizzato gran parte dell’opinione pubblica egiziana e mondiale, mostrandosi come interfaccia del nuovo Egitto, secondo fonti di AsiaNews poco o nulla cambiato a quasi otto mesi dalla caduta del rais. “La popolazione – spiegano – ha paura e non sa cosa accadrà in futuro. Per le strade non c’è sicurezza. Si fa fatica ad arrivare a fine mese per colpa della grave crisi economica aggravata dall’instabilità sociale”. Le fonti sottolineano che l’unico attore che ha in mano questa situazione è l’esercito. “I militari stanno cercando di mediare fra le varie fazioni politiche nate dopo la rivoluzione e i movimenti islamici, ma di fatto sono inermi”.

    La crisi sociale si percepisce soprattutto nella campagne e nei distretti dell’Alto Egitto, lontano dalla capitale, dove gli estremisti agiscono indisturbati. “I salafiti vogliono imporre a tutti gli usi islamici – affermano le fonti - come ad esempio il wudu, il rito della purificazione del corpo che ogni musulmano deve eseguire prima di pregare. Purtroppo in questa situazione le uniche vittime sono i cristiani e le minoranze non islamiche”.

    Secondo notizie non confermate, nel villaggio di Elmarinab (provincia di Aswan), un gruppo di musulmani avrebbe sequestrato nei giorni scorsi l’intera comunità copta locale, per obbligarli a demolire la copula della chiesa di S. Giorgio realizzata senza il permesso delle autorità. (S.C.)
     
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/07/2011 EGITTO
    Decine di migliaia in piazza Tahrir chiedono un'identità araba e islamica per il Paese
    Organizzate da gruppi e partiti musulmani, le proteste pacifiche hanno coinvolto anche movimenti laici e copti. Manifestazioni in contemporanea anche ad Alessandria e Suez. Cresce il potere dei Fratelli musulmani che potrebbero sfruttare il Ramadan a scopo elettorale.

    03/07/2013 EGITTO
    Scade l'ultimatum dell'esercito. Milioni di egiziani affollano piazze e strade
    I militari hanno occupato la sede della TV nazionale: il Consiglio supremo delle forze armate organizza i colloqui fra delegati governativi e manifestanti, boicottati per il momento dai Fratelli Musulmani. La al-Gamaa al Islamiya abbandona il presidente.

    16/05/2011 EGITTO
    Partiti laici egiziani insieme per frenare il dominio dei Fratelli musulmani
    I leader dei partiti nati dopo la rivoluzione di piazza Tahrir si sono riuniti ieri al Cairo. Portavoce della Chiesa cattolica egiziana: “Una coalizione è l’unico strumento che abbiamo per evitare la creazione di uno Stato confessionale”. Dopo gli scontri fra musulmani e cristiani, l’esercito riapre 16 chiese copte chiuse per motivi di sicurezza.

    26/01/2013 EGITTO
    Egitto, ancora scontri fra polizia e manifestanti: 12 morti e quasi 500 feriti
    E' il secondo anniversario della Rivoluzione dei gelsomini. Gli scontri più gravi a Suez, dove l'esercito ha blindato l'ingresso al canale. Il presidente Mohamed Morsi minaccia di usare il pugno di ferro contro i responsabili delle violenze. Port Said in fiamme dopo il verdetto sul massacro di tifosi del 2 febbraio 2012. Assaltate le caserme di polizia.

    25/01/2013 EGITTO
    Giovane leader egiziano: L'Occidente sostenga la nostra lotta contro gli islamisti
    Per il secondo anniversario della Rivoluzione dei gelsomini, milioni di giovani manifestano oggi in tutto il Paese contro il governo di Fratelli Musulmani e salafiti. Dalla caduta di Mubarak nulla è cambiato. Per Nagui Damian, giovane leader copto, la popolazione è pronta a tutto pur di far sentire la propria voce. Si temono scontri, anche violenti, con le forze dell'ordine.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®