29 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 28/06/2012, 00.00

    HONG KONG – CINA

    Hong Kong manifesta contro Hu Jintao e la perdita della democrazia



    La popolazione del Territorio si prepara a contestare la visita del leader cinese, che presiederà ai festeggiamenti per il 15esimo anniversario del ritorno alla madrepatria dell’ex colonia britannica. Attivisti democratici pronti per dimostrare contro lui e il suo governo.

    Hong Kong (AsiaNews) - Fra gli scandali legati alla morte dell'attivista Li Wangyang e la paura di perdere la libertà concessa dalla Basic Law, la popolazione di Hong Kong si prepara a scendere in piazza per manifestare contro la visita del presidente cinese Hu Jintao. Il leader comunista arriverà nel Territorio domani 29 giugno per celebrare il 15esimo anniversario del ritorno dell'isola alla madrepatria; ma la visita, che si concluderà domenica 1 luglio, sarà con ogni probabilità segnata da manifestazioni di piazza e proteste formali. Nel frattempo, analisti ed esperti si interrogano sul futuro di Hong Kong.

    La Xinhua - agenzia di stampa del regime cinese - ha annunciato che Hu arriverà venerdì "per partecipare alla cerimonia del 15esimo anniversario del ritorno di Hong Kong" e per presenziare all'insediamento del quarto governo locale post-britannico. Prima di ripartire, il presidente annuncerà una serie di misure economiche per migliorare l'uso dello yuan nel Territorio e per un ampliamento dei servizi finanziari offerti in loco.

    Molti ritengono che Hu, assente da 5 anni dal Territorio, troverà una città molto diversa. Gli organizzatori della protesta annuale organizzata dal Fronte per i diritti umani e civili pensano di radunare per la marcia di domenica almeno 50mila persone, ma sperano di superare i 218mila dello scorso anno. I segnali ci sono tutti: la polizia ha concesso per la prima volta l'apertura completa del tracciato, e lo scandalo legato al "suicidio" in carcere di Li Wangyang - sindacalista e motore delle rivolte di piazza Tiananmen - ha suscitato lo sdegno della popolazione.

    Starry Lee Wai-king, vice presidente dell'Alleanza democratica per lo sviluppo e il progresso di Hong Kong, sostiene di voler esprimere "le vere preoccupazioni della popolazione in caso di un incontro con il presidente Hu. Ci esprimeremo in maniera genuina. Per Johnny Lau Yui-siu "da una parte Pechino ha rifiutato di gestire la morte di Li in modo da poter sembrare sottomesso al pubblico, ma dall'altra ci sono i comportamenti sospetti del nuovo capo dell'esecutivo Leung Chun-ying, che spingeranno molti a scendere in strada e imbarazzare così il governo centrale".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/06/2004 hong kong - cina
    Mons. Zen: la marcia del 1 luglio è per protestare, non per festeggiare


    07/10/2005 Hong Kong - Cina
    Lee Cheuk-yan, democratico di Hong Kong: "Il partito ha tradito gli operai"


    25/05/2010 HONG KONG – CINA
    Pechino mostra di “aprire” ai democratici sulle riforme a Hong Kong
    Storico incontro, ieri, fra i leader del Partito democratico e il vice direttore dell’Ufficio cinese per i rapporti con Hong Kong, che loda il “pragmatismo” dei rivali, ma avverte: “Non tutti vogliono il suffragio universale”.

    01/06/2010 HONG KONG - CINA
    La polizia di Hong Kong pone le condizioni per restituire la Dea della democrazia
    Le statue alte diversi metri saranno riconsegnate a patto che venga garantita la sicurezza. Gli attivisti dell’alleanza scendono in piazza indossando i vestiti della statua e minacciano di circondare la stazione di polizia di North Point.

    14/02/2014 HONG KONG - CINA
    Cina: a san Valentino, attivisti si rasano la testa per chiedere la liberazione di Liu Xia
    Un gruppo composto da 9 attivisti democratici ha manifestato a Hong Kong per protestare contro i domiciliari inflitti alla moglie del Premio Nobel per la pace. A loro si uniscono alcune voci dalla Cina continentale, che su Twitter sposano la protesta e chiedono giustizia e libertà per coloro che lottano per i diritti umani e la democrazia nel Paese.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®