18 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 09/02/2018, 09.04

    INDIA

    Il card. Oswald Gracias è il nuovo presidente dei vescovi indiani (Video)



    Il porporato presiede anche la Federazione delle Conferenze episcopali asiatiche e la Conferenza dei vescovi indiani di rito latino. È un fervente sostenitore dell’opera sociale della Chiesa cattolica in India. Sta seguendo il processo di canonizzazione dei martiri di Kandhamal (Orissa).

    Bangalore (AsiaNews) – Il card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai, è stato eletto ieri nuovo presidente della Conferenza episcopale indiana (Cbci). Egli succede al card. Baselios Mar Cleemis, capo della Chiesa siro-malankarese, che guidava l’organo dal 2014. Il card. Gracias è un grande amico di AsiaNews e difensore dei cristiani in tutto il mondo. Ieri, subito dopo l’elezione avvenuta durante la Plenaria dei vescovi che si conclude oggi a Bangalore (Karnataka), ha detto: “La Chiesa cattolica in India è vibrante, dinamica e dobbiamo mantenerla vitale. Dobbiamo lavorare per una maggiore saggezza, una saggezza morale e spirituale. Ma anche per accrescere i nostri servizi ed essere più efficaci nel servizio del nostro Paese e della nostra popolazione”.

    Il card. Gracias, 73 anni, è tra i più illustri esponenti della Chiesa universale. Il porporato è presidente della Federazione delle conferenze episcopali asiatiche (Fabc) e dal 2013 membro del gruppo dei cardinali chiamati da papa Francesco alla riforma della Curia (il cosiddetto C9). Inoltre è il primo indiano a guidare in contemporanea le Chiese asiatiche, la Chiesa indiana e la Chiesa di rito latino in India (Conferenza dei vescovi di rito latino, Ccbi).

    Il porporato rimarrà in carica per quattro anni. Egli è già stato alla guida dei vescovi dal 2010 al 2014. Nato a Mumbai il 24 dicembre 1944 da genitori originari dello Stato di Goa, ha studiato alla St. Michael’s School di Mahim e al St. Xavier’s College gestito dai gesuiti. In seguito è entrato nel seminario di St. Pius X ed è stato ordinato sacerdote dal card. Valerian Gracias di Mumbai il 20 dicembre 1970. Ha studiato Diritto canonico all’università Urbaniana di Roma e ha una seconda laurea in Giurisprudenza.

    Il mandato attuale cade in un momento di particolare difficoltà per i cattolici dell’India. Nel Paese i cristiani rappresentano circa il 2% della popolazione totale, cioè 27,8 milioni, di cui 19 milioni cattolici. Nonostante il numero esiguo, essi sono i promotori dello sviluppo sociale, così come dichiarato durante la Plenaria anche dal card. Charles Bo di Yangon: 25% dell’educazione è in mano alla Chiesa indiana e il 20% delle cure sanitarie alle persone più vulnerabili è offerto da un “esercito di volontari cristiani”.

    Tuttavia, di recente le scuole cattoliche in India sono state vittime di numerosi episodi di intimidazione e aggressione da parte dei radicali indù. Decine di pastori subiscono vessazioni e sono soggetti a detenzione e processi sommari per presunte conversioni forzate. I volontari cattolici sono spesso accusati di sequestro di bambini, quando invece organizzano per i più piccoli campi di educazione e iniziative ricreative. Inoltre il prossimo anno sono attese le elezioni generali della federazione indiana.

    Tra i primi che si sono rallegrati dell’elezione del presidente, i cristiani sopravvissuti alle violenze del Kandhamal. Il card. Gracias sta seguendo il processo di canonizzazione dei 100 martiri cristiani trucidati nel 2008 nel distretto di Kandhamal. Ora i parenti delle vittime e tutta la Chiesa locale sperano che la sua nomina porti presto coloro che sono stati uccisi in nome della fede ed essere elevati sull’altare dei santi.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    02/03/2010 INDIA
    Card. Gracias: “Nuova vita per la Chiesa indiana”
    L’arcivescovo di Mumbai è stato eletto presidente della Conferenza episcopale indiana. Ad AsiaNews spiega: “Nuovo dialogo fra le fedi e attenzione per i poveri. Dio ci chiama a proteggere il Creato, e questo deve essere il nucleo della nostra missione”.

    05/02/2018 15:13:00 INDIA
    Plenaria dei vescovi: ‘nazionalismo, povertà e dalit’ le maggiori sfide per l’India

    L’assemblea generale della Conferenza episcopale indiana è riunita a Bangalore, in Karnataka. Il card. Bo del Myanmar loda l’impegno dei cristiani nell’educazione e nel campo sanitario. “La povertà è il peccato mortale dei tempi moderni”. I dalit “portatori di una ricca eredità culturale”.



    18/05/2017 12:20:00 INDIA
    Vescovo di Chingleput: nelle scuole cattoliche sconti per i dalit

    Mons. Anthonisamy Neethinathan è il presidente dell’Ufficio per le caste e tribù svantaggiate della Conferenza episcopale indiana. La circolare si rivolge a tutte le scuole cattoliche della diocesi. “Il suo esempio dovrebbe essere seguito da tutti”. Riduzioni anche per gli studenti di prima generazione e per quelli poveri.



    10/03/2016 12:15:00 INDIA
    Mons. Theodore Mascarenhas è il nuovo Segretario generale della Conferenza episcopale indiana

    Il vescovo ausiliare di Ranchi parla delle sfide della missione apostolica della Chiesa, e in particolare di quelle nel campo della salute e dell’educazione. Nelle “aree più remote dell’India solo la Chiesa si prende cura dei poveri”. Il card. Baselios Cleemis confermato alla presidenza dei vescovi.



    01/02/2018 11:52:00 INDIA
    Card. Gracias: Il ruolo dell’educazione per promuovere l’armonia interreligiosa

    A Mumbai un simposio per il dialogo interreligioso. Scuole cattoliche attaccate in India, ma all’interno “insegnanti e studenti di tutte le religioni sono incoraggiati a ricercare insieme la pace, mettendo alla prova la nostra disponibilità al perdono e alla riconciliazione”. Una rivoluzione culturale e un’etica di giustizia; la riconciliazione “indispensabile per promuovere la pace”.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®