21 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 18/05/2017, 10.28

    GIAPPONE

    La principessa Mako rinuncia al titolo per amore di Komuro



    Gli sposi hanno entrambi 25 anni. Lei è la prima dei quattro nipoti dell’imperatore Akihito a maritarsi. Lui è un giovane avvocato conosciuto all’International Christian University di Tokyo. Il primo ministro giapponese dovrà presiedere un comitato per stabilire una liquidazione per l’ex principessa. Sull'evento c'è la viva attenzione dell'opinione pubblica giapponese

    Tokyo (AsiaNews/Agenzie) - La casa imperiale giapponese ha lasciato trapelare pur non confermando ufficialmente che la principessa Mako si sposerà con  Kei Komuro il prossimo anno. La figlia maggiore del principe Fumihito, Mako, 25 anni, è la prima dei quattro nipoti dell'imperatore Akihito a sposarsi. Il suo fidanzato, Kei Komuro, suo coetaneo, è un ex compagno di classe presso l'International Christian University di Tokyo. Amante del mare e dello sci, suona il violino e sa cucinare, secondo la televisione pubblica Nhk tv.

    Oggi Komuro, che ha perso il padre da bambino, vive con sua madre e il nonno a Yokohama, prefettura di Kanagawa, vicino a Tokyo. Lavora presso uno studio legale, mentre si sta specializzando in diritto commerciale presso la scuola di diplomazia internazionale Hitotsubashi. Ai giornalisti che lo hanno incontrato presso il suo ufficio ieri, Komuro non ha potuto che confermare la notizia. Ha detto di aver parlato quella mattina al telefono con la principessa Mako: "Le ho detto, 'Ittekimasu' (“Io vado a lavorare”) e lei ha risposto, 'Itterasshai' (“Abbi cura di te”)". Quando gli è stato chiesto di dire cosa lo attrae di Mako, ha risposto sorridendo: "Parlerò dei miei sentimenti in un momento più opportuno". L’amore fra i due sarebbe sbocciato in un ristorante nel quartiere Shibuya di Tokyo circa cinque anni fa.

    Fumihito e sua moglie, la principessa Kiko, hanno approvato la scelta di Mako e Komuro. Ma l’evento è previsto non prima di un anno, poiché prima di convolare a nozze dovranno essere rispettati tutti i passaggi del cerimoniale. A cui si aggiungono alcuni particolari problemi che vanno affrontati, considerato che la sposa è membro della famiglia imperiale mentre il suo fidanzato no. Il primo rito cerimoniale in preparazione è il "Nosai no Gi", l’equivalente di una tradizionale cerimonia di fidanzamento per sancire la promessa del vincolo. Successivamente, durante il "Kokki no Gi", un messaggero di Komuro visiterà la residenza del principe Akishino nel quartiere Akasaka di Tokyo, per annunciare ufficialmente la data del matrimonio che non è ancora stata stabilita.

    Una volta appresa la data del matrimonio, il Consiglio economico della casa imperiale giapponese si riunirà per stabilire quanto il governo dovrà liquidare alla principessa Mako. La ragazza non sarà più considerata parte della famiglia imperiale e dovrà rinunciare al titolo di principessa.Sulla base della legge giapponese, l'importo sarà deciso in una riunione di otto membri, che include il primo ministro giapponese. Quando Sayako Kuroda, l'unica figlia dell'imperatore Akihito e dell'imperatrice Michiko, si sposò con un generale nel 2005, ricevette circa 150 milioni di yen (1,3 milioni di dollari).

    In vista delle nozze, la principessa Mako dovrà visitare uffcialmente i tre santuari presenti nelle proprietà del palazzo imperiale, dopodiché dovrà obbedire al rito "Choken no Gi", durante il quale pronuncerà ufficialmente il suo addio all'imperatore Akihito e all'imperatrice Michiko esprimendo loro tutto il suo apprezzamento. Infine, nel giorno del matrimonio un messaggero dello sposo andrà a prelevare la principessa al palazzo imperiale in un rito chiamato "Judai no Gi”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/06/2017 10:22:00 GIAPPONE
    Via libera del parlamento: l’imperatore Akihito può abdicare, ma solo entro tre anni

    Si tratterebbe della prima volta negli ultimi 200 anni. Ma circa la metà del 124 sovrani  nipponici ha rinunciato al trono nella storia della monarchia più antica del mondo durante 27 secoli. La legge si applica solo ad Akihito e indica espressamente che dovrà lasciare il posto al primogenito Naruhito, 58 anni. L'imperatore aveva manifestato l'intenzione di lasciare in un discorso tv nell'agosto 2016



    14/07/2016 08:46:00 GIAPPONE
    Tokyo, l’imperatore vuole abdicare ma “non ha problemi di salute”

    Il Trono del crisantemo rappresenta la dinastia monastica più longeva al mondo. L’attuale sovrano, 82 anni, avrebbe espresso l’intenzione di lasciare. Gli esperti sottolineano la necessità di cambiare la legge della Casa imperiale, che non prevede questa eventualità. Akihito è il primo sovrano nipponico a non avere “prerogative divine”, cui rinunciò il padre Hirohito dopo la resa del Giappone nel 1945.



    17/11/2009 GIAPPONE
    I 20 anni dell’imperatore Akihito sul trono del Giappone
    Il trono del Crisantemo è la dinastia più antica ancora esistente. C’è ancora molto affetto per il simbolo della nazione, ma i giovani conoscono sempre meno la storia.

    19/05/2017 08:41:00 GIAPPONE
    Il governo approva la legge per l’abdicazione dell’imperatore Akihito

    La legge potrà essere usata solo per il presente imperatore. Con ogni probabilità sarà approvata dal parlamento entro la fine di giugno. Si prevede che la nuova era di Naruhito inizierà con il 2019. La famiglia imperiale ha pochi membri e pochi figli maschi.



    08/08/2016 11:22:00 GIAPPONE
    Tokyo, l’imperatore pronto ad abdicare: Sempre più difficile svolgere i miei doveri

    Akihito parla alla televisione di Stato, non pronuncia mai il termine “dimissioni” ma spiega: “Sono anziano e i miei compiti sono pesanti, temo di non poterli più adempiere al meglio”. La popolazione lo sostiene, ma i giuristi ritengono “pericolosa” la possibilità di lasciare il trono del Crisantemo.





    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®