2 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 05/04/2006
libano
"Il Libano deve uscire dalla crisi", il grido dei vescovi maroniti
di Youssef Hourani

I presuli ed il card. Sfeir criticano il rinvio del Dialogo interlibanese. Per il patriarca, il presidente Lahoud non è più in grado di guidare il Paese.



Beirut (AsiaNews) – "Dobbiamo uscire da questa crisi": è il grido lanciato dai vescovi maroniti al termine del loro incontro mensile, presieduto dal patriarca Nasrallah Sfeir, per chiamare i responsabili politici a superare lo stallo delle istituzioni, aggravato dalla decisione dei partecipanti al Dialogo interlibanese di sospendere le loro riunioni fino al 28 di questo mese di aprile.

Nel comunicato finale dei loro lavori, i vescovi hanno condannato le dichiarazioni che sono state fatte dopo il vertice della Lega araba, dove si è evidenziato il conflitto esistente tra il presidente del Consiglio, Fouad Siniora e il Gruppo del 14 marzo da una parte e il presidente della Repubblica Emile Lahoud dall'altra. A questo proposito, vasta eco hanno sollevato le parole dette dal patriarca Sfeir in un'intervista al settimanale francese "Le point". Il card. Sfeir ha infatti sostenuto che "la presidenza e isolata ed il Presidente Lahoud non è più in grado di governare il paese, quando i responsabili e gli ambasciatori dei Paesi non recano più dal presidente nel suo palazzo presidenziale". Il patriarca ha anche rinnovato il suo rifiuto categorico all'elezione di un militare a capo dello Stato, aggiungendo che il generale Michel Aoun "ha lasciato l'abito militare da più di vent'anni". Il card. Sfeir ha espresso il suo appoggio alle iniziative prese dal presidente della Camera dei deputati, Nabih Berri, che presiede le riunioni del dialogo inrterlibanese, ed ha espresso il suo malessere per la sospensione delle riunioni fino al 28.

Della presidenza della Repubblica non parla invece il comunicato dei vescovi e ciò sembra indicare una presa di distanza dell'episcopato nei confronti delle dure affermazioni del card. Sfeir.

I vescovi, invece, disapprovano l'atteggiamento di Lahoud ed Aoun a favore di Hezbollah, il "Partito di Dio", sostenendo che "fa parte della resistenza libanese".

I vescovi, infine, esortano i responsabili della vita politica ad assumersi le loro responsabilità, facendo ripartire la vita politica, ed a seguire il linguaggio della ragione per permettere al Paese di uscire dalla crisi politica ed economica.

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
31/10/2005 libano
Il Libano vive un momento difficile e guarda al patriarca Sfeir
di Youssef Hourany
07/03/2006 libano
Il patriarca Sfeir esorta a riflettere sul futuro della libertà in Libano
di Yousef Hourany
22/05/2006 libano
Card. Sfeir, i cristiani divisi si accordino almeno su sovranità, indipendenza e libertà del Liban
01/06/2006 libano
Geagea: l'8 giugno cercheremo di risolvere le questioni di Lahoud e Hezbollah
di Youssef Hourany
06/09/2006 LIBANO
L'emorragia di cristiani libanesi e la questione Lahoud nell'appello dei vescovi maroniti
di Yousef Hourany

In evidenza
INDIA
Card. Toppo: Imparare dai tribali dell’India ad avere cura della terra e dei suoi abitanti
di Nirmala CarvalhoL’arcivescovo di Ranchi parla ad AsiaNews in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato (1 settembre). Nel Paese “più di un milione di tribali è cattolico, e nella nostra cultura noi rispettiamo la natura e ne celebriamo i doni”. Oggi “per essere veri testimoni di Cristo dobbiamo rispondere alla crisi ecologica attraverso una profonda conversione spirituale”.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate