Skin ADV
09 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 15/06/2012, 00.00

    CINA

    Hunan, le autorità riaprono il caso di Li Wangyang: non è stato un suicidio



    Un portavoce del governo conferma che la pressione pubblica interna e internazionale ha “convinto” il governo a chiedere l’aiuto di un team di esperti per fare luce sulla morte del dissidente, impiccato mentre era sotto il controllo della polizia. Ma il cadavere è stato bruciato subito dopo la morte. Il dissidente Hu Jia fermato e poi rilasciato per aver denunciato l’accaduto.

    Pechino (AsiaNews) - Le autorità comuniste della provincia dell'Hunan hanno aperto una nuova inchiesta sulla morte di Li Wangyang, dissidente e leader dei moti di Tiananmen morto impiccato in ospedale mentre era sotto il controllo della polizia. In un primo momento i funzionari locali avevano parlato di suicidio, ma le migliaia di proteste - in modo particolare a Hong Kong - e l'aumento della pressione pubblica hanno "convinto" gli inquirenti a riaprire il caso.

    Un portavoce dell'Ufficio di pubblica sicurezza provinciale ha dichiarato: "Abbiamo convocato un gruppo di esperti investigatori criminali, oltre a chiedere a esperti non dell'Hunan di condurre l'autopsia sul cadavere". Questo annuncio dimostra che le autorità non ritengono più la morte di Li un suicidio o una morte accidentale. Il portavoce ha poi confermato che il cambio di rotta è derivato dalla persistente attenzione della stampa internazionale e della popolazione cinese.

    Li, sindacalista sin dai primi anni '80 del secolo scorso, ha passato 13 anni in carcere con l'accusa di essere un "controrivoluzionario" per aver guidato una federazione indipendente di lavoratori a Shaoyang durante le manifestazioni del 1989. Dopo il suo rilascio, avvenuto nel 2000 per motivi medici, è stato condannato ad altri 10 anni per "sovversione". Il suo cadavere è stato ritrovato impiccato lo scorso 6 giugno in una stanza di ospedale mentre era sotto il controllo delle autorità in occasione dell'anniversario del massacro di Tiananmen, che cade il 4 giugno.

    Gli amici del defunto e gli altri dissidenti hanno accolto con piacere l'annuncio di una nuova inchiesta, ma dubitano che possa portare a qualcosa di serio: le autorità hanno infatti cremato il corpo lo scorso 9 giugno, una procedura che seguono ogni volta che vogliono far sparire le tracce di violenze contro i detenuti e gli attivisti per i diritti umani.

    Uno di questi, Hu Jia, è stato di nuovo arrestato proprio per aver parlato con la stampa internazionale del "suicidio" di Li. Hu è stato trattenuto per una notte dalla polizia, e ora spiega: "La ragione di questo fermo va cercata nelle interviste che ho dato ai media stranieri, in particolare una faccia a faccia. Sono del tutto sicuro che la polizia vuole limitare la mia libertà personale". Rilasciato lo scorso anno dopo aver scontato una condanna a 3 anni e mezzo per "sovversione", Hu è noto come il punto di raccordo fra la dissidenza cinese e la stampa internazionale.

    L'attivista è stato decisivo nel caso di Chen Guangcheng, avvocato cieco che dopo un lungo braccio di ferro diplomatico fra Pechino e Washington è riuscito a lasciare la Cina a causa delle continue violazioni ai suoi diritti umani. Ora Chen si trova a New York, e Hu dice di voler andare a trovarne la madre: "È rimasta sola ed è anziana. Vive in compagnia di un cane e di qualche gallina. Voglio portarle una fotografia del figlio".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/06/2012 CINA
    I dissidenti cinesi lanciano una petizione per chiedere la verità sul "suicidio" di Li Wangyang
    L'uomo, sindacalista sin dai primi anni Ottanta, è stato ritrovato impiccato lo scorso 6 giugno. Dopo 23 anni di prigionia per il suo coinvolgimento nel movimento democratico di piazza Tiananmen, si trovava sotto il controllo della polizia quando è morto.

    07/06/2012 CINA
    Cina, impiccato sotto sorveglianza uno dei leader di piazza Tiananmen
    La famiglia e gli amici di Li Wangyang, sindacalista di primo corso e leader delle proteste democratiche del 1989, puntano il dito contro la polizia che parla di “suicidio”. L’uomo ha passato 21 anni in carcere, e lo scorso mese aveva dichiarato: “Non metterò mai da parte il mio desiderio di democrazia e di uno stato di diritto in Cina”. In galera aveva subito in maniera sistematica le torture della polizia.

    08/04/2014 CINA
    Cina, nella Festa dei morti le autorità bloccano la commemorazione delle vittime di Tiananmen
    Qingming è il "giorno degli antenati" in cui si puliscono le tombe dei defunti come segno di devozione e cura. Ma il governo blocca i parenti delle vittime del 4 giugno, quelli dei dissidenti e persino coloro che vogliono commemorare gli eroi "controversi" della Rivoluzione comunista.

    03/06/2005 CINA
    Amnesty: Pechino faccia i conti con il massacro di Tiananmen


    05/02/2014 CINA
    Cina, padre di un dissidente muore cadendo da un balcone del tribunale. Per la polizia "si è suicidato"
    Xue Fushun, padre del democratico Xue Mingkai, era riuscito a fuggire da una prigione segreta e si era rifugiato nel palazzo del Procuratore generale dello Shandong. Cercava la protezione del tribunale contro la persecuzione della polizia nei confronti della sua famiglia. Per la moglie e il figlio non è suicidio, ma omicidio intenzionale. Il sostegno dei dissidenti cinesi, che scrivono una lettera aperta per denunciare le "continue violazioni" delle autorità.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Intervista al Papa sulla Cina: entusiasmo e scetticismo fra i cattolici cinesi. Alcuni sacerdoti sotto il torchio della polizia

    Maria Chen

    Giornali e radio di Stato hanno dato notizia dell’intervista di papa Francesco ad Asia Times. Vi è chi sogna che il pontefice possa visitare la Cina al più presto. Sacerdoti sotterranei sotto interrogatorio. Apprezzamenti per “il ramo d’ulivo” teso dal pontefice e per aver sottolineato il valore della cultura cinese. Ma si è scettici verso la risposta della leadership di Pechino. Il dialogo fra Cina e Vaticano non porta a risultati perché vi sono interessi diversi: politici e religiosi. Non avere fretta di stabilire relazioni diplomatiche per non sacrificare la libertà della Chiesa e il sacrificio dei suoi martiri. La Chiesa cinese è in crescita.


    VATICANO-CINA
    Papa Francesco ridice il suo amore alla Cina e a Xi Jinping



    Il pontefice elogia la “saggezza” e la “grandezza” della Cina e fa gli auguri a Xi Jinping per il Nuovo Anno cinese della Scimmia. Non bisogna “temere” la Cina, ma entrare in dialogo con essa per mantenere la pace nel mondo. Avere “misericordia” per il recente passato del Paese e “andare avanti” per cambiare la realtà. Nell’intervista, per scelta del giornalista, non si parla dei dialoghi fra Vaticano e Cina o di temi religiosi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    Terra Santa Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®