26 Marzo 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 15/09/2010, 00.00

    VATICANO – COREA DEL SUD

    I nuovi orizzonti dei cattolici coreani dopo il Congresso di Seoul

    Matteo Choi Seok Kyoon

    Commossi dalle testimonianze dei cristiani perseguitati nel continente asiatico, i cattolici coreani riflettono sul loro ruolo missionario in Asia, in particolare verso la Corea del Nord. La proposta di un incontro Nazionale per promuovere la solidarietà fra i movimenti laicali e per non perdere i frutti del Congresso.

    Seoul (AsiaNews) – Un’occasione per conoscere le altre realtà cristiane dell’Asia e comprendere l’importanza della solidarietà e dell’unità fra i vari movimenti laicali della Corea. Sono questi alcuni frutti del Congresso dei laici cattolici dell’Asia, che dal 31 agosto al 5 settembre ha riunito 400 delegati laici da tutte le comunità cattoliche del continente asiatico. A due settimane dalla conclusione, i laici coreani raccontano ad AsiaNews le loro impressioni sul Congresso e si chiedono come possono verificare nella loro vita quotidiana e diffondere a tutti i cattolici di Corea e dell’Asia il messaggio dell’evento.

    Lucia Lee Yoon ja, direttrice del giornale cattolico dell’arcidiocesi di Seoul, afferma: “Sono rimasta molto colpita dalle varie testimonianze dei fedeli di altri Paesi, che per la loro fede vivono nella povertà e subiscono discriminazioni e in alcuni casi persecuzioni”. “Attraverso questo Congresso – continua - ho saputo per la prima volta, che in Turkmenistan su 5 milioni di abitanti ci sono soltanto 95 fedeli cattolici e due sacerdoti. Questo mi ha fatto subito ricordare il piccolo gregge dei cristiani nei primi tempi della Chiesa della Corea, circa 200 anni fa, e a tutte le difficoltà che i nostri antenati hanno dovuto subire per la loro fede cristiana comprese le violente persecuzioni”. “Mi sono commossa – aggiunge - pensando alla condizione di questi fratelli e sorelle prima sconosciuti”. La donna sottolinea che “oggi i coreani hanno la libertà religiosa proprio grazie al sacrificio dei martiri, ma si disinteressano delle altre realtà cristiane perseguitate dell’Asia”. “Per noi fedeli coreani – afferma - questo Congresso ci ha permesso di ritornare al cuore puro ed ardente dei primi tempi della nostra Chiesa e deve essere un inizio per la comunione attiva con le Chiese degli altri Paesi dell’Asia che si trovano in difficoltà.”

    Fabiano Choi Hong Joon presidente del Consiglio dell’apostolato dei laici cattolici della Corea (Catholic Lay Apostolate Council of Korea), afferma: “Personalmente, sono rimasto molto toccato dalle persecuzioni subite dai cristiani in tanti paesi dell’Asia. Noi cattolici della Corea del sud godiamo la libertà del culto, ma tanti altri fratelli e sorelle dell’Asia patiscono per discriminazioni e violenze”. “Dobbiamo ricordare nelle nostre preghiere questi cristiani – continua - e cercare i modi concreti per esprimere la nostra solidarietà.” Fabiano Choi sottolinea che una di queste chiese perseguitate è proprio quella della Corea del Nord. Per lui i cattolici del sud hanno il compito di pensare ai fratelli affamati oltre confine, soprattutto in questi mesi in cui i dialoghi fra Pyongyang e Seoul sono fermi per motivi politici.

    Fabiano Choi, riflette anche sull’impatto del Congresso per le varie comunità cattoliche coreane, in particolare i movimenti laicali.

    “Finora – afferma - nella Chiesa cattolica coreana, i movimenti hanno dato il loro contributo prezioso nei vari settori della società, ciascuno secondo il proprio carisma spirituale, ma non vi è stata mai una reale solidarietà fra loro”. Citando l’incontro mondiale dei movimenti e delle comunità ecclesiali con papa Giovanni Paolo II nel 1998, Fabiano Choi sottolinea che già allora il Santo Padre aveva evidenziato l’importanza e l’utilità della collaborazione fra queste comunità. Secondo lui vi è la necessità di organizzare per il prossimo anno un Congresso dei laici cattolici coreani, per creare una reale collaborazione fra i movimenti, soprattutto nell’apostolato. 

    Anche Tomas Cho, Eun Sang, membro della ricerca dell’apostolato sociale del Consiglio dei laici della Corea, sente l’urgenza di un incontro post-Congresso per condividerne i frutti con tutti i laici cattolici coreani. “La possibilità di mantenere vivo quanto emerso dall’incontro – afferma - dipende da noi, laici coreani, dal nostro atteggiamento. Ci vuole tempo e ricerca per capire, per far maturare ed incarnare i frutti e il senso di questo Congresso.”

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/11/2010 COREA
    Riconciliazione e aiuti alimentari ai coreani del Nord
    Alluvioni e il braccio di ferro tra il regime di Pyongyang e Seoul, mettono a rischio la vita di milioni di nordcoreani, che passeranno l’inverno senza cibo. Al V Forum per la riconciliazione tra le due Coree, l’arcivescovo di Seoul sfida i laici cattolici ad essere cristiani autentici e ad aiutare i fratelli del Nord nonostante il gelo tra i due governi.

    04/05/2011 COREA
    I rifugiati dalla Corea del Nord, “missionari di speranza per il Sud”
    Il vescovo di Daejeon e presidente della Commissione episcopale per la cura pastorale dei migranti e dei rifugiati, mons. Lazzaro You Heung-sik, parla ad AsiaNews: “I nostri fratelli che vivono oltre il confine sono come i bambini: il futuro della nostra società. E noi, come insegna Cristo, dobbiamo amarli e sostenerli”.

    27/07/2011 COREA
    La Caritas di Seoul invia tonnellate di farina al Nord: “Sono allo stremo”
    L’invio rientra nei limiti imposti dal governo sudcoreano dopo gli attacchi del regime di Pyongyang alle proprie postazioni. La farina sarà consegnata direttamente nelle mani degli abitanti, oramai senza più nulla da mangiare.

    20/06/2011 COREA
    Una Messa al confine “per riprendere il dialogo”
    Circa 20mila cattolici hanno partecipato alla Messa per la pace fra le due Coree, celebrata nei pressi della zona demilitarizzata. Il vescovo Kim: “Il momento è gravissimo. Dobbiamo tornare a rispettarci a vicenda e far tacere le armi”.

    26/05/2011 COREA - VATICANO
    Card. Tauran a Seoul: “Corea, esempio di tolleranza religiosa”
    In visita in Corea del Sud insieme a mons. Celata, il presidente del Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso incontra il presidente Lee: “Il vostro Paese porta avanti valori universali. Ma per l’unità non basta la politica: serve la religione e la cultura”.



    In evidenza

    VATICANO
    Il Papa ai giovani: Memoria del passato, coraggio nel presente, speranza per il futuro



    Diffuso oggi il Messaggio per la 32ma Giornata mondiale della gioventù sul tema “Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente”. Il modello di Maria nel suo incontro con Elisabetta. Rifiutare l’immobilità del “divano” dove starsene comodi e sicuri. Vivere l’esperienza della Chiesa non come una “flashmob” istantanea. Riscoprire il rapporto con gli anziani. Vivere il futuro in modo costruttivo non svalutando “le istituzioni del matrimonio, della vita consacrata, della missione sacerdotale”.


    AFGHANISTAN
    P. Moretti: Le Piccole sorelle di Gesù, per 60 anni “afghane fra gli afghani”



    Hanno vissuto 60 anni al servizio dei bisognosi. Sono rimaste a Kabul sotto l’occupazione sovietica, il controllo dei talebani e i bombardamenti Nato. Rispettate da tutti, anche dai talebani. Questo febbraio è finita la loro esperienza, secondo p. Moretti “una a cui guardare”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®