25 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 05/10/2011
TURCHIA-CIPRO
Il gas di Cipro. Turchia e Israele, Grecia e Russia si mobilitano
La tensione nel Mediterraneo orientale cresce rapidamente, in conseguenza della probabile presenza di giacimenti di petrolio e gas naturale intorno all’isola la cui parte nord è occupata dalla Turchia. Cipro e Israele, che ha di recente scoperto un grande giacimento di gas al confine marittimo con le acque libanesi, hanno firmato un accordo di cooperazione. La Turchia protesta, la Russia manda una flotta per tre mesi in quelle acque.

 Nicosia (AsiaNews/Agenzie) – La Turchia continuerà a esplorare i fondali marittimi del Mediterraneo davanti alla parte di Cipro greca, ha annunciato il 3 ottobre una fonte ufficiale. La nave particolarmente attrezzata per queste prospezioni, la “Piri Reis” si è rifornita ieri nel porto di Famagosta e secondo fonti diplomatiche è ripartita per le sue esplorazioni verso sud, contrariamente a informazioni precedenti, secondo cui avrebbe dovuto tornare a Smirne ieri. La “Piri Reis” ha completato le ricerche nel cosiddetto “Blocco 12”, la zona dove i greco-ciprioti hanno iniziato a lavorare su giacimenti di gas naturale e petrolio.

La Turchia, e la Cipro turca – non riconosciuta internazionalmente – hanno firmato un accordo sulla piattaforma continentale, per delimitare i confini marittimi per esplorazioni congiunte per gas e petrolio Ma alcune delle zone indicate nell’accordo si sovrappongono ai confini delimitati dalla Repubblica di Cipro, greca, membro dell’Unione Europea. Il presidente cipriota, Dimitri Christofias, ha dichiarato il primo ottobre, in risposta alle proteste turche, che le perforazioni sui fondali alla ricerca di gas e petrolio continueranno, a dispetto dell’opposizione di Ankara. Christofias ha dichiarato che il diritto di Cipro alla ricerca di depositi all’interno della sua zona economica esclusiva non è negoziabile e ogni interferenza esterna è inaccettabile.

La corsa al gas è cominciata quando nel giugno 2010 è stato scoperto un grande giacimento di gas a 130 km dalla costa nord di Israele, chiamato “Leviathan”. Con 450 miliardi di metri cubi di gas, “questa scoperta ha il potenziale per fare di Israele un esportatore di gas naturale”, ha annunciato il presidente della Noble Energy, la compagnia di Houston responsabile della scoperta. Subito la notizia ha provocato la reazione del Libano - che sostiene che il giacimento rientra anche nei suoi confini marittimi - e ha creato il problema di come esportare il gas. Il modo più economico sarebbe un gasdotto che collegasse Israele alla Grecia, alla Bulgaria e all’Italia e ad alcuni Paesi dei Balcani; ma i costi economici sono comunque altissimi, e l’impresa sarebbe realizzabile solo se uno o più Paesi si impegnassero all’acquisto per molti anni.

E’ probabile che “Leviathan” non sia il solo giacimento nella zona, e che altri analoghi campi di scoperta si estendano nel Mediterraneo orientale, fino a Cipro, a ovest, e a nord verso la Siria, affermano i geologi. Una considerazione che ha portato a un miglioramento drammatico dei rapporti fra Cipro e Israele. Il presidente Christofias si è recato in Israele, e il suo omologo israeliano è atteso a breve sull’isola. I due Paesi hanno firmato un accordo per la delimitazione delle Exclusive Economic Zones (Eez) e la cooperazione nell’esplorazione del petrolio e del gas di Cipro, affidata alla compagnia americana Noble Energy, che lavora in contatto con il Dipartimento di Stato e l’ambasciata Usa a Nicosia. Cipro inoltre si pone come naturale mediatore fra Libano e Israele nella disputa sui confini esatti di “Leviathan”.

La scoperta di giacimenti di gas nel Mediterraneo orientale sta provocando un’escalation di tensione nella zona che non si limita ai rapporti bilaterali fra Cipro e la Turchia. I giornali locali di Cipro informano che la Turchia sta aumentando la sua attività nella regione aerea di Cipro, con esercitazioni di ricerca e salvataggio notturne. Nello stesso tempo Israele è impegnato a sorvegliare questi movimenti con droni senza pilota. La Grecia e la Russia hanno immediatamente appoggiato la posizione cipriota nella vicenda del gas. Mosca è interessata ad avere alcune licenze, sugli eventuali campi di sviluppo, ed è favorevole a un accordo di cooperazione. A novembre la portaerei russa “Ammiraglio Kuznetsov” con la flotta del nord giungerà nella zona, e vi resterà circa tre mesi, portando un numero notevole di aerei da combattimento. Anche un sottomarino farà parte del convoglio, il cui scopo ufficiale è quello di compiere esercitazioni di pattugliamento. L’arrivo dei russi dovrebbe coincidere, secondo informazioni locali, con l’annuncio dei risultati delle perforazioni compiute dalla Noble Energy.
 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
03/03/2011 CIPRO-TURCHIA
Nicosia: i turco-ciprioti in piazza per la riunificazione, e contro la politica di Ankara
31/03/2011 CIPRO-TURCHIA
Chrysostomos di Cipro : Con la Turchia non vogliamo una guerra per i “diritti umani”
di NAT da Polis
04/06/2010 VATICANO
Papa: mons. Padovese, non è assassinio politico o a sfondo religioso
30/01/2009 MEDIO ORIENTE
Cipro ed Egitto bloccano navi iraniane con armi per Hamas e Hezbollah
05/06/2010 CIPRO-VATICANO
Presidente cipriota, la visita del Papa un aiuto per la pace nella regione
di NAT da Polis

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate