23 Dicembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 23/08/2012
PAKISTAN
Faisalabad, brutale omicidio di un 14enne cristiano: corpo smembrato e volto sfigurato
di Shafique Khokhar
Suneel Masih, orfano, era scomparso il 19 agosto. Il suo cadavere è stato rinvenuto due giorni più tardi, in un’area isolata. Depredati alcuni organi interni, forse destinati al mercato nero. I tratti del viso sfigurati con acido. Agente di polizia: mai visto “un simile assassinio”. La comunità cristiana chiede giustizia, ma sinora non è nemmeno partita l’inchiesta.

Faisalabad (AsiaNews) - Un omicidio brutale, dai contorni ancora incerti, ha scosso la comunità cristiana in Pakistan già segnata dalla vicenda della bambina disabile incarcerata per blasfemia a Islamabad, l'11 enne Rimsha Masih (cfr. AsiaNews 19/08/2012 Islamabad, 11enne disabile cristiana arrestata per blasfemia; 300 famiglie in fuga). Il 21 agosto scorso la polizia di Faisalabad ha rinvenuto in un luogo isolato il cadavere orribilmente mutilato di Suneel Masih, orfano cristiano originario della città, scomparso due giorni prima. Per cogliere la ferocia degli assassini bastano le parole affidate ad AsiaNews di un ufficiale di polizia, che ha chiesto l'anonimato perché non autorizzato a parlare con la stampa: "È la prima volta - ha affermato l'ispettore - che mi trovo al cospetto di un simile assassinio". Il corpo è stato trovato con orecchie, naso e lingua strappati, le membra staccate dal corpo, il ventre squarciato e gli organi interni (fra cui fegato e reni) prelevati, forse per essere venduti al mercato nero. Gli assassini hanno infine versato dell'acido sul suo volto, forse per renderlo irriconoscibile.

Gli inquirenti non hanno sinora aperto un fascicolo di inchiesta sul terribile assassinio del 14enne orfano cristiano, i cui funerali si sono svolti ieri alla presenza di leader della minoranza e politici locali. Per le vie di Faisalabad si è anche snodata una marcia di protesta, durante la quale la gente ha chiesto più volte "giustizia" per il 14enne Suneel Masih (nella foto). Domani si svolgerà l'autopsia sui resti del ragazzino, per chiarire se vi sia stata anche violenza sessuale prima della morte.

Secondo il racconto di alcuni testimoni informati sui fatti, il 19 agosto scorso Suneel - studente della classe 5a - si è recato in un negozio del Liberty Market per acquistare una maglietta. Quella sera il ragazzo non è rientrato a casa e la famiglia ha lanciato l'allarme. Una ricerca disperata, che si è rivelata inutile e cui è seguita la denuncia alla polizia per smarrimento. Due giorni più tardi, il 21, gli agenti hanno rinvenuto in un'area industriale isolata il cadavere del ragazzino, orribilmente mutilato.

La comunità cristiana è sotto shock e chiede a gran voce giustizia, forse invano perché sinora la polizia non ha nemmeno aperto un'inchiesta ufficiale. Interpellato da AsiaNews p. Nisar Barkat, direttore diocesano della Commissione nazionale di Giustizia e pace della Chiesa cattolica pakistana (Ncjp), si appella al governo e alle forze dell'ordine perché assicurino i colpevoli alla giustizia "il prima possibile". La comunità cristiana, aggiunge il sacerdote, si sente insicura e non smette di pensare a questo orribile caso. Indù e cristiani "vivono in preda alla paura". Gli fa eco il parlamentare cristiano del Punjab Joel Aamir Sohotra, secondo cui "questo brutale omicidio pone una seria riflessione sulle libertà di cui godono le minoranze, perché "non siamo al cospetto dell'assassinio di un ragazzino cristiano, ma alla libertà di tutte le minoranze".

L'avvocato cristiano Kamal Chughtai conferma di non aver mai visto "un fatto simile, con questa dose di crudeltà in tutta la mia vita". Egli condanna "con forza" questa "atrocità" e chiede l'arresto immediato dei colpevoli. E se non verranno consegnati alla giustizia in due giorni, come promesso dalle forze dell'ordine, tutti i cristiani della città scenderanno in piazza per chiedere giustizia. 

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
02/02/2010 PAKISTAN
Attivisti pakistani: l’omicidio della 12enne cristiana a rischio impunità
di Fareed Khan
23/02/2012 PAKISTAN
Faisalabad: estremisti islamici attaccano una comunità cristiana, feriti due fedeli
25/10/2013 PAKISTAN
Peshawar, a un mese dalla strage cristiani ancora “insicuri” e isolati
di Jibran Khan
23/09/2013 PAKISTAN
Cristiani e musulmani pakistani condannano il “codardo” attentato alla chiesa di Peshawar
di Jibran Khan
22/09/2013 PAKISTAN
Peshawar, due kamikaze attaccano una chiesa protestante: oltre cento morti e 130 feriti

In evidenza
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.
IRAQ
Patriarca caldeo: Digiuno alla vigilia di Natale per il ritorno dei profughi a Mosul
di Joseph MahmoudMar Louis Sako domanda ai fedeli di non celebrare in modo "mondano", con sfarzo e abbondanza, Natale e Capodanno in segno di solidarietà con i fuggitivi della piana di Ninive, perseguitati dall'Esercito islamico. AsiaNews aderisce al digiuno proposto dal Patriarca e chiede a tutti i lettori di dare il corrispettivo del digiuno a sostegno della campagna "Adotta un cristiano di Mosul".
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate