19 Dicembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 29/07/2010
CINA
Emergenza ambiente in Cina: sostanze tossiche nel fiume Songhua
A Jilin le alluvioni trascinano nel fiume 3mila barili di sostanze tossiche: ore di paura, poi l’allarme rientra. A Nanjing durante la demolizione di una fabbrica esplode un tubo di gas propilene, con morti e feriti. Continuano le pesanti piogge, quasi 1.000 morti.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Jilin, 4,3 milioni circa di abitanti, è rimasta ieri senz’acqua dopo che circa 3mila barili contenenti materiale chimico tossico sono caduti nel fiume Songhua. In un’estate di vera emergenza ambientale, continuano le opere di soccorso a Nanjing dove ieri una condotta del gas è esplosa causando 12 morti e decine di feriti.

A Jilin le alluvioni hanno trascinato via da una fabbrica i barili, ciascuno contenente 170 chilogrammi di clorotrimetilsilane, sostanza chimica incolore molto infiammabile. Le forniture idriche sono state ripristinate stamattina, dopo che le analisi hanno dimostrato che le acque non sono nocive, mentre prosegue l’opera di recupero dei fusti, che non è chiaro se fossero chiusi. Ieri gli abitanti hanno preso d’assalto i negozi facendo incetta di acqua minerale, temendo che l’interruzione delle forniture durasse a lungo, senza dare ascolto agli inviti delle autorità alla calma. Tra la gente è ancora vivo il ricordo del novembre 2005, quando tonnellate di benzene finirono proprio nel fiume Songhua e le autorità cercarono per giorni di tenere nascosto il disastro.

Sempre ieri i lavori di demolizione di una fabbrica abbandonata hanno danneggiato una condotta di gas propilene, causando l’esplosione.

Gli abitanti delle case vicine descrivono l’esplosione “come una scossa di terremoto”, che li ha fatti correre fuori atterriti. Oltre 900 poliziotti e funzionari sono ancora all’opera nella zona per prestare soccorso e riparare i danni, ma anche per evitare il dilagare di proteste dopo che i residenti hanno iniziato a radunarsi in strada protestando per l’interruzione delle forniture di acqua, elettricità e gas, che oggi le autorità dicono già ripristinate. L’esplosione ha spianato le case più vicine e danneggiato i veicoli in un raggio di oltre 100 metri. Circa 120 persone sono state ricoverate in ospedale.

L’incidente di Jilin è stato causato dalle peggiori piogge che hanno colpito la Cina da anni, che hanno causato 928 morti, 477 dispersi, 875mila case distrutte, 9,61 milioni di sfollati, 8,76 milioni di ettari coltivati devastati e danni per decine di miliardi di dollari, secondo dati ufficiali aggiornati a ieri. Si prevede che il maltempo prosegua e peggiori ancora almeno fino a domani. In molte zone sui fiumi Yangtze e Han e sui loro tributari si apprestano dighe con sabbia per timore dell’onda di piena. Le grandi opere come la Diga Three Gorges sono sotto continua osservazione, mentre l’acqua continua a salire e ha raggiunto i 158 metri, circa al 90% della capacità massima della diga.

Peraltro queste settimane il Paese è stato anche colpito da una serie di disastri ambientali causati dalle carenze delle misure di sicurezza, riproponendo come primario il problema che lo sviluppo industriale avvenga con adeguate cautele per l’ambiente.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
07/12/2005 CINA
Cina, "trovato morto" dirigente licenziato dopo l'esplosione nell'impianto di Jilin
25/11/2005 CINA
Cina, si diffonde la paura per l'inquinamento e la sfiducia verso i leader
24/07/2008 CINA
Evacuata l’ultima città che sarà sommersa dalla diga delle Tre Gole
13/07/2010 CINA
Frane, alluvioni e piogge: crescono le vittime nel Sichuan e nello Yunnan
23/11/2005 CINA
Ad Harbin 3 milioni di persone senz'acqua

In evidenza
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.
IRAQ
Patriarca caldeo: Digiuno alla vigilia di Natale per il ritorno dei profughi a Mosul
di Joseph MahmoudMar Louis Sako domanda ai fedeli di non celebrare in modo "mondano", con sfarzo e abbondanza, Natale e Capodanno in segno di solidarietà con i fuggitivi della piana di Ninive, perseguitati dall'Esercito islamico. AsiaNews aderisce al digiuno proposto dal Patriarca e chiede a tutti i lettori di dare il corrispettivo del digiuno a sostegno della campagna "Adotta un cristiano di Mosul".
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate