5 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 18/08/2005
GEORGIA – GMG
Giovani georgiani alla GMG, ma nel Paese la loro situazione peggiora

Presenti anche dalla Georgia al grande evento di Colonia, ma nel Paese la situazione dei giovani è difficile. Manca il lavoro e le prospettive future  spingono alla fuga all'estero o nella droga.



T'bilisi (AsiaNews) – Anche la comunità cattolica georgiana ha inviato la sua rappresentanza in Germania per celebrare la Giornata Mondiale della Gioventù. Mons. Giuseppe Pasotto, Amministratore apostolico nel Paese, spiega ad AsiaNews che durante l'anno è stata istituita una Commissione che ha curato la preparazione dei giovani nelle parrocchie inviando del materiale per la catechesi.

I giovani che sono partiti hanno passato 3 giorni assieme per prepararsi meglio con meditazioni, canti e indicazioni tecniche. Tra i giovani a Colonia si trova il coro della Cattedrale, formato da 26 ragazze dai 17 ai 25 anni, invitate specificamente dalla diocesi di Fulda. Il coro ha eseguito durante il viaggio 4 concerti già programmati in precedenza in Italia e in Germania (musica georgiana e gregoriana). Fra i partecipanti all'evento vi sono anche circa 40 giovani legati al cammino neocatecumenale.

I giovani rimasti in Georgia sono stati invitati a ritrovarsi il sabato e la domenica dell'incontro con il papa nella Casa di spiritualità, dove seguiranno l'avvenimento su di un mega schermo, dormiranno all'aperto e cercheranno di imitare i più fortunati che sono partiti, nella gioia e nella preghiera con la catechesi del vescovo, la Messa, l'adorazione e la festa.

Mons. Pasotto spiega che la pastorale giovanile in Georgia è condotta a livello locale dai parroci, ma è anche animata da un "Consiglio di giovani" eletti dai coetanei delle parrocchie, che traccia il programma annuale e si reca nelle parrocchie per l'animazione. Il Consiglio dura 2 anni e viene cambiato durante il "Forum dei giovani", che si tiene su un tema specifico ogni anno la settimana prima della Giornata dei giovani (Domenica delle palme).

Quella in Georgia è però una pastorale difficile. I giovani sono spesso sfiduciati dato che nel Paese mancano lavoro e prospettive future: il risultato è l'aumento del numero di coloro che si lascia tentare dal mondo della droga e dell'alcool. I giovani vedono solo la possibilità di fuggire all'estero e molti (di solito i migliori) partono impoverendo così le comunità. I temi delle catechesi di solito sono aiutano a incarnare il Vangelo in questa situazione dolorosa. Molti sono i giovani che si impegnano nel volontariato.

Il contesto ortodosso rende faticoso il cammino dei giovani, che certamente non trovano un ambiente scolastico, di lavoro o di amicizie che li aiuti a vivere la vita ecclesiale cattolica. Ad ogni modo la collaborazione fra cattolici e ortodossi è ricercata come una priorità.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
09/08/2005 VATICANO - GMG
GMG: almeno 400 mila i giovani iscritti per Colonia
18/08/2005 GERMANIA – GMG
Benedetto XVI: La Gmg, incontro fra culture e tradizioni, una benedizione per il mondo e la Germania
17/08/2005 INDIA – GMG
Giovani indiani a Colonia: "Qui per dimostrare come vibra la nostra fede"
di Nirmala Carvalho
17/08/2005 THAILANDIA – GMG
Giovani thailandesi a Colonia, testimoni di fede nel sud-est asiatico
di Weena Kowitwanij
12/08/2005 CAMBOGIA - GMG
Verso Colonia giovani cambogiani pregano per gli italiani: "Hanno dimenticato la fede"
Articoli del dossier
cina - vaticano - gmg
Da Colonia speranze di unità per la Chiesa in Cina
gmg
Sydney 2008: per l'evangelizzazione dell'Asia
germania - gmg
La grande Veglia di Colonia: festa, preghiera, adorazione
Iraq Vaticano - Gmg
Giovani di Baghdad scrivono al Papa della GMG
iraq - gmg
Lettera da Mosul: la GMG lontano da Colonia, vicina al cuore del papa
INDIA – GERMANIA – GMG
Card. Toppo: "Le critiche sul papa spazzate via dai giovani di Colonia"
UZBEKISTAN - GMG
Anche 2 giovani uzbeki alla GMG
PAKISTAN - GMG
Giovani cattolici pakistani non ottengono il visto per la GMG
THAILANDIA – GMG
Giovani thailandesi a Colonia, testimoni di fede nel sud-est asiatico
INDIA – GMG
Giovani indiani a Colonia: "Qui per dimostrare come vibra la nostra fede"
RUSSIA
GMG: dalla Russia mille giovani già arrivati in Germania
CAMBOGIA - GMG
Verso Colonia giovani cambogiani pregano per gli italiani: "Hanno dimenticato la fede"
IRAQ - GMG
Bloccati in Giordania, 2 ragazzi iracheni aspettano di raggiungere Colonia
LIBANO - GMG
Ministro Ahmed Fatfat: per rinascere, il Libano ha bisogno dei giovani
LIBANO - GMG
Gmg 2005: giovani messicani libanesi a Colonia e alla scoperta delle loro radici
cina - gmg
GMG: la prima volta della Chiesa sotterranea cinese
AUSTRALIA - GMG
La Passione di Gibson alla prossima Gmg?
FILIPPINE - GMG
Filippine, in trecento partono per la GMG di Colonia
NEPAL - GMG
Complicato avere visti per sei giovani nepalesi che vanno alla GMG
vaticano - cina - GMG
Giovani cinesi dal papa, prima di andare alla GMG
VATICANO - GMG
GMG: almeno 400 mila i giovani iscritti per Colonia
vaticano - islam
A Colonia il papa vuole incontrare ebrei e musulmani

In evidenza
ASIA-UE
La morte del piccolo Aylan e quella di tutto il Medio oriente
di Bernardo CervelleraTutto il mondo si commuove per il bambino morto nel naufragio di un gommone in Turchia. Ci si dimentica che in Siria sono morti già decine di migliaia di bambini sotto la guerra. Occorre affrontare il problema dei profughi, ma anche e soprattutto le cause della loro tragedia: le guerre in Medio oriente, i finanziamenti allo Stato islamico, le guerre per procura delle potenze regionali e mondiali.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate