31 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 09/04/2010, 00.00

    CINA

    Hu Jia malato in prigione, forse di cancro al fegato



    La moglie del dissidente, noto per la sua battaglia contro la diffusione dell’Aids in Cina, denuncia: “Non curano mio marito nonostante stia molto male”. La legge impone alle autorità carcerarie di effettuare analisi e cure per i carcerati. Le Ong chiedono a Pechino di liberarlo per motivi umanitari.

    Pechino (AsiaNews) -  L’attivista cinese Hu Jia, in prigione dall’inizio del 2008, soffre di una malattia al fegato che potrebbe essere cancro. Lo sostiene la moglie Zeng Jiayan, che accusa le autorità di voler lasciar morire il marito, noto per le sue battaglie contro la diffusione dell’Aids in Cina. I medici dell’ospedale della prigione di Pechino che lo hanno esaminato il 30 marzo – racconta la Zeng al Chinese Human Rights Defender - hanno constatato che l’attivista ha una grossa escrescenza sul fegato.

    Zeng, lei stessa attivista per i diritti civili, ha aggiunto che il marito era malato “in modo cronico” di epatite virale B “già al momento del suo arresto”, avvenuto nel gennaio del 2008. Renee Xia, direttore del Chrd, spiega che le autorità penitenziarie non hanno trattato in alcun modo le malattie di Hu, vincitore nel 2008 del Premio Sakharov e da due anni nella lista dei nominati per il Nobel per la Pace.

    Secondo la Xia, “le prove dimostrano senza ombra di dubbio che negli ultimi due anni Hu Jia non è stato curato. Eppure la legge impone di trattare in maniera adeguata chi soffre in carcere”. Il 30 marzo scorso, la situazione del dissidente è peggiorata tanto da costringerlo a letto, in infermeria. Da allora, dice la moglie, “non è ancora stato riportato in cella. Nessuno ci ha detto nulla sulla sua situazione”.

    In una nota diffusa oggi, il gruppo umanitario Human Rights Watch afferma che le autorità cinesi “dovrebbero rilasciarlo immediatamente in libertà condizionale per ragioni mediche”. Secondo Hrw, inoltre, le autorità “non hanno spiegato i rifiuti opposti fino ad oggi alle richieste di libertà condizionale presentate da Zeng Jiayan, se non con vaghe dichiarazioni attribuite al personale carcerario secondo le quali l’attivista non è malato gravemente, è disobbediente e si rifiuta di comportarsi in modo tranquillo”.

    Hu, 34 anni, è noto nel Paese per le sue battaglie a favore dei malati di Aids. Ha sempre combattuto per uno sviluppo democratico della Cina, per un’assoluta libertà religiosa nel Paese e per una revisione della situazione del Tibet, che “dovrebbe essere libero di decidere del suo futuro”. Con il tempo è diventato anche una sorta di punto centrale della dissidenza cinese: ha raccolto articoli, preparato ricorsi legali e presentato alla comunità internazionale l’opera di tutti gli altri oppositori del regime.

    Ha collaborato con i media stranieri e con le ambasciate, fornendo materiale sulle violazioni ai diritti umani commesse dal Partito comunista. L’ultima condanna - a tre anni e mezzo di prigione – gli è stata comminata per aver scritto insieme all’avvocato democratico Teng Biao una lettera aperta nella quale si criticava l’uso delle Olimpiadi di Pechino del 2008 per la propaganda politica del Partito Comunista Cinese, il partito unico che governa il Paese.

    Il Chrd, insieme a molte altre associazioni per i diritti umani, chiede oggi a Pechino di liberare l’attivista per motivi umanitari: “La sua detenzione è arbitraria e il suo processo molto dubbio. Ora che è malato deve poter tornare in libertà, quanto meno il tempo necessario a curarsi”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/09/2006 CINA
    La Cina verso le Olimpiadi: arrestato un altro attivista per i diritti umani

    Oltre venti agenti in borghese hanno sfondato la porta di casa di Hu Jia e lo hanno portato via senza dare alcuna spiegazione. Per la moglie, la situazione degli attivisti cinesi per i diritti umani peggiora in vista delle Olimpiadi di Pechino del 2008.



    14/03/2008 CINA
    Bambina di 4 mesi, figlia di dissidenti, agli arresti domiciliari
    E' la figlia di Hu Jia, agli arresti fin dalla nascita. Chiusa in casa con la madre, rischia seri scompensi alla crescita data la mancanza di latte. Gli amici della coppia lanciano un appello su internet: fate di tutto per darle almeno del latte in polvere.

    06/02/2006 Cina
    Cina: lanciato da Gao, comincia lo sciopero nazionale della fame contro gli abusi del Partito

    La campagna è stata lanciata da Gao Zhisheng, avvocato ed attivista famoso in tutta la Cina. Continuerà "fino a che dureranno gli abusi del Partito, che oramai si comporta come una cosca mafiosa".



    08/02/2006 Cina
    Cina, monaci tibetani condannati per aver chiesto l'indipendenza

    Cinque fra monaci e monache condannati per "aver affisso una lettera di protesta che chiede l'indipendenza e la cancellazione delle Olimpiadi del 2008". Le sentenze vanno dai 18 mesi ai tre anni.



    16/02/2016 13:32:00 CINA
    Attivisti: il 2015 è stato l’anno peggiore per i diritti umani in Cina

    Il Chinese Human Rights Defender pubblica il suo Rapporto annuale sulla situazione della libertà nel Paese. L’anno trascorso ha visto più casi di violazioni ai diritti umani della somma dei tre anni precedenti. Si tratta oramai, scrivono gli autori, di una “caratteristica della presidenza Xi Jinping”.





    In evidenza

    IRAQ
    Patriarca di Baghdad: cristiani e musulmani in preghiera per la pace, fra Mese di Maggio e Ramadan

    Joseph Mahmoud

    Il 30 maggio la chiesa della Regina del Rosario a Baghdad ospiterà una preghiera interreligiosa contro le violenze e il terrorismo. A lanciare l’iniziativa il patriarca caldeo: non le opzioni militari, ma la preghiera contro conflitti che colpiscono “la popolazione innocente”. Un invito anche ai musulmani a riflettere per formare una nuova mentalità, una nuova cultura.

     


    EGITTO-ISLAM-VATICANO
    Papa Francesco e il Grande imam di Al Azhar, il detto e il “non detto”

    Samir Khalil Samir

    Vi sono molti aspetti positivi nell’incontro fra il pontefice e la suprema autorità sunnita, insieme a qualche silenzio. Per Al Tayyib l’islam non ha niente a che fare con il terrorismo. Ma l’Isis usa la bandiera nera di Maometto, la spada del profeta, le frasi del Corano. I terroristi prendono le loro affermazioni sanguinarie da molti imam. E’ urgente un nuovo rinascimento dell’islam, rileggendo la tradizione nella modernità: un lavoro interrotto dal fondamentalismo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®