07/01/2008, 00.00
VIETNAM
Invia ad un amico

I cattolici di Hanoi proseguono nella loro pacifica manifestazione

La prima dimostrazione pubblica dei fedeli della capitale vietnamita chiede la restituzione alla Chiesa del complesso che un tempo ospitava la delegazione apostolica. Requisito dal governo dopo la vittoria comunista del 1975, il complesso è usato anche come discoteca e parcheggio per i funzionari statali.
Hanoi (AsiaNews) – Prosegue la pacifica manifestazione dei cattolici di Hanoi che chiedono la restituzione dell’edificio della antica Delegazione apostolica, requisito dalle autorità pubbliche ed attualmente usato anche come night club, mentre il giardino serve da parcheggio per i funzionari statali. Riuniti attorno alla cancellata del complesso, i fedeli pregano e portano fiori e candele.
 
Quella in corso ormai da alcune settimane è la prima manifestazione pubblica dei cattolici della capitale, che si riuniscono davanti all’edificio, che fa parte del complesso dell’arcivescovado e della cattedrale di San Giuseppe. Per ottenere la restituzione, il 23 dicembre è stata anche presentata una petizione alle autorità governative locali ed il 30 dicembre c’è stato un incontro tra il primo ministro vietnamita Nguyen Tan Dung e l’arcivescovo di Hanoi mons. Joseph Ngo Quang Kiet.
 
La diocesi di Hanoi afferma di possedere i titoli che certificano la proprietà del terreno e dell’edificio fin dal 1933.
 
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Una preghiera “di protesta” blocca il traffico di Hanoi
11/01/2008
Ho Chi Minh City, preghiera e protesta dei cattolici, la prima dal 1975
12/01/2008
Vescovi vietnamiti: col governo “aperto il cammino del dialogo”
06/10/2008
Il governo annuncia che restituirà i terreni del santuario di La Vang
16/04/2008
Spinti dal governo, i buddisti di Hanoi si dicono i veri proprietari della nunziatura
22/02/2008