03/06/2009, 00.00
SRI LANKA
Invia ad un amico

Il presidente Rajapaksa si proclama Padre della patria

di Melani Manel Perera
Lo Sri Lanka oggi celebra l’esercito e la vittoria sulle Tigri tamil con una parata di tutte le forze militari a Colombo. Il presidente annuncia “un grande e luminoso futuro” per il Paese. Rivolgendosi alla popolazione tamil garantisce protezione e una vita “senza paura e sospetti”.
Colombo (AsiaNews) -  “Sono il custode, il leader e il padre più felice di una nazione vittoriosa”. Così il presidente Mahinda Rajapaksa si è rivolto oggi alla popolazione accorsa alla parata militare per celebrare l’esercito e la vittoria sulle Tigri tamil.
 
Nel suo discorso il leader del governo di Colombo ha usato anche alcune parole in lingua tamil assicurando che lo Sri Lanka “è la madre patria di tutti” e che la minoranza deve essere protetta e “messa in condizione di vivere senza paura e sospetti”.
 
Rajapaksa ha annunciato “un grande e luminoso futuro” per il Paese e invitato tutta la popolazione e non dimenticare il sacrificio dei 24 mila militari uccisi nel conflitto ed i 5 mila feriti che hanno permesso la vittoria sulle Tigri tamil. Il presidente ha ricordato anche le personalità del governo rimaste uccise in questi anni e la figura di Rajiv Gandhi, premier indiano vittima di un attentato del Ltte.
 
Dopo due minuti di silenzio, in omaggio ai soldati e ai civili morti, lungo la Galle Face Green, il lungomare della capitale, hanno iniziato a sfilare esercito, aviazione, marina e polizia.  Nella parata erano inclusi anche gli armamenti ed i mezzi appartenuti alle Tigri tamil esposti come trofei di guerra.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
I profughi fuggono le Tigri Tamil, ma finiscono reclusi nei centri del governo
11/12/2008
Rajapaksa parla di sviluppo e pace. Sulla guerra: “Dimenticare il passato”
04/09/2009
Prove di grandeur per lo Sri Lanka: l’esercito sfila a Colombo, ma non mancano le critiche
02/06/2009
Critiche e tristezza nella festa dello Sri Lanka
20/05/2009
Lancio di pietre (e possibile espulsione) per la Croce rossa a Colombo
06/02/2009