13 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 15/07/2017, 09.02

    INDIA

    Goa: croci distrutte, cimitero dissacrato. Mons. Neri Ferrao: colpa dell’odio religioso



    Le croci sono state lasciate infrante ai margini della strada. Nel cimitero di Guardian Angel Church danneggiate 28 nicchie, cinque croci di legno e nove in granito, 16 tombe e la grande croce all’ingresso. Sajan K George: “Durante un raduno di indù, un fondamentalista ha detto che tutti quelli che mangiano la vacca devono essere impiccati”.

    Panaji (AsiaNews) – Almeno 11 croci distrutte e lasciate infrante al bordo della strada e un cimitero dissacrato: è il bilancio degli ultimi episodi di intolleranza religiosa nei confronti della minoranza cristiana nello Stato indiano di Goa. Gli atti vandalici sono cominciati nel mese di giugno e continuano a ripetersi. Le ultime due croci dissacrate sono state rinvenute il 13 luglio nel villaggio di Loutolim, circa 40 km a sud della capitale Panji. Sui gravi episodi è intervenuto mons. Filipe Neri Ferrao, arcivescovo di Goa e Daman, che ha parlato di incidenti “programmati da persone interessate a provocare la discordia tra le comunità e promuovere l’odio religioso”.

    L’arcivescovo ha lanciato un appello a “persone di ogni fede, affinchè si astengano dal compiere azioni di rappresaglia o attizzino la fiamma dell’odio religioso”. Sottolineando che lo Stato di Goa ha una lunga tradizione di “armonia interreligiosa e pace”, egli ha inviato a “mantenere questi valori sacri a tutti i costi”.  Poi ha richiesto l’intervento urgente delle autorità di governo.

    Le prime croci sono state vandalizzate a fine giugno nei villaggi di St. Jose de Areal e Gudi Paroda. Poi nella notte tra il 9 e il 10 luglio è avvenuta la dissacrazione del cimitero di Guardian Angel Church a Curchorem Town, sempre a sud della capitale. I vandali hanno danneggiato 28 nicchie, cinque croci di legno e nove in granito, 16 tombe e la grande croce che si trova sull’arco all’ingresso del luogo destinato alla sepoltura. Rupinder Kumar, ispettore generale di polizia, ha riferito che i criminali hanno anche distrutto le telecamere di sorveglianza poste all’entrata, in modo da non lasciare traccia del loro atto vandalico.

    Tutti i partiti politici hanno condannato gli incidenti e il Congress ha chiesto che venga condotta un’inchiesta dalla polizia federale del Central Bureau of Investigation (Cbi). Al contrario Vijai Sardesai, leader del Goa Forward Party, alleato di governo con il Bjp (Bharatiya Janata Party, partito nazionalista indù), ha detto che “la polizia locale è in grado di investigare sui casi”. Michael Lobo, speaker dell’Assemblea statale e membro del Bjp, ha attribuito la responsabilità degli incidenti a “persone provenienti dall’esterno”. Sia lui che il chief minister Manohar Parrikar hanno sostenuto che gli episodi sono “il tentativo di creare tensioni a Goa e di dividerci”.

    Invece secondo Sajan K George, presidente del Global Council of Indian Christians (Gcic), le motivazioni e l’origine degli attacchi sono chiari. “A giugno – spiega ad AsiaNews – a Goa si è riunita la All India Hindu Convention. Il risultato è stata la dissacrazione e l’insicurezza per la minoranza. Durante l’incontro, Sadhvi Saraswati, presidente di Sanatan Dharma Prachar Seva Samiti, ha detto che coloro che mangiano la vacca devono essere impiccati in pubblico”. Il leader cristiano riporta che il 29enne Sadhvi ha affermato: “Ho chiesto agli indù di abbracciare le armi in difesa della vacca, nostra madre”. In una conferenza stampa a Panaji, sarebbe poi passata “una mozione per chiedere l’instaurazione di una Hindu rashtra [nazione indù, ndr]. Non è dato sapere da chi e da quale maggioranza [sia stata approvata]”. “È una cosa tragica – conclude – . L’India è una repubblica laica e democratica, con garanzie costituzionali di libertà religiosa. Questi eventi sono fatti per seminare l’odio, il sospetto e la discordia settaria”.

    (Ha collaborato Nirmala Carvalho)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/07/2017 11:45:00 INDIA
    Goa, altre croci distrutte. Ma il cattolico ‘colpevole’ è già in carcere

    Ieri sera profanato il cimitero di Caranzalem. Distrutte almeno 12 croci vicino la cappella della Madonna di Fatima. Il luogo di sepoltura era intatto quando è stato arrestato il cattolico Francis Pereira. Sajan K George: “I cristiani sono obiettivi facili”.



    18/07/2017 08:52:00 INDIA
    Pastore pentecostale ucciso in Punjab. Mons. Mulakkal: un attacco contro i cristiani

    Sultan Masih era il pastore della “Temple of God Church”. È stato raggiunto da colpi di pistola mentre era al cellulare. Vescovo di Jalandhar: “L’intera comunità cristiana è ferita nel profondo”. La famiglia della vittima blocca l’autostrada. Sajan K George: “Nel Paese prevale la cultura del linciaggio”.



    13/04/2017 12:09:00 INDIA
    Croce dissacrata a Mumbai: ghirlanda di pantofole attorcigliata al corpo di Cristo

    La dissacrazione è stata scoperta da una fedele recatasi in chiesa per pregare. Il caso è stato registrato contro ignoti. Leader cristiano condanna l’ennesimo atto di intimidazione contro la minoranza cristiana. “Chiara indicazione del risveglio della discordia settaria”.



    21/09/2017 10:06:00 INDIA
    Madhya Pradesh, l’Hindutva contro i poveri. Le denunce di cattolici e protestanti

    Chiuso l’ostello che dal 1997 ospitava studenti tribali. La polizia è arrivata con cinque jeep cariche di estremisti indù, spaventando i bambini. Il collegio è accusato di conversioni forzate. Sajan K George: “I nazionalisti sono contro i cattolici perché vogliono continuare a sfruttare dalit e tribali”.



    14/09/2017 11:30:00 INDIA
    Jharkhand, card. Toppo ‘dato alle fiamme’. Mons. Mascarenhas: frenare l’odio del chief minister

    A Ranchi circola una foto dell’arcivescovo in fiamme su un manichino. Il segretario generale della Conferenza episcopale chiede al premier Modi di intervenire. Soldi dei cittadini spesi per pubblicità diffamatorie contro i cristiani. Tribali e dalit convertiti dai missionari perché “semplici e muti come le vacche”. Accorata lettera-appello per frenare l’odio religioso contro i cristiani.





    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®