20 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/11/2016, 11.35

    VIETNAM

    In difesa di Mẹ Nấm, blogger cattolica incarcerata per aver difeso l’ambiente

    Thanh Thuy

    L’attivista è stata arrestata il 10 ottobre scorso per “propaganda contro lo Stato”. Aveva scritto numerosi articoli contro il Formosa Group e l’emergenza inquinamento delle province centrali. Una lettera firmata da cattolici e non: “Mẹ Nấm è innocente e centinaia di migliaia di persone combattono con lei”.

    Hanoi (AsiaNews) - Nguyễn Ngọc Như Quỳnh “è innocente e il suo lavoro è sempre stato legale. Lei ha sempre mostrato responsabilità per i suoi figli, la sua famiglia, le giovani generazioni e tutto il Paese”. E' quanto migliaia di cattolici, intellettuali e membri della società civile scrivono in un messaggio indirizzato alle autorità,  in difesa Mẹ Nấm, nome d’arte della blogger arrestata il 10 ottobre scorso.

    L’attivista cattolica è stata incarcerata nella provincia di Khánh Hòa (sud del Paese) secondo l’articolo 88 del codice penale, che punisce la “propaganda contro la Repubblica socialista del Vietnam”. Le prove sarebbero i suoi articoli contro il disastro ambientale che ha colpito le province centrali del Paese da aprile scorso: “Il pesce ha bisogno dell’acqua pulita, il governo sia trasparente”, “Condannate il Formosa Group”, “No al gruppo Formosa”, “No all’espansionismo cinese”.

    Il Formosa Group è l’azienda dell’acciaio taiwanese responsabile dell’inquinamento che ha ucciso 70 tonnellate di pesci e colpito più di 200mila persone delle province di Nghệ An, Hà Tĩnh, Huế e Quảng Bình. Mẹ Nấm è stata una delle blogger più tenaci nel denunciare le condizioni di povertà dei pescatori e le ingiustizie del governo nel reprimere le manifestazioni a favore dell’ambiente.

    Mẹ Nấm, 37 anni, è madre di due figli che dal giorno dell’arresto vivono con la nonna. La signora, Tuyết Lan, afferma: “Spero che mia figlia sia presto fuori di prigione e torni dai suoi bambini. Posso solo affidarmi a Dio e credere in Lui”. Alla sua famiglia non è permesso andare in visita alla prigione e le autorità non hanno fornito un avvocato all’attivista.

    Mẹ Nấm era già stata arrestata e tenuta in reclusione per nove giorni nel 2009, per aver denunciato i danni causati dalle miniere di bauxite nel nord del Vietnam. Negli anni seguenti l’attivista ha collaborato con il Vietnam Blogger Network (Vbn) in numerosi progetti a difesa dei diritti e dell’ambiente. Il Vbn ha pubblicato un messaggio dopo la sua cattura, in cui definisce Mẹ Nấm “una donna coraggiosa. Non è coraggiosa solo per le sfide della sua fede e della sua famiglia, ma anche per le intimidazioni e l’oppressione che subisce delle autorità locali”.

    Il messaggio della società civile si conclude con l’affermazione che Mẹ Nấm non è l’unica a combattere per la protezione dell’ambiente: “Ci sono centinaia di migliaia di persone che protestano contro questi progetti economici che inquinano l’ambiente”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/02/2018 15:22:00 VIETNAM
    Condanna a 14 anni di carcere per il blogger Hoang Duc Binh

    È una delle sentenze più dure emesse dalle autorità vietnamite nei confronti di un attivista. Egli ha organizzato proteste per il disastro ecologico causato dalla compagnia taiwanese Formosa Plastics Group. Sono oltre 100 i prigionieri politici e di coscienza al momento detenuti nel Paese.



    05/02/2018 12:28:00 VIETNAM
    Governo contro il dissenso: condannati altri quattro attivisti

    Vũ Quang Thuận, Nguyễn Văn Điển, Trần Hoàng Phúc e Hồ Văn Hải sono dichiarati colpevoli di “propaganda contro lo Stato”. Sono oltre 100 i prigionieri politici e di coscienza al momento detenuti per aver esercitato i loro diritti fondamentali. Anche la comunità cattolica ha pagato il prezzo del proprio impegno.



    28/12/2017 11:41:00 VIETNAM
    Confermata la condanna dell’attivista cattolica Maria Trần Thị Nga

    Arrestata il 25 gennaio 2017, è ritenuta colpevole di “propaganda contro lo Stato”. La sentenza e lo svolgimento del dibattito hanno suscitato dure critiche. Inascoltate dal governo le preghiere dei cattolici vietnamiti e l’appello di Human Rights Watch per il suo rilascio.



    04/07/2017 12:29:00 VIETNAM
    “Ottimista” sul futuro, malgrado tutto, il presidente dei vescovi vietnamiti

    “Comunisti e cattolici si capiscono molto meglio”. “Il regime comunista è sempre un regime dittatoriale le autorità del quale hanno la tendenza a opprimere gli oppositori”, compresi sacerdoti e blogger cattolici. Le stesse autorità che, per altro verso, “rubano” i terreni dei monasteri e vogliono escludere i cattolici da settori come la scuola o la sanità”.



    21/09/2017 12:36:00 VIETNAM
    Hoàng Mai, nuova condanna per l’attivista cattolico Nguyen Van Oai

    Proteste non violente davanti al tribunale. È la seconda volta che viene incarcerato per le sue attività pro-democrazia. L’attivista è uno dei 14 giovani cristiani arrestati dal regime nel 2011. Il sostegno dei fedeli della diocesi di Vinh.  Cattolico locale: “Cittadini sempre più coraggiosi, acquistano consapevolezza  e proteggono ‘i giusti’”.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®