29 Maggio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 05/10/2011
TURCHIA-CIPRO
Il gas di Cipro. Turchia e Israele, Grecia e Russia si mobilitano
La tensione nel Mediterraneo orientale cresce rapidamente, in conseguenza della probabile presenza di giacimenti di petrolio e gas naturale intorno all’isola la cui parte nord è occupata dalla Turchia. Cipro e Israele, che ha di recente scoperto un grande giacimento di gas al confine marittimo con le acque libanesi, hanno firmato un accordo di cooperazione. La Turchia protesta, la Russia manda una flotta per tre mesi in quelle acque.

 Nicosia (AsiaNews/Agenzie) – La Turchia continuerà a esplorare i fondali marittimi del Mediterraneo davanti alla parte di Cipro greca, ha annunciato il 3 ottobre una fonte ufficiale. La nave particolarmente attrezzata per queste prospezioni, la “Piri Reis” si è rifornita ieri nel porto di Famagosta e secondo fonti diplomatiche è ripartita per le sue esplorazioni verso sud, contrariamente a informazioni precedenti, secondo cui avrebbe dovuto tornare a Smirne ieri. La “Piri Reis” ha completato le ricerche nel cosiddetto “Blocco 12”, la zona dove i greco-ciprioti hanno iniziato a lavorare su giacimenti di gas naturale e petrolio.

La Turchia, e la Cipro turca – non riconosciuta internazionalmente – hanno firmato un accordo sulla piattaforma continentale, per delimitare i confini marittimi per esplorazioni congiunte per gas e petrolio Ma alcune delle zone indicate nell’accordo si sovrappongono ai confini delimitati dalla Repubblica di Cipro, greca, membro dell’Unione Europea. Il presidente cipriota, Dimitri Christofias, ha dichiarato il primo ottobre, in risposta alle proteste turche, che le perforazioni sui fondali alla ricerca di gas e petrolio continueranno, a dispetto dell’opposizione di Ankara. Christofias ha dichiarato che il diritto di Cipro alla ricerca di depositi all’interno della sua zona economica esclusiva non è negoziabile e ogni interferenza esterna è inaccettabile.

La corsa al gas è cominciata quando nel giugno 2010 è stato scoperto un grande giacimento di gas a 130 km dalla costa nord di Israele, chiamato “Leviathan”. Con 450 miliardi di metri cubi di gas, “questa scoperta ha il potenziale per fare di Israele un esportatore di gas naturale”, ha annunciato il presidente della Noble Energy, la compagnia di Houston responsabile della scoperta. Subito la notizia ha provocato la reazione del Libano - che sostiene che il giacimento rientra anche nei suoi confini marittimi - e ha creato il problema di come esportare il gas. Il modo più economico sarebbe un gasdotto che collegasse Israele alla Grecia, alla Bulgaria e all’Italia e ad alcuni Paesi dei Balcani; ma i costi economici sono comunque altissimi, e l’impresa sarebbe realizzabile solo se uno o più Paesi si impegnassero all’acquisto per molti anni.

E’ probabile che “Leviathan” non sia il solo giacimento nella zona, e che altri analoghi campi di scoperta si estendano nel Mediterraneo orientale, fino a Cipro, a ovest, e a nord verso la Siria, affermano i geologi. Una considerazione che ha portato a un miglioramento drammatico dei rapporti fra Cipro e Israele. Il presidente Christofias si è recato in Israele, e il suo omologo israeliano è atteso a breve sull’isola. I due Paesi hanno firmato un accordo per la delimitazione delle Exclusive Economic Zones (Eez) e la cooperazione nell’esplorazione del petrolio e del gas di Cipro, affidata alla compagnia americana Noble Energy, che lavora in contatto con il Dipartimento di Stato e l’ambasciata Usa a Nicosia. Cipro inoltre si pone come naturale mediatore fra Libano e Israele nella disputa sui confini esatti di “Leviathan”.

La scoperta di giacimenti di gas nel Mediterraneo orientale sta provocando un’escalation di tensione nella zona che non si limita ai rapporti bilaterali fra Cipro e la Turchia. I giornali locali di Cipro informano che la Turchia sta aumentando la sua attività nella regione aerea di Cipro, con esercitazioni di ricerca e salvataggio notturne. Nello stesso tempo Israele è impegnato a sorvegliare questi movimenti con droni senza pilota. La Grecia e la Russia hanno immediatamente appoggiato la posizione cipriota nella vicenda del gas. Mosca è interessata ad avere alcune licenze, sugli eventuali campi di sviluppo, ed è favorevole a un accordo di cooperazione. A novembre la portaerei russa “Ammiraglio Kuznetsov” con la flotta del nord giungerà nella zona, e vi resterà circa tre mesi, portando un numero notevole di aerei da combattimento. Anche un sottomarino farà parte del convoglio, il cui scopo ufficiale è quello di compiere esercitazioni di pattugliamento. L’arrivo dei russi dovrebbe coincidere, secondo informazioni locali, con l’annuncio dei risultati delle perforazioni compiute dalla Noble Energy.
 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
03/03/2011 CIPRO-TURCHIA
Nicosia: i turco-ciprioti in piazza per la riunificazione, e contro la politica di Ankara
31/03/2011 CIPRO-TURCHIA
Chrysostomos di Cipro : Con la Turchia non vogliamo una guerra per i “diritti umani”
di NAT da Polis
04/06/2010 VATICANO
Papa: mons. Padovese, non è assassinio politico o a sfondo religioso
30/01/2009 MEDIO ORIENTE
Cipro ed Egitto bloccano navi iraniane con armi per Hamas e Hezbollah
05/06/2010 CIPRO-VATICANO
Presidente cipriota, la visita del Papa un aiuto per la pace nella regione
di NAT da Polis

In evidenza
ASIA
La Veglia per i cristiani perseguitati, nostri maestri nella missione in occidente
di Bernardo CervelleraIl “muro dell’indifferenza e del cinismo”, il mutismo e l’inerzia tante volte denunciati da papa Francesco sono divenuti quasi una fortezza. Davanti alle persecuzioni vi è un strumentalizzazione “confessionale”, che tende a bollare l’islam e tutto l’islam, e una strumentalizzazione “ideologica”, che “dimentica” ciò che accade in Corea del nord o in Cina. E all’Europa sempre più post-cristiana sembra non interessare i cristiani.
RUSSIA - CINA
Patriarcato di Mosca: la Cina autorizza l’ordinazione di sacerdoti ortodossi cinesi sul suo territorio
di Marta AllevatoIl metropolita Hilarion, ‘ministro degli Esteri del Patriarcato’, lo ha riferito al termine della sua visita in Cina, dove ha incontrato i vertici dell’amministrazione statale per gli affari religiosi. Il primo sacerdote dovrebbe servire ad Harbin e in futuro potrebbero avvenire altre due ordinazioni. L’alleanza strategica tra Mosca e Pechino - sullo sfondo della nuova Guerra Fredda con l’Occidente - passa anche per la Chiesa ortodossa, di cui la Repubblica popolare riconosce il ruolo ‘politico’ in Russia.
VATICANO
Papa: Noi e le quattro nuove sante, testimoni della resurrezione “dove più forte è l’oblio di Dio e lo smarrimento dell’uomo”Francesco proclama sante quattro suore, una francese, una italiana, due palestinesi: Maria Alfonsina Danil Ghattas, fondatrice delle Suore del Rosario, e la carmelitana Maria di Gesù Crocifisso (al secolo: Maria Bawardy). Presente Mahmoud Abbas, presidente dell’Autorità palestinese. “Rimanere in Cristo” e coltivare “l’unità fra di noi” sono segni essenziali della testimonianza. Maria Bawardy, “strumento di incontro e di comunione con il mondo musulmano”.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate