28 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 15/06/2012
CINA
Hunan, le autorità riaprono il caso di Li Wangyang: non è stato un suicidio
Un portavoce del governo conferma che la pressione pubblica interna e internazionale ha “convinto” il governo a chiedere l’aiuto di un team di esperti per fare luce sulla morte del dissidente, impiccato mentre era sotto il controllo della polizia. Ma il cadavere è stato bruciato subito dopo la morte. Il dissidente Hu Jia fermato e poi rilasciato per aver denunciato l’accaduto.

Pechino (AsiaNews) - Le autorità comuniste della provincia dell'Hunan hanno aperto una nuova inchiesta sulla morte di Li Wangyang, dissidente e leader dei moti di Tiananmen morto impiccato in ospedale mentre era sotto il controllo della polizia. In un primo momento i funzionari locali avevano parlato di suicidio, ma le migliaia di proteste - in modo particolare a Hong Kong - e l'aumento della pressione pubblica hanno "convinto" gli inquirenti a riaprire il caso.

Un portavoce dell'Ufficio di pubblica sicurezza provinciale ha dichiarato: "Abbiamo convocato un gruppo di esperti investigatori criminali, oltre a chiedere a esperti non dell'Hunan di condurre l'autopsia sul cadavere". Questo annuncio dimostra che le autorità non ritengono più la morte di Li un suicidio o una morte accidentale. Il portavoce ha poi confermato che il cambio di rotta è derivato dalla persistente attenzione della stampa internazionale e della popolazione cinese.

Li, sindacalista sin dai primi anni '80 del secolo scorso, ha passato 13 anni in carcere con l'accusa di essere un "controrivoluzionario" per aver guidato una federazione indipendente di lavoratori a Shaoyang durante le manifestazioni del 1989. Dopo il suo rilascio, avvenuto nel 2000 per motivi medici, è stato condannato ad altri 10 anni per "sovversione". Il suo cadavere è stato ritrovato impiccato lo scorso 6 giugno in una stanza di ospedale mentre era sotto il controllo delle autorità in occasione dell'anniversario del massacro di Tiananmen, che cade il 4 giugno.

Gli amici del defunto e gli altri dissidenti hanno accolto con piacere l'annuncio di una nuova inchiesta, ma dubitano che possa portare a qualcosa di serio: le autorità hanno infatti cremato il corpo lo scorso 9 giugno, una procedura che seguono ogni volta che vogliono far sparire le tracce di violenze contro i detenuti e gli attivisti per i diritti umani.

Uno di questi, Hu Jia, è stato di nuovo arrestato proprio per aver parlato con la stampa internazionale del "suicidio" di Li. Hu è stato trattenuto per una notte dalla polizia, e ora spiega: "La ragione di questo fermo va cercata nelle interviste che ho dato ai media stranieri, in particolare una faccia a faccia. Sono del tutto sicuro che la polizia vuole limitare la mia libertà personale". Rilasciato lo scorso anno dopo aver scontato una condanna a 3 anni e mezzo per "sovversione", Hu è noto come il punto di raccordo fra la dissidenza cinese e la stampa internazionale.

L'attivista è stato decisivo nel caso di Chen Guangcheng, avvocato cieco che dopo un lungo braccio di ferro diplomatico fra Pechino e Washington è riuscito a lasciare la Cina a causa delle continue violazioni ai suoi diritti umani. Ora Chen si trova a New York, e Hu dice di voler andare a trovarne la madre: "È rimasta sola ed è anziana. Vive in compagnia di un cane e di qualche gallina. Voglio portarle una fotografia del figlio".

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
08/06/2012 CINA
I dissidenti cinesi lanciano una petizione per chiedere la verità sul "suicidio" di Li Wangyang
07/06/2012 CINA
Cina, impiccato sotto sorveglianza uno dei leader di piazza Tiananmen
08/04/2014 CINA
Cina, nella Festa dei morti le autorità bloccano la commemorazione delle vittime di Tiananmen
03/06/2005 CINA
Amnesty: Pechino faccia i conti con il massacro di Tiananmen
05/02/2014 CINA
Cina, padre di un dissidente muore cadendo da un balcone del tribunale. Per la polizia "si è suicidato"

In evidenza
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.
LIBANO
Dalle Makassed islamiche una lotta dottrinale contro l’estremismo musulmano
di Fady NounL’organismo di riferimento ufficiale dei sunniti del Libano ha approvato un documento intitolato “Dichiarazione di Beirut sulla libertà religiosa”. Ci si chiede se Dar el-Fatwa riuscirà a riprendere progressivamente il controllo dell’insegnamento religioso musulmano nelle moschee del Paese.
HONG KONG - CINA
Card. Zen: Rimuovere le croci nel Zhejiang è insultare la fede dei cattoliciIl vescovo emerito di Hong Kong valuta che la campagna di distruzione delle croci e degli edifici religiosi sia ormai una direttiva a livello nazionale e una “regressione” della politica religiosa della Cina. Cattolici e protestanti di Hong Kong: Potrebbe succedere anche da noi. Entro il primo settembre saranno distrutti altri 15 edifici sacri “illegali” nel Zhejiang.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate