1 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 03/08/2012
SIRIA - ISLAM
Gregorio III Laham: Cristiani e musulmani pregano e digiunano insieme per la fine delle violenze
I cattolici hanno iniziato lo scorso 1° agosto il digiuno per la dormizione della Vergine, che durerà fino al 15 agosto. Esso coincide in parte con il Ramadan musulmano (20 - 18 agosto). Le funzioni religiose e i momenti di astinenza e preghiera si tengono in contemporanea nelle chiese e nelle moschee. AsiaNews pubblica il messaggio di Gregorio III Laham, patriarca Melchita di Antiochia. Il prelato invita cristiani e musulmani a utilizzare questo periodo per ritrovare il valore della carità, del dialogo e della riconciliazione.

Damasco (AsiaNews) -  "Cristiani e musulmani digiunate e pregate insieme per la pace in Siria e per la fine delle violenze". E' quanto afferma mons. Gregorio III Laham, patriarca melchita di Antiochia, nel suo messaggio ai cattolici in occasione del digiuno per la festa della Dormizione della Vergine, che durerà dal 1 al 15 agosto, festa dell'Assunta. Il periodo di astinenza coincide in parte con il Ramadan, mese di preghiera e digiuno per i musulmani, che terminerà il prossimo 18 agosto. I momenti di astinenza e preghiera si terranno in contemporanea nelle chiese e nelle moschee. Nella lettera pastorale ai cattolici, il prelato si rivolge anche al resto della popolazione e sottolinea che "i siriani sono ancora capaci di amare e perdonarsi".  Secondo mons. Laham, pregare insieme per la fine della guerra aiuta tutti a testimoniare il valore del dialogo, della riconciliazione e della tolleranza nel Paese martoriato dalle violenze fra ribelli e regime degli Assad.

Ecco il messaggio integrale di mons. Gregorio III Laham, diffuso in questi giorni:

Ai nostri fratelli vescovi, membri del nostro Santo sinodo in Medio oriente e a tutto il mondo!

Ai nostri figli e figlie: sacerdoti, monaci, suore e ai fedeli greco cattolici!

Possa "la pace di Dio che sorpassa ogni intelligenza, custodire i vostri cuori e i vostri pensieri in Cristo Gesù". (Filippesi 4: 7)

Cari fratelli e sorelle!

Ancora una volta, cristiani e musulmani stanno digiunando e pregando negli stessi giorni. Questo è uno dei più bei gesti e segni del loro vivere insieme in solidarietà.

I musulmani hanno iniziato il digiuno del mese del Ramadan  (dal 20 luglio al 18 agosto.) In questi giorni, i cristiani iniziano il digiuno della Dormizione della Madre di Dio, che durerà dal 1° fino al 15 agosto. Questo digiuno è un digiuno estivo. Il primo è quello autunnale  che precede il Natale e dura 40 giorni. Ad esso segue il digiuno quaresimale o invernale (che dura dai 40 ai 50 giorni) e precede la grande festa della Resurrezione, in seguito vi è quello primaverile o detto anche degli Apostoli che si tiene nel mese di giugno per 25 giorni.

Il digiuno o periodo di astinenza della Vergine è molto popolare e amato dalle famiglie cristiane. Durante questi 15 giorni si celebra la consolazione o l'invocazione chiamata in greco paraklesis. Si tratta di una pratica religiosa molto popolare che riempie i nostri cuori di speranza, consolazione e gioia. Si celebra per varie intenzioni, soprattutto per i malati, i feriti, i viaggiatori, le persone in lutto, gli orfani, i profughi,  gli esiliati, i defunti ...

Invitiamo i nostri fedeli, specialmente nella nostra eparchia patriarcale a Damasco, a partecipare a questi servizi, con il digiuno, la preghiera e il pentimento.

Le funzioni si terranno contemporaneamente nelle chiese, nelle moschee. Musulmani e cristiani parteciperanno ai momenti di digiuno e preghiera, e nei luoghi di culto e nelle proprie abitazioni. Che bella armonia di fede!

Insieme pregheremo soprattutto per la salvezza di tutti i siriani e per la fine delle violenze che seminano paura in quartieri un tempo tranquilli e hanno causato lo sfollamento e la fuga di migliaia di persone costretti a lasciare le loro case e proprietà! Durante questo periodo, preghiamo anche per il ritorno della carità, amicizia, fratellanza e compassione tra tutti i cittadini. I siriani sono ancora capaci di amare e di perdonarsi a vicenda, di riconciliarsi e di avere tolleranza. Insieme si potrà ricostruire un Paese rinnovato, libero, sicuro e armonioso in cui i cittadini avranno libertà, dignità, lavoro ed educazione a prescindere dal gruppo, partito e religione essi appartengano. Insieme possiamo ricostruire ciò che è stato distrutto lavorare per lo sviluppo, la prosperità e un futuro migliore per tutta la popolazione.

Insieme preghiamo: "O Signore, salva il tuo popolo e benedici la tua eredità. Concedi la pace al tuo mondo! Concedi la pace in Siria! Attraverso la Croce, preserva il tuo popolo! "

Chiediamo a tutti di aggiungere durante le funzioni preghiere per la pace e la riconciliazione.

A tutti, auguro un santo digiuno!

Con il mio affetto!

Uniti nella preghiera!

 

Gregorio III

Patriarca di Antiochia e di tutto l'Oriente,

Di Alessandria e Gerusalemme

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
02/12/2013 SIRIA
Gregorio III Laham: "La missione dei cristiani in Siria è la riconciliazione fra i musulmani"
di Simone Cantarini
20/06/2013 SIRIA
Testimoniare l'amore di Cristo nella Siria martoriata da odio e guerra
di Simone Cantarini
17/01/2013 VATICANO - SIRIA
Patriarca siro-cattolico di Antiochia: Stati Uniti, Europa e Paesi del Golfo fomentano l'odio in Siria
di Simone Cantarini
28/05/2013 SIRIA - UE
Gregorio III Laham: "Il futuro della Siria non si può costruire con la distruzione"
29/01/2014 LIBANO
Patriarca maronita: Il Libano ha bisogno di un presidente

In evidenza
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate