1 Novembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 15/06/2012
CINA
Hunan, le autorità riaprono il caso di Li Wangyang: non è stato un suicidio
Un portavoce del governo conferma che la pressione pubblica interna e internazionale ha “convinto” il governo a chiedere l’aiuto di un team di esperti per fare luce sulla morte del dissidente, impiccato mentre era sotto il controllo della polizia. Ma il cadavere è stato bruciato subito dopo la morte. Il dissidente Hu Jia fermato e poi rilasciato per aver denunciato l’accaduto.

Pechino (AsiaNews) - Le autorità comuniste della provincia dell'Hunan hanno aperto una nuova inchiesta sulla morte di Li Wangyang, dissidente e leader dei moti di Tiananmen morto impiccato in ospedale mentre era sotto il controllo della polizia. In un primo momento i funzionari locali avevano parlato di suicidio, ma le migliaia di proteste - in modo particolare a Hong Kong - e l'aumento della pressione pubblica hanno "convinto" gli inquirenti a riaprire il caso.

Un portavoce dell'Ufficio di pubblica sicurezza provinciale ha dichiarato: "Abbiamo convocato un gruppo di esperti investigatori criminali, oltre a chiedere a esperti non dell'Hunan di condurre l'autopsia sul cadavere". Questo annuncio dimostra che le autorità non ritengono più la morte di Li un suicidio o una morte accidentale. Il portavoce ha poi confermato che il cambio di rotta è derivato dalla persistente attenzione della stampa internazionale e della popolazione cinese.

Li, sindacalista sin dai primi anni '80 del secolo scorso, ha passato 13 anni in carcere con l'accusa di essere un "controrivoluzionario" per aver guidato una federazione indipendente di lavoratori a Shaoyang durante le manifestazioni del 1989. Dopo il suo rilascio, avvenuto nel 2000 per motivi medici, è stato condannato ad altri 10 anni per "sovversione". Il suo cadavere è stato ritrovato impiccato lo scorso 6 giugno in una stanza di ospedale mentre era sotto il controllo delle autorità in occasione dell'anniversario del massacro di Tiananmen, che cade il 4 giugno.

Gli amici del defunto e gli altri dissidenti hanno accolto con piacere l'annuncio di una nuova inchiesta, ma dubitano che possa portare a qualcosa di serio: le autorità hanno infatti cremato il corpo lo scorso 9 giugno, una procedura che seguono ogni volta che vogliono far sparire le tracce di violenze contro i detenuti e gli attivisti per i diritti umani.

Uno di questi, Hu Jia, è stato di nuovo arrestato proprio per aver parlato con la stampa internazionale del "suicidio" di Li. Hu è stato trattenuto per una notte dalla polizia, e ora spiega: "La ragione di questo fermo va cercata nelle interviste che ho dato ai media stranieri, in particolare una faccia a faccia. Sono del tutto sicuro che la polizia vuole limitare la mia libertà personale". Rilasciato lo scorso anno dopo aver scontato una condanna a 3 anni e mezzo per "sovversione", Hu è noto come il punto di raccordo fra la dissidenza cinese e la stampa internazionale.

L'attivista è stato decisivo nel caso di Chen Guangcheng, avvocato cieco che dopo un lungo braccio di ferro diplomatico fra Pechino e Washington è riuscito a lasciare la Cina a causa delle continue violazioni ai suoi diritti umani. Ora Chen si trova a New York, e Hu dice di voler andare a trovarne la madre: "È rimasta sola ed è anziana. Vive in compagnia di un cane e di qualche gallina. Voglio portarle una fotografia del figlio".

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
08/06/2012 CINA
I dissidenti cinesi lanciano una petizione per chiedere la verità sul "suicidio" di Li Wangyang
07/06/2012 CINA
Cina, impiccato sotto sorveglianza uno dei leader di piazza Tiananmen
08/04/2014 CINA
Cina, nella Festa dei morti le autorità bloccano la commemorazione delle vittime di Tiananmen
03/06/2005 CINA
Amnesty: Pechino faccia i conti con il massacro di Tiananmen
05/02/2014 CINA
Cina, padre di un dissidente muore cadendo da un balcone del tribunale. Per la polizia "si è suicidato"

In evidenza
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate