30 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 29/07/2010, 00.00

    CINA

    Emergenza ambiente in Cina: sostanze tossiche nel fiume Songhua



    A Jilin le alluvioni trascinano nel fiume 3mila barili di sostanze tossiche: ore di paura, poi l’allarme rientra. A Nanjing durante la demolizione di una fabbrica esplode un tubo di gas propilene, con morti e feriti. Continuano le pesanti piogge, quasi 1.000 morti.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Jilin, 4,3 milioni circa di abitanti, è rimasta ieri senz’acqua dopo che circa 3mila barili contenenti materiale chimico tossico sono caduti nel fiume Songhua. In un’estate di vera emergenza ambientale, continuano le opere di soccorso a Nanjing dove ieri una condotta del gas è esplosa causando 12 morti e decine di feriti.

    A Jilin le alluvioni hanno trascinato via da una fabbrica i barili, ciascuno contenente 170 chilogrammi di clorotrimetilsilane, sostanza chimica incolore molto infiammabile. Le forniture idriche sono state ripristinate stamattina, dopo che le analisi hanno dimostrato che le acque non sono nocive, mentre prosegue l’opera di recupero dei fusti, che non è chiaro se fossero chiusi. Ieri gli abitanti hanno preso d’assalto i negozi facendo incetta di acqua minerale, temendo che l’interruzione delle forniture durasse a lungo, senza dare ascolto agli inviti delle autorità alla calma. Tra la gente è ancora vivo il ricordo del novembre 2005, quando tonnellate di benzene finirono proprio nel fiume Songhua e le autorità cercarono per giorni di tenere nascosto il disastro.

    Sempre ieri i lavori di demolizione di una fabbrica abbandonata hanno danneggiato una condotta di gas propilene, causando l’esplosione.

    Gli abitanti delle case vicine descrivono l’esplosione “come una scossa di terremoto”, che li ha fatti correre fuori atterriti. Oltre 900 poliziotti e funzionari sono ancora all’opera nella zona per prestare soccorso e riparare i danni, ma anche per evitare il dilagare di proteste dopo che i residenti hanno iniziato a radunarsi in strada protestando per l’interruzione delle forniture di acqua, elettricità e gas, che oggi le autorità dicono già ripristinate. L’esplosione ha spianato le case più vicine e danneggiato i veicoli in un raggio di oltre 100 metri. Circa 120 persone sono state ricoverate in ospedale.

    L’incidente di Jilin è stato causato dalle peggiori piogge che hanno colpito la Cina da anni, che hanno causato 928 morti, 477 dispersi, 875mila case distrutte, 9,61 milioni di sfollati, 8,76 milioni di ettari coltivati devastati e danni per decine di miliardi di dollari, secondo dati ufficiali aggiornati a ieri. Si prevede che il maltempo prosegua e peggiori ancora almeno fino a domani. In molte zone sui fiumi Yangtze e Han e sui loro tributari si apprestano dighe con sabbia per timore dell’onda di piena. Le grandi opere come la Diga Three Gorges sono sotto continua osservazione, mentre l’acqua continua a salire e ha raggiunto i 158 metri, circa al 90% della capacità massima della diga.

    Peraltro queste settimane il Paese è stato anche colpito da una serie di disastri ambientali causati dalle carenze delle misure di sicurezza, riproponendo come primario il problema che lo sviluppo industriale avvenga con adeguate cautele per l’ambiente.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/12/2005 CINA
    Cina, "trovato morto" dirigente licenziato dopo l'esplosione nell'impianto di Jilin

    Il vice-sindaco della città e responsabile della protezione ambientale "è stato trovato morto ieri". Era fra i 3 dirigenti licenziati dopo l'esplosione dell'impianto e l'inquinamento del fiume Songhua. Intanto il benzene tossico si avvicina alla Russia che accusa: "In Cina scarsa attenzione per l'ambiente".



    25/11/2005 CINA
    Cina, si diffonde la paura per l'inquinamento e la sfiducia verso i leader

    Almeno 100 tonnellate di sostanze tossiche finite nel fiume Songhua. Si teme che il benzene rimanga sulle rive e nelle zone ghiacciate per tutto l'inverno. A Chongqing esplode un impianto chimico e si diffondono voci di inquinamento del fiume. Esperti e media molto critici verso il governo.



    24/07/2008 CINA
    Evacuata l’ultima città che sarà sommersa dalla diga delle Tre Gole
    In tutto sono stati sfollati 1,4 milioni di persone. Lunga 2.309 metri con un bacino d’acqua alto 175 metri, si prevede produca 84,7 miliardi di chilovattori annui. Ma esperti temono per le conseguenze ambientali e geologiche.

    13/07/2010 CINA
    Frane, alluvioni e piogge: crescono le vittime nel Sichuan e nello Yunnan
    Sei persone sono morte a Luzhou; sette a Garze; tre nello Yunnan, ma vi sono 50 dispersi. Continua il lavoro per svuotare la diga di Mianquan (Qinghai) che rischia di tracimare. A rischio la ferrovia Qinghai-Tibet e le case di 205 mila persone.

    23/11/2005 CINA
    Ad Harbin 3 milioni di persone senz'acqua

    Da ieri sera il Governo di Harbin ha bloccato il rifornimento di acqua alla città. La popolazione in panico esaurisce i rifornimenti dei supermercati o fugge. 





    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®