29 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 23/08/2012, 00.00

    PAKISTAN

    Faisalabad, brutale omicidio di un 14enne cristiano: corpo smembrato e volto sfigurato

    Shafique Khokhar

    Suneel Masih, orfano, era scomparso il 19 agosto. Il suo cadavere è stato rinvenuto due giorni più tardi, in un’area isolata. Depredati alcuni organi interni, forse destinati al mercato nero. I tratti del viso sfigurati con acido. Agente di polizia: mai visto “un simile assassinio”. La comunità cristiana chiede giustizia, ma sinora non è nemmeno partita l’inchiesta.

    Faisalabad (AsiaNews) - Un omicidio brutale, dai contorni ancora incerti, ha scosso la comunità cristiana in Pakistan già segnata dalla vicenda della bambina disabile incarcerata per blasfemia a Islamabad, l'11 enne Rimsha Masih (cfr. AsiaNews 19/08/2012 Islamabad, 11enne disabile cristiana arrestata per blasfemia; 300 famiglie in fuga). Il 21 agosto scorso la polizia di Faisalabad ha rinvenuto in un luogo isolato il cadavere orribilmente mutilato di Suneel Masih, orfano cristiano originario della città, scomparso due giorni prima. Per cogliere la ferocia degli assassini bastano le parole affidate ad AsiaNews di un ufficiale di polizia, che ha chiesto l'anonimato perché non autorizzato a parlare con la stampa: "È la prima volta - ha affermato l'ispettore - che mi trovo al cospetto di un simile assassinio". Il corpo è stato trovato con orecchie, naso e lingua strappati, le membra staccate dal corpo, il ventre squarciato e gli organi interni (fra cui fegato e reni) prelevati, forse per essere venduti al mercato nero. Gli assassini hanno infine versato dell'acido sul suo volto, forse per renderlo irriconoscibile.

    Gli inquirenti non hanno sinora aperto un fascicolo di inchiesta sul terribile assassinio del 14enne orfano cristiano, i cui funerali si sono svolti ieri alla presenza di leader della minoranza e politici locali. Per le vie di Faisalabad si è anche snodata una marcia di protesta, durante la quale la gente ha chiesto più volte "giustizia" per il 14enne Suneel Masih (nella foto). Domani si svolgerà l'autopsia sui resti del ragazzino, per chiarire se vi sia stata anche violenza sessuale prima della morte.

    Secondo il racconto di alcuni testimoni informati sui fatti, il 19 agosto scorso Suneel - studente della classe 5a - si è recato in un negozio del Liberty Market per acquistare una maglietta. Quella sera il ragazzo non è rientrato a casa e la famiglia ha lanciato l'allarme. Una ricerca disperata, che si è rivelata inutile e cui è seguita la denuncia alla polizia per smarrimento. Due giorni più tardi, il 21, gli agenti hanno rinvenuto in un'area industriale isolata il cadavere del ragazzino, orribilmente mutilato.

    La comunità cristiana è sotto shock e chiede a gran voce giustizia, forse invano perché sinora la polizia non ha nemmeno aperto un'inchiesta ufficiale. Interpellato da AsiaNews p. Nisar Barkat, direttore diocesano della Commissione nazionale di Giustizia e pace della Chiesa cattolica pakistana (Ncjp), si appella al governo e alle forze dell'ordine perché assicurino i colpevoli alla giustizia "il prima possibile". La comunità cristiana, aggiunge il sacerdote, si sente insicura e non smette di pensare a questo orribile caso. Indù e cristiani "vivono in preda alla paura". Gli fa eco il parlamentare cristiano del Punjab Joel Aamir Sohotra, secondo cui "questo brutale omicidio pone una seria riflessione sulle libertà di cui godono le minoranze, perché "non siamo al cospetto dell'assassinio di un ragazzino cristiano, ma alla libertà di tutte le minoranze".

    L'avvocato cristiano Kamal Chughtai conferma di non aver mai visto "un fatto simile, con questa dose di crudeltà in tutta la mia vita". Egli condanna "con forza" questa "atrocità" e chiede l'arresto immediato dei colpevoli. E se non verranno consegnati alla giustizia in due giorni, come promesso dalle forze dell'ordine, tutti i cristiani della città scenderanno in piazza per chiedere giustizia. 

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    02/02/2010 PAKISTAN
    Attivisti pakistani: l’omicidio della 12enne cristiana a rischio impunità
    Il delitto della giovane domestica, stuprata e uccisa dal padrone, bloccato da ritardi e ostacoli alla giustizia. L’assassino, un ricco avvocato di Lahore, è trattato dalla polizia come un “ospite di Stato”. Cattolici e membri per la tutela dei diritti umani parte civile a sostegno della famiglia.

    23/02/2012 PAKISTAN
    Faisalabad: estremisti islamici attaccano una comunità cristiana, feriti due fedeli
    Vittima dell’assalto la Grace Ministry Church, nel mirino dei fondamentalisti per presunte attività di proselitismo. A denunciare la comunità, una famiglia musulmana che vive nella zona. Una persona è stata raggiunta da proiettili e rischia l’amputazione del braccio; un secondo scagliato dal tetto dell’edificio.

    01/12/2015 PAKISTAN
    Pakistan, aumentano le violenze confessionali. Nel mirino la minoranze cristiana e le donne
    La Commissione asiatica per i diritti umani denuncia in un rapporto i casi più recenti di abusi. Fra questi conversioni forzate, sequestri e violenze sessuali. Gli attacchi a beni e proprietà delle minoranze, nella più completa impunità. Sempre più a rischio la libertà religiosa. Allo Stato il compito di tutelare tutti i cittadini.

    25/10/2013 PAKISTAN
    Peshawar, a un mese dalla strage cristiani ancora “insicuri” e isolati
    Nonostante i proclami del governo provinciale di Khyber Pakhtunkhwa le misure a protezione di chiese e luoghi di culto della minoranza sono ancora scarse. Vescovo di Islamabad: “Non c'è traccia di maggiori tutele". Un cristiano afferma: “Non ho paura di morire in chiesa, ma temo per i miei figli”.

    23/09/2013 PAKISTAN
    Cristiani e musulmani pakistani condannano il “codardo” attentato alla chiesa di Peshawar
    Il presidente dei vescovi cattolici parla di gesto “vergognoso e codardo”. Mons. Coutts chiede “speciali preghiere” per le vittime e i familiari e lancia un appello ai cristiani “alla calma e alla pace”. Leader musulmano esprime vicinanza “ai nostri fratelli e sorelle cristiani”. Manifestazioni di protesta in tutto il Paese contro la strage, rivendicata da un gruppo islamista.



    In evidenza

    POLONIA – CINA – GMG
    I trucchi e le violenze di Pechino per fermare i giovani cinesi alla Gmg

    Vincenzo Faccioli Pintozzi

    Il governo ha bloccato ieri un gruppo di 50 giovani pellegrini, già imbarcati su un aereo diretto a Cracovia. Interrogati per ore all’immigrazione, sono stati “ammoniti” e rimandati a casa con l’ordine di non contattare nessuno all’estero. Nel frattempo, per i luoghi centrali della Giornata mondiale della Gioventù si aggirano “giovani cattolici cinesi”, in gruppi di cinque o sei persone, che hanno il compito di spiare i compatrioti. Lavorano per Istituti culturali o aziende cinesi in Polonia.


    ISLAM-EUROPA
    P. Samir: Terrore islamico in Francia e Germania: crisi dell’integrazione, ma soprattutto crisi della politica

    Samir Khalil Samir

    Il sequestro e l’uccisione di un sacerdote vicino a Rouen (Francia) e i vari attacchi a Würzburg, Monaco, Ansbach (Germania) sono stati compiuti da gente molto giovane e indottrinata con facilità. La Germania era un modello per l’integrazione dei rifugiati. Ma l’islamismo radicale non si lascia assimilare. Esso è sostenuto da Arabia saudita e Qatar. Non c’è altra strada all’integrazione. Ma occorre dire la verità: nel Corano ci sono elementi di guerra e violenza. Ignoranza e perdita di senso morale dei politici occidentali.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®