11/12/2018, 14.32
INDIA
Invia ad un amico

Il Bjp perde tre Stati indiani: la peggiore battuta d’arresto per il premier Modi

Il voto si è svolto negli Stati di Chhattisgarh, Madhya Pradesh, Rajasthan, Telangana e Mizoram. Il partito del Congress conquista seggi in territori chiave per le prossime elezioni generali del 2019. Pesa sul risultato il malcontento delle campagne.

New Delhi (AsiaNews/Agenzie) – Il partito nazionalista indù Bharatiya Janata Party (Bjp) ha perso la maggioranza dei seggi in tre Stati indiani, cruciali per le prossime elezioni generali che dovrebbero tenersi a maggio 2019. Si tratta del Chhattisgarh, Madhya Pradesh e Rajasthan, dove nelle ultime settimane si sono svolte le operazioni di voto. Secondo gli analisti politici, il risultato di oggi è la peggiore battuta d’arresto da quando il premier Narendra Modi, leader del Bjp, è salito al potere nel 2014. Per gli esperti, il voto potrebbe condizionare in maniera pesante la prossima tornata elettorale e unire le opposizioni, che già cavalcano il sentimento di scontento popolare diffuso in vari strati della popolazione, soprattutto tra i giovani e i contadini strangolati dai debiti.

Il voto è l’ultimo appuntamento elettorale prima della tornata generale del 2019. In tutto, sono cinque gli Stati chiamati a esprimere la nuova composizione delle Assemblee locali. Oltre ai tre citati, in Telangana e Mizoram si deve ancora procedere al conteggio dei voti; in entrambi si prevede la vittoria dei gruppi locali del Telangana Rashtra Samiti (Trs) e del Mizo National Front (Mnf).

Il Congress Party di Rahul Gandhi è in testa in tutti e tre gli Stati-chiave: in Rajasthan conduce con 114 seggi su 199 totali (contro gli 81 del Bjp); in Chhattisgarh si aggiudica 59 seggi su 90 (24 vanno al Bjp); in Madhya Pradesh, il più importante terreno di scontro di queste votazioni, il Congress è in testa con 112 seggi su 230 (mentre i nazionalisti indù ne conquistano 103).

Diverse spinose questioni hanno pesato sul risultato elettorale: il malcontento delle campagne, dove la popolarità del premier è in calo per la sua incapacità di risolvere il dramma dei suicidi dei contadini dovuti ai debiti agricoli; la disoccupazione; il mancato sviluppo. Bishnu Prasad Jalodia, coltivatore di grano del Madhya Pradesh, afferma a Reuters: “Questa volta abbiamo votato tutti per il Congress. Il Bjp ignora i contadini. Loro ci ignorano perché siamo sul gradino più basso della piramide [sociale]”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Mizoram, per la prima volta il governo si insedia con una preghiera cristiana
14/12/2018 12:37
Modi trionfa nelle elezioni regionali indiane e spinge al declino Rahul Gandhi
14/03/2017 11:41
Cento milioni d’indiani al voto. Un test per governo e opposizione indù
14/11/2008
È Ram Nath Kovind, un dalit, il 14mo presidente indiano: esultano i nazionalisti
20/07/2017 13:44
Migliaia di contadini strangolati dai debiti invadono Delhi. In calo la popolarità di Modi
01/12/2018 12:26