16 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 08/05/2017, 12.40

    SIRIA - VATICANO

    Gregorio III Laham: da patriarca greco-melkita a pellegrino di pace e amore



    Papa Francesco ha accettato la rinuncia al governo pastorale della Chiesa greco-melkita. L’amministrazione è affidata all’arcivescovo di Aleppo. Gregorio III rinnova l’impegno al servizio del dialogo e dell’incontro con “cristiani, musulmani, ebrei”. I progetti avviati e il dramma della guerra in Siria. Solo un accordo fra Russia e Stati Uniti potrà mettere fine al conflitto.

     

    Damasco (AsiaNews) - “Pace e amore”. Sono le parole “con le quali ho iniziato” il patriarcato nel duemila e che “rinnovo” ancora oggi “con maggior vigore. Non abbiamo tempo che per amare e per ricercare la pace”. È quanto racconta ad AsiaNews l’ormai ex patriarca melchita Gregorio III Laham, che dopo 17 anni lascia la guida di una delle comunità più numerose e ricche della Chiesa d’Oriente. “Questa è la mia eredità - prosegue - e voglio ribadirla una volta di più nella giornata di oggi, 8 maggio, in cui la Chiesa orientale ricorda san Giovanni Evangelista il quale ha affermato con forza che ‘Dio è amore’”.

    Lo scorso fine settimana papa Francesco ha accettato la rinuncia al governo pastorale della Chiesa greco-melkita presentato da sua beatitudine Gregorio III Laham, patriarca di Antiochia dei Greco-Melkiti. In una lettera il pontefice lo ha definito un “servitore zelante del popolo di Dio” e ha riconosciuto il suo impegno per la pace in Siria, sconvolta da un conflitto sanguinoso.  “La speranza - afferma il prelato - è che ora potrò avere più tempo per essere al servizio degli altri, come ha detto Giovanni Paolo II: essere per gli altri, che siano cristiani, musulmani o giudei… io sono per voi!”.

    Alcuni fonti interne alla comunità parlano di un malumore dell’ormai ex patriarca per i modi e tempi che ne hanno dettato la fine del mandato. Tuttavia, lo stesso Gregorio sottolinea a più riprese la comunione con il pontefice e il desiderio di unità all’interno della Chiesa. Secondo quanto prevede il codice, ora l’amministrazione è ora affidata a mons. Jean-Clément Jeanbart, arcivescovo di Aleppo (Siria), in qualità di vescovo più anziano per ordinazione del Sinodo permanente.

    Il nuovo patriarca dovrebbe essere eletto in occasione del prossimo Sinodo straordinario in programma a giugno. Nell’ultimo periodo si era aperto un grave fronte di scontro fra il patriarca e un gruppo di vescovi “ribelli”. Tuttavia, grazie anche alla mediazione del nunzio apostolico in Siria card. Mario Zenari e l’omologo in Libano mons. Gabriele Caccia, alla fine hanno prevalso la volontà di comunione e riconciliazione fra le parti.

    “Uno dei beni più importanti - afferma il prelato - è quello della pace. Per questo ora cercherò di essere un apostolo di pace e riconciliazione in Siria, in Libano, in Palestina, nello Yemen. Ma soprattutto vorrei esserlo in Siria e Palestina, le due chiavi da cui passa, come ha detto lo stesso papa Francesco, la pace nel mondo”. E poi, aggiunge, “avrò più tempo per partecipare a convegni, incontri, momenti di dialogo e per visitare le parrocchie sparse nel mondo”.

    Gregorio III Laham è nato il 15 dicembre 1933 a Daraya, sobborgo di Damasco. Patriarca di Antiochia dei greco-melkiti, egli è stato eletto nel novembre del 2000 dal sinodo della sua Chiesa, ricevendo la “comunione ecclesiastica” da san Giovanni Paolo II, e ha guidato la comunità negli ultimi 17 anni. Il prelato ha vissuto in prima persona il dramma del conflitto nella sua terra natale, di cui ha denunciato a più riprese violenze e crimini, e ha lanciato a più riprese appelli alla pace e alla preghiera.

    “Ho amato il mio popolo - dice ancora - e mi sento padre di tutti, dei vescovi e del mio popolo. In questi anni ho potuto avviare e vedere realizzati molti progetti a Gerusalemme, in tutta la Terra Santa, in Egitto. Ho visitato i Paesi dell’emigrazione, Nord e Sud America, e poi l’Europa; e poi vi è anche il cammino in chiave ecumenica con i patriarchi delle diverse comunità”. Fra i molti progetti promossi o ancora allo studio egli ricorda la costruzione di una chiesa dedicata a san Paolo a Damasco di cui “avrò la possibilità di benedire la prima fase di realizzazione il prossimo 13 giugno”. E ancora, la costruzione “di una scuola e di un ospedale a sud di Damasco, oltre che l’allestimento di un’altra struttura nei quartieri poveri della capitale siriana”. “Anche se non in qualità di patriarca - aggiunge - continuerò a vegliare perché questi progetti possano prendere forma”.

    La nota dolente di questi anni è invece la guerra in Siria, un conflitto sanguinoso iniziato nel 2011 che ha sconvolto il Paese, provocando centinaia di migliaia di vittime e milioni di rifugiati. “Oggi ho incontrato il presidente del Libano Michel Aoun - conclude - e abbiamo parlato dell’avvenire della Siria. Sono Russia e Stati Uniti che si devono mettere d’accordo, perché non vi è possibilità alcuna di vincere con le armi. Un successo potrà essere raggiunto solo attraverso un consenso internazionale fra le grandi potenze, compresa l’Unione europea, sconfiggendo Daesh e preparando un futuro migliore per la nazione e il suo popolo”.

    Durante il suo patriarcato, Gregorio III Laham ha accolto in Siria il pontefice polacco che il 6 maggio 2001 ha fatto il suo ingresso - primo papa della storia ad entrare in un luogo di culto musulmano - nella Grande Moschea degli Omayyadi a Damasco. Nell’area la tradizione suole collocare la tomba di san Giovanni Battista. Alla morte di Wojtyla è stato proprio Gregorio III a benedirne la bara, durante i funerali a Roma l’8 aprile 2005.

    Il nome melkita (o greco-cattolica) indica i cristiani orientali di rito bizantino, legati a Roma dal 1724, che dispongono di un clero proprio e di un capo spirituale. Essa annovera fedeli non solo in Medio oriente (Siria, Libano, Giordania, Palestina), ma anche in Africa (soprattutto Egitto), in America del Nord, in Brasile e in Francia.(DS)

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/06/2017 12:49:00 LIBANO - SIRIA
    Il vescovo Joseph Absi è il nuovo patriarca della Chiesa greco-melkita

    L’elezione è avvenuta oggi nel contesto del Sinodo straordinario in corso ad Aley, in Libano. Nato a Damasco nel 1946, dal 2007 egli ricopre la carica di vicario patriarcale nella capitale siriana. Una nomina che segue le dimissioni del patriarca emerito Gregorio III Lahham, a conclusione di un periodo travagliato per la comunità.

     



    04/09/2015 SIRIA
    Gregorio III Laham: Ai giovani del Medio oriente serve pace, chiave per il futuro
    Il patriarca melchita ricorda che per evitare tragedie come quella del piccolo Aylan è necessario fermare le guerre nella regione. Non servono politiche di accoglienza, ma pace e convivenza. Ai giovani cristiani conferma la vicinanza della Chiesa in patria e all’estero. Piccoli progetti di microcredito per aiutare le famiglie a ricostruire una vita.

    25/02/2017 10:56:00 LIBANO - SIRIA -VATICANO
    Chiesa greco-melchita: pace fatta fra il patriarca Gregorio III e i vescovi “ribelli”

    Conclusione positiva al Sinodo tenuto nei giorni scorsi a Raboué, in Libano. Rientrate le divisioni fra il patriarca e un gruppo di prelati dissidenti sulla gestione del patrimonio. Comunione e carità fraterna hanno prevalso all’interno della comunità. Nell’ottica della riconciliazione, fondamentale la presenza del nunzio apostolico in Siria card. Zenari e del nunzio in Libano, mons. Caccia.



    03/12/2013 SIRIA - VATICANO
    Gregorio III, la Chiesa greco-cattolica siriana ha tre "veri martiri"
    Il Patriarca ha raccontato a papa Francesco i tragici avvenimenti di Maaloula, il villaggio cristiano siriano nel quale si parla ancora aramaico. In un clima di terrore, l'ordine di abiurare e le esecuzioni in pubblico.

    11/06/2012 SIRIA
    Cristiani siriani nella guerra fra integristi e laicisti, sunniti e sciiti
    Al Qabas, quotidiano del Kuwait, registra l'arrivo in Siria di jihadisti da Arabia saudita, Algeria e Pakistan. Fra loro minori di 18 anni. La Turchia serve come punto di passaggio per armi e persone. Una guerra dell'integralismo sunnita contro gli alawiti sciiti e del fondamentalismo contro il laicismo della dittatura di Assad. La sfiducia dei cristiani. L'occidente ambiguo.



    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®