02/08/2013, 00.00
VATICANO – ISLAM
Invia ad un amico

Il Papa firma il Messaggio per la fine del Ramadan

Per la festa di ‘Id al-Fitr’, che chiude il mese sacro dell’islam, è Francesco a firmare il tradizionale messaggio inviato alle comunità musulmane di tutto il mondo: “Ho voluto farlo io come espressione di stima e amicizia per tutti i musulmani, specialmente coloro che sono capi religiosi”. Le due religioni educhino al rispetto verso l’altro: “Uno speciale rispetto è dovuto ai capi religiosi e ai luoghi di culto. Quanto dolore arrecano gli attacchi all’uno o all’altro di questi!”

Città del Vaticano (AsiaNews) - La promozione "del mutuo rispetto attraverso l'educazione", l'importanza "del rispetto reciproco sempre, non solo in presenza dell'altro" e l'importanza "del dialogo e della cooperazione tra credenti, in particolare tra cristiani e musulmani" che "va sempre rafforzata". È il contenuto del Messaggio inviato da papa Francesco "ai musulmani del mondo intero" per la fine del mese sacro islamico di Ramadan.

Nel testo augurale - firmato dal pontefice e non dal Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso "come espressione di stima e amicizia per tutti i musulmani" - Francesco sceglie come tema il rispetto attraverso l'educazione, un tema sensibile per il mondo islamico e molto importante per quello cristiano: "Ciò che siamo chiamati a rispettare in ciascuna persona - scrive il Papa - è innanzitutto la sua vita, la sua integrità fisica, la sua dignità e i diritti che ne scaturiscono, la sua reputazione, la sua proprietà, la sua identità etnica e culturale, le sue idee e le sue scelte politiche".

È in questo senso, continua Francesco, che va iscritto il rispetto nel dialogo islamo-cristiano. E soprattutto "uno speciale rispetto è dovuto ai capi religiosi e ai luoghi di culto. Quanto dolore arrecano gli attacchi all'uno o all'altro di questi!"

Sono consapevole, sottolinea, "che in questo periodo le dimensioni familiare e sociale sono particolarmente importanti per i musulmani e vale la pena di notare che vi sono certi paralleli in ciascuna di queste aree con la fede e la pratica cristiane. Quest'anno, il tema su cui vorrei riflettere con voi e con tutti coloro che leggeranno questo messaggio, e che riguarda sia i musulmani sia i cristiani, è la promozione del mutuo rispetto attraverso l'educazione".

Il tema di quest'anno "intende sottolineare l'importanza dell'educazione nel modo in cui ci comprendiamo gli uni gli altri, sulla base del mutuo rispetto". Quindi le due religioni sono "chiamate a rispettare la religione dell'altro, i suoi insegnamenti, simboli e valori. Uno speciale rispetto è dovuto ai capi religiosi e ai luoghi di culto. Quanto dolore arrecano gli attacchi all'uno o all'altro di questi! Chiaramente, nel manifestare rispetto per la religione degli altri o nel porgere loro gli auguri in occasione di una celebrazione religiosa, cerchiamo semplicemente di condividerne la gioia, senza fare riferimento al contenuto delle loro convinzioni religiose".

Riguardo all'educazione della gioventù musulmana e cristiana, aggiunge subito dopo, "dobbiamo formare i nostri giovani a pensare e parlare in modo rispettoso delle altre religioni e dei loro seguaci, evitando di mettere in ridicolo o denigrare le loro convinzioni e pratiche. Sappiamo tutti che il mutuo rispetto è fondamentale in ogni relazione umana, specialmente tra persone che professano una credenza religiosa. È così che può crescere un'amicizia sincera e duratura".

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Cristiani e musulmani lavorino fraternamente "per la giustizia, la pace e il rispetto dei diritti e della dignità di ogni persona"
18/07/2014
Formare una identità religiosa “senza antagonismo” nei giovani cristiani e musulmani
20/05/2011
Papa in Kenya: l’estremismo nasce dalla mancanza di istruzione e di lavoro
27/11/2015
Prosegua il dialogo tra cristiani e musulmani e promuova la libertà di religione
10/05/2019 13:33
Papa: solo “alzando gli occhi a Dio” si educano i giovani alla giustiza e alla pace
16/12/2011