22 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 18/05/2017, 10.28

    GIAPPONE

    La principessa Mako rinuncia al titolo per amore di Komuro



    Gli sposi hanno entrambi 25 anni. Lei è la prima dei quattro nipoti dell’imperatore Akihito a maritarsi. Lui è un giovane avvocato conosciuto all’International Christian University di Tokyo. Il primo ministro giapponese dovrà presiedere un comitato per stabilire una liquidazione per l’ex principessa. Sull'evento c'è la viva attenzione dell'opinione pubblica giapponese

    Tokyo (AsiaNews/Agenzie) - La casa imperiale giapponese ha lasciato trapelare pur non confermando ufficialmente che la principessa Mako si sposerà con  Kei Komuro il prossimo anno. La figlia maggiore del principe Fumihito, Mako, 25 anni, è la prima dei quattro nipoti dell'imperatore Akihito a sposarsi. Il suo fidanzato, Kei Komuro, suo coetaneo, è un ex compagno di classe presso l'International Christian University di Tokyo. Amante del mare e dello sci, suona il violino e sa cucinare, secondo la televisione pubblica Nhk tv.

    Oggi Komuro, che ha perso il padre da bambino, vive con sua madre e il nonno a Yokohama, prefettura di Kanagawa, vicino a Tokyo. Lavora presso uno studio legale, mentre si sta specializzando in diritto commerciale presso la scuola di diplomazia internazionale Hitotsubashi. Ai giornalisti che lo hanno incontrato presso il suo ufficio ieri, Komuro non ha potuto che confermare la notizia. Ha detto di aver parlato quella mattina al telefono con la principessa Mako: "Le ho detto, 'Ittekimasu' (“Io vado a lavorare”) e lei ha risposto, 'Itterasshai' (“Abbi cura di te”)". Quando gli è stato chiesto di dire cosa lo attrae di Mako, ha risposto sorridendo: "Parlerò dei miei sentimenti in un momento più opportuno". L’amore fra i due sarebbe sbocciato in un ristorante nel quartiere Shibuya di Tokyo circa cinque anni fa.

    Fumihito e sua moglie, la principessa Kiko, hanno approvato la scelta di Mako e Komuro. Ma l’evento è previsto non prima di un anno, poiché prima di convolare a nozze dovranno essere rispettati tutti i passaggi del cerimoniale. A cui si aggiungono alcuni particolari problemi che vanno affrontati, considerato che la sposa è membro della famiglia imperiale mentre il suo fidanzato no. Il primo rito cerimoniale in preparazione è il "Nosai no Gi", l’equivalente di una tradizionale cerimonia di fidanzamento per sancire la promessa del vincolo. Successivamente, durante il "Kokki no Gi", un messaggero di Komuro visiterà la residenza del principe Akishino nel quartiere Akasaka di Tokyo, per annunciare ufficialmente la data del matrimonio che non è ancora stata stabilita.

    Una volta appresa la data del matrimonio, il Consiglio economico della casa imperiale giapponese si riunirà per stabilire quanto il governo dovrà liquidare alla principessa Mako. La ragazza non sarà più considerata parte della famiglia imperiale e dovrà rinunciare al titolo di principessa.Sulla base della legge giapponese, l'importo sarà deciso in una riunione di otto membri, che include il primo ministro giapponese. Quando Sayako Kuroda, l'unica figlia dell'imperatore Akihito e dell'imperatrice Michiko, si sposò con un generale nel 2005, ricevette circa 150 milioni di yen (1,3 milioni di dollari).

    In vista delle nozze, la principessa Mako dovrà visitare uffcialmente i tre santuari presenti nelle proprietà del palazzo imperiale, dopodiché dovrà obbedire al rito "Choken no Gi", durante il quale pronuncerà ufficialmente il suo addio all'imperatore Akihito e all'imperatrice Michiko esprimendo loro tutto il suo apprezzamento. Infine, nel giorno del matrimonio un messaggero dello sposo andrà a prelevare la principessa al palazzo imperiale in un rito chiamato "Judai no Gi”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/07/2016 08:46:00 GIAPPONE
    Tokyo, l’imperatore vuole abdicare ma “non ha problemi di salute”

    Il Trono del crisantemo rappresenta la dinastia monastica più longeva al mondo. L’attuale sovrano, 82 anni, avrebbe espresso l’intenzione di lasciare. Gli esperti sottolineano la necessità di cambiare la legge della Casa imperiale, che non prevede questa eventualità. Akihito è il primo sovrano nipponico a non avere “prerogative divine”, cui rinunciò il padre Hirohito dopo la resa del Giappone nel 1945.



    17/11/2009 GIAPPONE
    I 20 anni dell’imperatore Akihito sul trono del Giappone
    Il trono del Crisantemo è la dinastia più antica ancora esistente. C’è ancora molto affetto per il simbolo della nazione, ma i giovani conoscono sempre meno la storia.

    19/05/2017 08:41:00 GIAPPONE
    Il governo approva la legge per l’abdicazione dell’imperatore Akihito

    La legge potrà essere usata solo per il presente imperatore. Con ogni probabilità sarà approvata dal parlamento entro la fine di giugno. Si prevede che la nuova era di Naruhito inizierà con il 2019. La famiglia imperiale ha pochi membri e pochi figli maschi.



    08/08/2016 11:22:00 GIAPPONE
    Tokyo, l’imperatore pronto ad abdicare: Sempre più difficile svolgere i miei doveri

    Akihito parla alla televisione di Stato, non pronuncia mai il termine “dimissioni” ma spiega: “Sono anziano e i miei compiti sono pesanti, temo di non poterli più adempiere al meglio”. La popolazione lo sostiene, ma i giuristi ritengono “pericolosa” la possibilità di lasciare il trono del Crisantemo.



    15/11/2013 GIAPPONE
    Rivoluzione a Tokyo: gli imperatori saranno cremati e sepolti in mausolei "eco-friendly"
    Akihito e Michiko rompono una tradizione che dura da più di 350 anni: la loro tomba sarà di dimensioni minori rispetto a quelle degli antenati e il loro funerale dovrà avere "il minor impatto sociale possibile". Il Sol Levante si interroga sul futuro della casa imperiale.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”. Il Simposio di AsiaNews sulla Chiesa in Cina.  Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. “A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.


    VATICANO-CINA
    24 maggio 2017: ‘Cina, la Croce è rossa’, il Simposio di AsiaNews

    Bernardo Cervellera

    Il raduno in occasione della Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. Un titolo con molti significati: la Croce è rossa per il sangue dei martiri; per il tentativo di soffocare la fede nei controlli statali; per il contributo di speranza che il cristianesimo dà a una popolazione stanca di materialismo e consumismo e alla ricerca di nuovi criteri morali. A tema anche la grande e inaspettata rinascita religiosa nel Paese. Fra gli invitati: il card. Pietro Parolin, mons. Savio Hon, il sociologo delle religioni Richard Madsen, testimonianze di sacerdoti e laici cinesi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®