30 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 28/06/2013, 00.00

    VIETNAM

    Hanoi: avvocato cattolico, in cella con false accuse, prega e digiuna in vista del processo



    Lo sciopero della fame diventa sempre più usato come mezzo di protesta civile, contro le condizioni carcerarie e gli arresti illegali. Lê Quôc Quân il 9 luglio in tribunale per rispondere di “evasione fiscale”. Attivisti spiegano: trucco delle autorità per imprigionarlo. Egli da tempo non può svolgere la professione; dal suo blog ha continuato la battaglia per i diritti.

    Hanoi (AsiaNews/EdA) - Lo sciopero della fame è diventato il mezzo più potente di lotta per i prigionieri politici o di coscienza vietnamiti, nella loro lotta contro le condanne ingiuste inflitte dalle autorità comuniste o gli abusi subiti in carcere. Dopo l'attivista Cu Huy Ha Vu, che non ha toccato cibo per 27giorni, e il cattolico Paul Trân Minh Nhât - che ha lanciato l'astinenza integrale dal cibo per le condizioni del regime detentivo - un altro cattolico, di professione avvocato, ha deciso di non alimentarsi per tutta la prossima settimana. Tuttavia, sono diversi i motivi alla base della protesta estrema: Lê Quôc Quân intende infatti digiunare, pregare e meditare, per prepararsi al meglio in vista del processo che avrà luogo il 9 luglio prossimo.

    L'avvocato cattolico Lê Quôc Quân, 42enne prigioniero politico, ha deciso di non nutrirsi per i prossimi giorni preferendo raccogliersi nel digiuno e nella preghiera. Egli intende prepararsi al meglio, sotto il profilo fisico e spirituale, al dibattimento in aula, dove dovrà comparire per rispondere di "evasione fiscale" in base all'articolo 161 del Codice penale vietnamita.

    Arrestato ad Hanoi mentre portava i figli a scuola, l'uomo si trova nella Hoa Lo Prison No.1 e per molto tempo né il suo legale, né i familiari hanno potuto hanno potuto incontrarlo. Nelle scorse settimane alcuni attivisti hanno spiegato che il capo di imputazione è solo "un trucco", utilizzato "di frequente" dal Partito comunista "per imprigionare o mettere a tacere i suoi detrattori". Egli "rischia fino a tre anni di galera e una pesante multa".

    Le Quoc Quan da tempo non può più esercitare la professione di avvocato perché espulso dall'ordine, e dedica ogni suo sforzo per difendere i diritti umani attraverso le sue azioni e un suo blog. Cattolico in Paese a maggioranza buddista, egli è stato più volte arrestato e malmenato da polizia e autorità per le sue campagne a difesa dei diritti umani e della libertà religiosa. Nel 2007 era stato incarcerato per aver partecipato ad "attività che mirano a sovvertire il governo del popolo" ("sovversione", art. 79 del Codice penale). In seguito alle proteste degli Stati Uniti, egli era stato liberato.

    L'arresto di Quan rientra in una campagna lanciata nel settembre scorso dal premier Nguyen Tan Dung per fermare blogger e individui che diffondono notizie e critiche sulla corruzione dei membri del partito e del governo, e sul loro arricchirsi durante la crisi finanziaria. Secondo Hrw, nel 2012 in Vietnam sono stati condannati almeno 40 blogger, dissidenti e attivisti. Fra di loro, almeno 18 sono stati accusati di "condurre propaganda contro lo Stato", contravvenendo al famigerato art.88 del codice, un cavillo legale sfruttato dalle autorità per reprimere l'attivismo e il dissenso.

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/07/2013 VIETNAM
    Hanoi, si difenderà da sé il dissidente cattolico a processo per evasione fiscale
    Lê Quôc Quân, alla sbarra con false accuse, non si avvarrà della tutela di un legale. La prima udienza è prevista per domani. Le autorità hanno ostacolato la difesa e impedito l’accesso ai documenti dell’accusa. Egli dichiara la propria innocenza. Attivisti: capi di imputazione “pretestuosi” per colpire la dissidenza.

    25/06/2013 VIETNAM
    Vietnam, attivista cattolico in sciopero della fame contro le condizioni carcerarie
    Tran Minh Nhat è il secondo dissidente in poche settimane a promuovere questa forma di protesta. Egli denuncia abusi e violazioni ai diritti umani, fra i quali il sequestro di letteratura religiosa (la vita di Giovanni Paolo II). Si è da poco concluso lo sciopero della fame del dissidente Cu Huy Ha Vu.

    28/08/2015 VIETNAM
    Hanoi: liberi due attivisti cattolici, da quattro anni in cella per “attività anti-governative”
    Tran Minh Nhat e Thai Van Dung sono usciti di prigione dopo aver scontato per intero i termini della condanna. In carcere essi hanno subito pressioni per sottoscrivere una “confessione”. Uguaglianza, giustizia e amore sono la base del “progresso” e della “civilizzazione” di una società.

    09/06/2015 VIETNAM
    Attivista cattolica vietnamita in sciopero della fame per protesta contro gli abusi in prigione
    Maria Ta Phong Tan, condannata nel 2012 a 10 anni per “propaganda anti-governativa”, da tre settimane rifiuta il cibo. La donna denuncia “maltrattamenti” contro i prigionieri politici e di coscienza nelle carceri vietnamite. I familiari temono per la loro salute. In passato oggetto di scherno da parte delle altre detenute per l’immolazione della madre.

    22/09/2015 VIETNAM - STATI UNITI
    Cattolica vietnamita: Nel carcere comunista, la fede in Dio vince abusi e sofferenze
    Maria Ta Phong Tan, blogger e attivista, racconta i tre anni nella prigione di Thanh Hóa. Dalla preghiera la forza per superare “il dolore e la tristezza” per l’immolazione della madre. La libertà grazie a una “sospensione temporanea” della pena e al viaggio negli Stati Uniti. Dagli Usa continuerà la battaglia per i diritti umani e la democrazia in Vietnam.



    In evidenza

    POLONIA – CINA – GMG
    I trucchi e le violenze di Pechino per fermare i giovani cinesi alla Gmg

    Vincenzo Faccioli Pintozzi

    Il governo ha bloccato ieri un gruppo di 50 giovani pellegrini, già imbarcati su un aereo diretto a Cracovia. Interrogati per ore all’immigrazione, sono stati “ammoniti” e rimandati a casa con l’ordine di non contattare nessuno all’estero. Nel frattempo, per i luoghi centrali della Giornata mondiale della Gioventù si aggirano “giovani cattolici cinesi”, in gruppi di cinque o sei persone, che hanno il compito di spiare i compatrioti. Lavorano per Istituti culturali o aziende cinesi in Polonia.


    ISLAM-EUROPA
    P. Samir: Terrore islamico in Francia e Germania: crisi dell’integrazione, ma soprattutto crisi della politica

    Samir Khalil Samir

    Il sequestro e l’uccisione di un sacerdote vicino a Rouen (Francia) e i vari attacchi a Würzburg, Monaco, Ansbach (Germania) sono stati compiuti da gente molto giovane e indottrinata con facilità. La Germania era un modello per l’integrazione dei rifugiati. Ma l’islamismo radicale non si lascia assimilare. Esso è sostenuto da Arabia saudita e Qatar. Non c’è altra strada all’integrazione. Ma occorre dire la verità: nel Corano ci sono elementi di guerra e violenza. Ignoranza e perdita di senso morale dei politici occidentali.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®