02/12/2010, 00.00
CINA
Invia ad un amico

Hebei, seminaristi contro il governo che nomina un comunista vicerettore del seminario

di Zhen Yuan
I seminaristi dell’Hebei protestano fuori dagli uffici del governo: chiedono la revoca della nomina a vicerettore del seminario di un dirigente governativo. Il loro sciopero dura da oltre due settimane.
Shijiazhuang (AsiaNews) – Tutti e cento i seminaristi del seminario cattolico della provincia dell’Hebei hanno manifestato oggi al di fuori dell’ufficio che ospita la Commissione per gli Affari etnici e religiosi della provincia. Si tratta del diciottesimo giorno di sciopero da parte degli studenti, che criticano la nomina di un rappresentante del governo a vicerettore di un seminario. I seminaristi temono che in questo modo i valori spirituali vengano sottomessi alla politica.
 
La maggior parte dei seminaristi, vestiti con la tonaca liturgica di colore bianco, aveva in mano un cartello o una scritta: per la maggior parte, su questi si chiedeva “un documento scritto che confermi la revoca della nomina del vice direttore della Commissione, Tang Zhaojun, a vice rettore del seminario”. In altri si leggeva “Onorate le vostre promesse” e “Seminario cattolico dell’Hebei”.
 
Un seminarista spiega ad AsiaNews: “Protestiamo fuori dall’ufficio del governo perché non possiamo più tollerare oltre questa situazione. Questa dimostrazione è un’iniziativa esclusiva di noi studenti: nella scelta non sono coinvolti sacerdoti o vescovi”.
 
Durante la “dimostrazione silenziosa” di oggi, i dirigenti della Commissione hanno discusso in due diverse occasioni con i rappresentanti dei seminaristi; ma non sono riusciti a trovare un accordo sull’unica richiesta degli studenti, un documento scritto che revochi l’incarico.
 
Secondo una fonte, Kang Zhifeng - vice direttore generale della Commissione - ha dichiarato che la nomina “riguarda la gestione del personale comunista” e si è rifiutato di fornire un documento scritto.
 
La protesta è iniziata alle 8.40 del mattino davanti agli uffici, che si trovano al numero 53 di Huaxi Road a Shijiazhuang, in un freddo invernale. Diverse vetture della polizia si sono recate sul posto, ma nessun agente ha interferito con la manifestazione. Alle 19, i seminaristi stavano ancora protestando.
 
La nomina di Tang Zhaojun a vice rettore del seminario dell’Hebei è stata annunciata dal governo lo scorso 11 novembre ed ha incontrato l’immediata opposizione di seminaristi e insegnanti. Dato che il governo non ha revocato la nomina, studenti e insegnanti hanno lanciato uno sciopero.
 
Il 17 novembre, Kang si è recato presso il seminario e si è detto d’accordo – a voce – a un’eventuale revoca della sua nomina; una commissione di dirigenti cattolici avrebbe dovuto incontrarsi per risolvere la questione. Tuttavia, diversi presuli della provincia sono stati sequestrati per assistere all’ordinazione episcopale di Chengde, lo scorso 20 novembre, e non è stato possibile trovarli; quindi, il consiglio di commissione del seminario non si è potuto riunire per risolvere la questione.
 
Dopo l’ordinazione, i vescovi non si sono ancora incontrati per risolvere la questione. Secondo un seminarista, “fino a oggi non abbiamo ancora alcuna notizia di una revoca della nomina”.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
I problemi della Chiesa in Cina e la lettera del card. Bertone
18/11/2009
Pechino, i seminaristi disertano la consegna dei diplomi: Non celebriamo messa con i vescovi illeciti
18/07/2014
Al via l'Assemblea patriottica cinese: per una Chiesa indipendente, che resista al Vaticano
07/12/2010
Ritorna la Rivoluzione Culturale: vescovi cinesi imprigionati o ricercati come criminali
06/12/2010
La Chiesa in Cina ha bisogno di laici formati e di "buoni vescovi"
26/04/2012