31/08/2010, 00.00
INDIA
Invia ad un amico

Il commiato dell’Andhra Pradesh dal suo “Vescovo del popolo”

Ai funerali di mons. Joji Marampudi sono stati ricordati il suo impegno per la promozione dei diseredati e la sua capacità organizzativa. Ha lasciato alla diocesi e al suo successore tutto ciò che aveva.
Mumbai (AsiaNews) – Instancabile nell’impegno per la promozione dei diseredati e nel servizio per la Chiesa dell’Andhra Pradesh alla quale ha donato la sua capacità organizzativa e la sua lealtà. Mons. Joji Marampudi, arcivescovo di Hyderabad, morto il 27 agosto, è stato ricordato in questi termini, ieri, alla celebrazione dei suoi funerali dal presidente dei vescovi dello Stato, mons. Gali Bali.
 
Alla sua Chiesa e al suo successore, il vescovo scomparso ha lasciato anche tutto ciò che aveva. “Non ho portato nulla in questo mondo – ha scritto nel suo testamento – e vado via senza portare nulla con me. Ogni bene materiale, denaro, libri, insegne episcopali e quanto altro è stato a mia disposizione durante la mia vita e che può essermi riferito dopo la mia morte, lo lascio alla diocesi e al mio successore”.
 
Decine di migliaia di persone, tra le quali vescovi, sacerdoti, leader delle organizzazioni cristiane, politici ed esponenti del mondo sociale hanno voluto rendere omaggio, nella cattedrale di Vijayawada, al “Vescovo del popolo”, come veniva chiamato colui che è stato il primo arcivescovo fuori casta nella storia dell’India.
 
Nato il 7 ottobre 1942 a Bhimavaran (Andra Pradesh) in una famiglia Dalit di etnia telugu, mons. Marampudi aveva incontrato il cristianesimo attraverso i missionari del Pontificio istituto missioni estere (Pime), i primi ad estendere la missione cristiana tra i fuori casta della diocesi di Hyderabad. Battezzato dai padri del Pime, divenne sacerdote il 14 dicembre 1971 e nel 2000 venne nominato arcivescovo di Hyderabad, primo Dalit a guidare un’arcidiocesi. In precedenza era stato vescovo di Vijayawada. Per oltre 30 anni egli si è battuto per l’emancipazione dei fuori casta all’interno della società indiana, dialogando con le più alte cariche politiche e religiose.
 
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Tragedia aerea nell’Andhra Pradesh: muore il governatore Reddy, difensore dei dalit cristiani
03/09/2009
L’India ricorda p. Colombo e la sua “grandezza di umile servo del Signore”
03/09/2009
Andhra Pradesh: arcivescovo dalit chiede pari dignità fra cristiani e indù
10/06/2009
È morto mons. Joji Marampudi, arcivescovo di Hyderabad
28/08/2010
La benedizione del Papa per il primo ministro dell'Andra Pradesh.
11/11/2005