28 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 10/05/2017, 10.55

    NEPAL

    Il Nepal blinda il compleanno del Buddha per impedire le proteste dei tibetani

    Christopher Sharma

    Le celebrazioni si svolgono a Lumbini, luogo di nascita di Siddhartha Gautama, e in famosi monasteri. I poliziotti hanno l’ordine di sorvegliare da vicino i rifugiati. Un tibetano: “Siamo al fianco del Dalai Lama nella richiesta di libertà religiosa”.

    Kathmandu (AsiaNews) – Un Nepal blindato ospita le celebrazioni per il compleanno del Buddha. Oggi ricorre la festa per il 2561mo anniversario di nascita del principe Siddhartha Gautama, asceta indiano e fondatore del buddismo. Nonostante le preoccupazioni per la sicurezza in vista delle prossime elezioni amministrative del 14 maggio, il governo di Kathmandu ha deciso di schierare la polizia in tutte le aree delle celebrazioni. L’obiettivo è impedire ai rifugiati tibetani di protestare contro la Cina e contro la repressione di Pechino nei confronti dei seguaci del Dalai Lama.

    R.B.Tamang, poliziotto dispiegato al monastero Bouddha a Kathmandu, dichiara: “Abbiamo ricevuto l’ordine di sorvegliare da vicino le attività dei buddisti tibetani che vivono in Nepal da rifugiati. Ci è stato ordinato di intervenire persino durante le preghiere e i raduni negli stupa nel caso in cui essi dovessero attuare proteste contro la Cina”.

    Tendi Lama, rifugiato tibetano, riporta atteggiamenti discriminatori da parte delle forze dell’ordine: “Quando gli agenti scoprono che siamo rifugiati ci impediscono di partecipare alla preghiera e di raccoglierci in gruppo. Noi facciamo finta di essere nepalesi per entrare negli stupa”. Egli riporta che i rifugiati vivono sotto la minaccia costante di violenze e torture, come quando “qualche mese fa la polizia ha disperso a bastonate un nostro incontro di preghiera e ci ha intimato di non pregare in raduni di massa”. “Anche se siamo una minoranza – lamenta – abbiamo il diritto di celebrare il compleanno del Buddha e di pregare per il nostro Tibet”. Poi aggiunge che i rifugiati vivono da tanti anni in Nepal, dove hanno creato anche delle famiglie, “ma il governo non ci riconosce il diritto alla libertà religiosa. Siamo al fianco del Dalai Lama nella richiesta di libertà religiosa e preghiamo per il Tibet e per la nostra comunità”.

    In occasione della festa del Vesakh, che commemora diversi avvenimenti nella vita di Buddha (la nascita, l’illuminazione, la morte), il Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso ha inviato un messaggio, sottolineando la “necessità urgente” di cristiani e buddisti “di camminare insieme sulla via della pace”. In Nepal le celebrazioni si svolgono a Lumbini, luogo di nascita del Buddha, e in altri famosi monasteri, come quello di Bouddha e Soyambhu.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/04/2017 12:44:00 VATICANO
    Messaggio del Vaticano per la festa del Buddha (Vesakh): insieme sulla via della non violenza

    Le religioni devono collaborare perché spesso si usa la religione come giustificazione della violenza. Cristiani e buddisti riconoscono che occorre curare il male nel cuore, da dove ha origine. Educare alla pace e al rispetto dell’ambiente. Eliminare “il discorso dell’odio” nei media e ricostruire “le società frantumate”.



    06/05/2016 12:22:00 VATICANO
    Messaggio del Vaticano per il Vesak: Cristiani e buddisti per una “educazione ecologica”

    Il Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso propone ai buddisti di collaborare per “liberare l’umanità dalle sofferenze causate dai cambiamenti climatici, e contribuire alla cura per la nostra casa comune”. Cristiani e buddisti condividono la coscienza che i “deserti esteriori” sono provocati dai “deserti interiori”, e che la crisi ecologica è anzitutto “una crisi dell’io”.



    07/07/2011 NEPAL – CINA – TIBET
    Pechino e Kathmandu: repressione tibetana pagata con aiuti economici
    Pechino loda il giro di vite della polizia nepalese contro i sostenitori del Dalai Lama. Per il nuovo ambasciatore cinese a Kathmandu le manifestazioni degli attivisti tibetani non contano nulla. Cina e India in competizione per il controllo economico dell’Asia del sud.

    06/11/2015 VATICANO
    Cristiani e indù insieme per nutrire una cultura che promuova l'ecologia umana
    Il Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso scrive agli indù per la festa di Diwali: “La cura del Creato ha un nesso incredibile con la pace nel mondo, è necessario uno sforzo congiunto delle nostre religioni – e di tutti gli uomini di altre tradizioni religiose e di buona volontà – per favorire la crescita dell’albero della pace”. La festa delle luci induista verrà celebrata da molti fedeli il prossimo 11 novembre.

    21/10/2014 INDIA
    India, cattolici e indù "lavorino insieme contro la globalizzazione dell'indifferenza"
    Il presidente dell'Ufficio per il dialogo interreligioso e l'ecumenismo della Conferenza episcopale cattolica indiana, mons. Felix Machado, commenta ad AsiaNews il messaggio vaticano per la festa indù di Diwali: "Non dobbiamo ignorare le differenze che ci separano, ma comprenderle e accettarle. Sulle orme di papa Francesco, impegniamoci per il benessere comune".



    In evidenza

    VATICANO-CINA
    ‘Grave preoccupazione’ della Santa Sede per mons. Shao Zhumin, sequestrato dalla polizia da oltre un mese

    Bernardo Cervellera

    Il vescovo di Wenzhou (Zhejiang) sarebbe sottoposto a lavaggio di cervello per farlo aderire all’Associazione patriottica. Mons. Shao appartiene alla comunità sotterranea. È la prima volta in tre anni - da quando sono ripresi di dialoghi Cina-Santa Sede - che la Sala Stampa si esprime su un vescovo arrestato. Il dolore dei fedeli per il troppo silenzio. Per mons. Shao aveva parlato anche l’ambasciatore tedesco a Pechino, Michael Clauss. L’invito a pregare per mons. Shao e per “il cammino della Chiesa in Cina”.


    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®