12 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 19/05/2017, 08.41

    GIAPPONE

    Il governo approva la legge per l’abdicazione dell’imperatore Akihito



    La legge potrà essere usata solo per il presente imperatore. Con ogni probabilità sarà approvata dal parlamento entro la fine di giugno. Si prevede che la nuova era di Naruhito inizierà con il 2019. La famiglia imperiale ha pochi membri e pochi figli maschi.

    Tokyo (AsiaNews) – Il governo giapponese ha approvato oggi una legge speciale ad-personam che permetterà all’imperatore Akihito di abdicare al Trono del Crisantemo.

    Akihito, 83 anni, è il primo imperatore ad abdicare in quasi 200 anni. L’ultimo era stato l’imperatore Kokaku nel 1817.

    Il premier Shinzo Abe ha firmato oggi la legge che ora sarà inviata al parlamento (la Dieta) per un dibattito e un’approvazione finale, che tutti si aspettano per la fine di giugno. La legge è specifica per Akihito e non potrà essere usata in futuro per altre situazioni.

    Akihito, che ha subito un’operazione al cuore e una per cancro alla prostata, è salito al trono alla morte di suo padre, Hirohito, nel 1989 ed è amato e riverito dalla popolazione.

    Lo scorso agosto, in un discorso alla nazione, egli aveva confessato di sentirsi stanco e di stare riflettendo sul suo “ruolo e sui doveri dell’imperatore nei giorni a venire”. Siccome la legge giapponese non prevedeva l’abdicazione, I politici hanno dovuto imbastire una legge per renderla possibile.

    In Giappone lo status dell’imperatore ha un alto valore. Considerato un dio, dopo la Seconda guerra mondiale e la disfatta del Paese, l’imperatore è stato costretto dagli Alleati a proclamare la sua “umanità”, rimanendo il simbolo della nazione.

    Con stile amichevole, Akihito ha cercato di curare in patria e all’estero le ferite lasciate dalla guerra e ha tentato di avvicinare di più la famiglia imperiale al popolo giapponese. Rimane famosa la sua visita ad alcuni sfollati da Fukushima, dopo lo tsunami e il conseguente disastro nucleare (v. foto 3).

    Il governo prevede che Akihito potrà abdicare intorno al dicembre 2018, passando lo scettro al principe Naruhito, che nel febbraio 2019 compirà 57 anni. Con il 2019, terminata l’era del Crisantemo (“Gengo”), inizierà una nuova era.

    La legge prevede che con la fine del Trono del Crisantemo, Akihito venga chiamato “joko”, un titolo che in passato veniva dato a un imperatore che aveva abdicato. L’imperatrice Michiko sarà chiamata “jokogo”, ossia “moglie del joko”. Le cerimonie funerarie di Akihito saranno equivalenti a quelli degli altri imperatori.

    La legge però non affronta altri problemi che affliggono la casa imperiale: la carenza di figli maschi (v. foto 2) – e quindi la possibilità di aprire la linea ereditaria anche alle donne – e la possibilità di rimanere all’interno della famiglia per coloro che sposano una persona non nobile, per sopperire alla riduzione del numero dei membri. Quest’ultimo problema è riemerso in questi giorni dopo che si è diffusa la notizia del fidanzamento della principessa Mako con il giovane avvocato Kei Komuro. Sposandolo, Mako rinuncerà ad appartenere alla famiglia imperiale.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/02/2014 GIAPPONE
    Tokyo, per la prima volta nella storia sarà possibile visitare il Palazzo imperiale
    La struttura, edificata sulle rovine del Castello Edo, copre un'area di 1,15 milioni di metri quadri e non è mai stata aperta al pubblico. La decisione è stata presa per festeggiare l'80 compleanno di Akihito, ma secondo alcuni analisti mira a rilanciare la figura imperiale in vista della successione.

    14/07/2016 08:46:00 GIAPPONE
    Tokyo, l’imperatore vuole abdicare ma “non ha problemi di salute”

    Il Trono del crisantemo rappresenta la dinastia monastica più longeva al mondo. L’attuale sovrano, 82 anni, avrebbe espresso l’intenzione di lasciare. Gli esperti sottolineano la necessità di cambiare la legge della Casa imperiale, che non prevede questa eventualità. Akihito è il primo sovrano nipponico a non avere “prerogative divine”, cui rinunciò il padre Hirohito dopo la resa del Giappone nel 1945.



    08/08/2016 11:22:00 GIAPPONE
    Tokyo, l’imperatore pronto ad abdicare: Sempre più difficile svolgere i miei doveri

    Akihito parla alla televisione di Stato, non pronuncia mai il termine “dimissioni” ma spiega: “Sono anziano e i miei compiti sono pesanti, temo di non poterli più adempiere al meglio”. La popolazione lo sostiene, ma i giuristi ritengono “pericolosa” la possibilità di lasciare il trono del Crisantemo.



    24/01/2017 11:50:00 GIAPPONE
    Verso una legge speciale per autorizzare l’Imperatore ad abdicare

    L’ultima abdicazione nella storia del Paese è avvenuta più di 200 anni fa. Il desiderio dell’imperatore e il vuoto legislativo in materia. Le indicazioni della Commissione istituita per deliberare. Più del 90% dei giapponesi asseconda il desiderio dell’imperatore. Forse una nuova era imperiale nel 2018-2019 per il trono del crisantemo.



    15/11/2013 GIAPPONE
    Rivoluzione a Tokyo: gli imperatori saranno cremati e sepolti in mausolei "eco-friendly"
    Akihito e Michiko rompono una tradizione che dura da più di 350 anni: la loro tomba sarà di dimensioni minori rispetto a quelle degli antenati e il loro funerale dovrà avere "il minor impatto sociale possibile". Il Sol Levante si interroga sul futuro della casa imperiale.



    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®