24 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 27/04/2017, 15.42

    TIBET - CINA

    Il Tibet ricorda il Panchen Lama, da 22 anni detenuto in segreto da Pechino



    Gedhun Choekyi aveva sei anni quando fu rapito, e da allora non si hanno notizie. I tibetani lo ricordano il giorno del suo 28mo compleanno. Pechino cerca di imporre le sue scelte sul futuro del buddismo tibetano, ma i tibetani chiedono il rilascio del monaco.

    Dharamsala (AsiaNews/Agenzie) – In occasione del suo 28mo compleanno, il 25 aprile, esponenti del buddismo tibetano hanno ricordato il Panchen Lama, rapito 22 anni fa da Pechino e da allora tenuto in isolamento.

    Gedhun Choekyi Nyima fu catturato con la sua famiglia dalle autorità cinesi il 17 maggio 1995, tre giorni dopo essere stato riconosciuto come Panchen Lama dall’attuale Dalai Lama, Tenzin Gyatso. Per il buddismo tibetano, il Panchen Lama è importante perché ha il compito di riconoscere la nuova rinascita del Dalai Lama, dopo la sua morte. Rapito a soli sei anni, Nyimia venne definito il “più giovane prigioniero di coscienza della storia”.

    Un candidato sostenuto da Pechino, Gyaincain Norbu, fu quindi proposto in sostituzione dalla Cina nel novembre dello stesso anno. Egli è tuttora impopolare fra i tibetani.

    Da quando scomparve con la sua famiglia, non ci sono più state notizie sul destino di Nyima. Inutili le richieste delle Nazioni Unite e di altre organizzazioni e agenzie per i diritti umani di fargli visita, con costanza rigettate da Pechino. Due anni fa, un membro del governo cinese aveva affermato che il Panchen Lama “sta vivendo una vita normale e non vuole essere disturbato”.

    In una lettera aperta pubblicata il 25 aprile, il compleanno del Panchen Lama, il commissario per la Commissione internazionale degli Usa per la libertà religiosa Tenzin Dorjee si è rivolto in maniera diretta a Nyima, definendosi addolorato che il disperso Panchen Lama potrebbe non leggere mai le sue parole. “Da quando sei stato rapito, piccolo bambino di sei anni, il governo cinese ha rifiutato di condividere anche le più basilari informazioni su di te e su dove ti trovi,” scrive Dorjee. “Per favore sappi che penso a te ogni giorno, e per ogni giorno che passa, la mia determinazione di trovarti e riportarti al ruolo che ti aspetta diventa più forte”.

    “La continua detenzione in segreto del Panchen Lama è un atto di sparizione forzata”, aggiunge il Centro tibetano per i diritti umani e la democrazia con base a Dharamsala (Tchrd) in una dichiarazione di questa settimana. “[Questo] è un crimine internazionale grave che viola diversi diritti umani e libertà fondamentali sanciti dalla Dichiarazione universale per i diritti umani e da altri principali strumenti internazionali sui diritti umani,” afferma Tchrd.

    La selezione dei lama reincarnati nelle aree cinese del Tibet ora è sottoposta all’approvazione di Pechino. Spesso gli insegnanti di alto grado spesso scelti fra i “lama patriottici”, su cui la Cina può fare affidamento che non chiederanno l’indipendenza tibetana dal governo cinese.

    La Cina sta cercando di assicurarsi la scelta del monaco che sostituirà l’attuale Dalai Lama, oramai 81enne, dopo la sua morte. In risposta all’ingerenza di Pechino, Tenzin Gyatso negli ultimi anni ha teorizzato che lui potrebbe essere l’ultimo Dalai Lama.

    “Senza alcun riconoscimento dal Dalai Lama, le autorità cinesi non potranno mai mettere il timbro di legittimità sulla loro scelta di nessun leader religioso, sia esso il Panchen Lama o il futuro Dalai Lama,” afferma in una dichiarazione del 25 aprile Bhuchung Tsering, vice presidente per la Campagna internazionale per il Tibet (Ict) con base a Washington. “La Cina può ambire alla propria versione della Legge dell’incarnazione,” dice Tsering. “Ma è la volontà dei fedeli che conta davvero”. “Prima le autorità cinesi se ne renderanno conto, meglio sarà per loro”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/09/2015 TIBET – CINA
    Il vero Panchen Lama “sta bene e non vuole essere disturbato”. E' scomparso da 20 anni
    Un funzionario del Dipartimento del Fronte unito della provincia del Tibet ha risposto a una domanda su Gedhun Choekyi Nyima, rapito da Pechino quando aveva 6 anni: “Studia e cresce in salute. Ma il suo riconoscimento da parte del Dalai Lama è stato illegale e invalido”.

    18/05/2015 TIBET – CINA
    Leader tibetano: E' in atto un genocidio culturale contro il Panchen Lama e il Tibet
    Penpa Tsering guida il Parlamento tibetano in esilio. In occasione del 20mo anniversario dal rapimento del “numero 2” del buddismo locale dice: “Pechino non lo vuole morto, ma ignorante. Lo hanno recluso per impedirgli di imparare la lingua, la religione e la cultura del Tibet. In questo modo, non potrà insegnare al suo popolo”. In diverse città del mondo si chiede la liberazione del “più giovane prigioniero di coscienza della storia”.

    30/09/2016 11:13:00 TIBET – CINA
    Tibet, il Partito “ha una priorità: fermare il Dalai Lama”

    Lo scrive il nuovo segretario Wu Yingjie sul Tibet Daily: “La prima cosa da fare è rafforzare il nostro impegno contro la cricca del Dalai Lama. In questo modo porteremo avanti la nostra missione a lungo termine, ovvero rafforzare l’unità etnica”. Lo scopo finale rimane quello di influire sul riconoscimento del prossimo leader del buddismo tibetano. Torna in auge il finto Panchen Lama nominato da Pechino.



    17/01/2008 TIBET – CINA
    Monaci tibetani “suicidi”, avrebbero dovuto riconoscere il prossimo Dalai Lama
    Gyaltsen Tsepa Lobsang e Yangpa Locho, entrambi di 71 anni, sono stati trovati impiccati fra settembre e novembre nel monastero di Tashilhunpo. Avevano riconosciuto l’undicesimo Panchen Lama, poi sequestrato da Pechino, ed avevano educato gli istigatori della grande rivolta anti-Cina avvenuta nella prima metà degli anni ’90.

    03/05/2012 TIBET – CINA
    Il Panchen Lama rapito da Pechino “rimarrà per sempre nel cuore dei tibetani”
    L’abate del monastero Tashi Lhunpo, la tradizionale residenza del Panchen Lama, scrive in occasione del compleanno del numero 2 del buddismo tibetano, rapito dal governo cinese quando aveva 6 anni: “Pechino vuole fiaccare i nostri animi ma non ci riuscirà. Continuiamo a pregare per il suo ritorno”.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”. Il Simposio di AsiaNews sulla Chiesa in Cina.  Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. “A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.


    VATICANO-CINA
    24 maggio 2017: ‘Cina, la Croce è rossa’, il Simposio di AsiaNews

    Bernardo Cervellera

    Il raduno in occasione della Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. Un titolo con molti significati: la Croce è rossa per il sangue dei martiri; per il tentativo di soffocare la fede nei controlli statali; per il contributo di speranza che il cristianesimo dà a una popolazione stanca di materialismo e consumismo e alla ricerca di nuovi criteri morali. A tema anche la grande e inaspettata rinascita religiosa nel Paese. Fra gli invitati: il card. Pietro Parolin, mons. Savio Hon, il sociologo delle religioni Richard Madsen, testimonianze di sacerdoti e laici cinesi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®