20 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/06/2017, 08.59

    RUSSIA

    In onore di san Nicola, la grande processione di Velikoretskoe

    Vladimir Rozanskij

    È il pellegrinaggio russo più lungo: 150 km. L’icona originaria è sparita ai tempi di Stalin, che distrusse anche la cattedrale. Quest’anno il pellegrinaggio è in contemporanea con la presenza della reliquia di san Nicola proveniente da Bari. Le aspersioni e i bagni in memoria del battesimo più frequentati della liturgia.

    Mosca (AsiaNews) - Si è conclusa giovedì 8 giugno una delle più grandi processioni della Russia, in effetti un vero e proprio pellegrinaggio, la "processione pan-russa di Velikoretskoe", un villaggio del nord del Paese. Quest'anno la processione è stata solennizzata dalla partecipazione speciale del Patriarca della Chiesa ortodossa russa Kirill (Gundjaev).

    Per tradizione il pellegrinaggio si svolge dal 3 all'8 giugno, e le celebrazioni principali si tengono il 5 e 6 giugno presso il fiume Velikaja (il "fiume Grande") e nelle chiese del monastero di San Trifone nel paese di Velikoretskoe, che significa appunto "paese del grande fiume". La festa si svolge in onore di un'antica icona di San Nicola custodita dal monastero, e il cammino copre un percorso di 150 chilometri dalla città di Vjatka al santuario, da percorrere in mezzo ai campi (ancora non del tutto scongelati dopo il lungo inverno). Il rito centrale prevede una generale aspersione, e per molti pellegrini una completa immersione, nelle acque sante del grande fiume, dove per tradizione sarebbe stata ritrovata l'icona. Quest'anno vi hanno partecipato oltre 35mila persone.

    Si tratta del pellegrinaggio collettivo dal percorso più lungo tra quelli tradizionali di Russia. L'icona celebrata fu ritrovata nel 1383, quando un contadino di nome Agalakov la trovò presso la riva del fiume, evento che diede il nome al villaggio. In seguito fu trasportata nella città di Vjatka, rinominata Kirov nel periodo sovietico, dal nome del famoso rivoluzionario fatto uccidere da Stalin nel 1934. Kirov era l'unico possibile avversario del dittatore georgiano, e il suo assassinio segnò l'inizio del periodo del "grande terrore" staliniano.

    Nel 1935, infatti, la cattedrale di Kirov fu distrutta, e l'icona scomparve. Il pellegrinaggio fu proibito negli stessi anni (anche se alcuni gruppi di fedeli si recavano clandestinamente in quei luoghi a pregare), per essere ripreso solo nel 1989 come uno dei segni della "rinascita religiosa" della Russia, in un luogo così carico di ricordi della persecuzione e della tragedia della storia sovietica. Da allora la devozione viene rinnovata ogni anno, portando in processione una copia dell'antica icona fatta sparire da Stalin. Durante il Giubileo del 2000, l'allora Patriarca Aleksij II aveva conferito al pellegrinaggio lo status di "pan-russo", che significa non solo nazionale, ma per tutti i russi in patria e all'estero; in effetti, a Velikoretskoe giungono ogni anno molti fedeli dai Paesi baltici, dalla Polonia e da altre nazioni.

    Nella spiritualità degli ortodossi russi, già molto legati alle icone e al loro potere taumaturgico, associare tale devozione al gesto dell'immersione e aspersione assume un significato particolarmente evocativo. Ricordando il Battesimo originario della Rus' di Kiev nelle acque del fiume Dnepr nel 988, ogni qualvolta la liturgia della Chiesa propone il contatto con l'acqua benedetta, si raduna sempre un gran numero di fedeli. Particolarmente suggestivi sono i riti della festa del Battesimo di Gesù (l'Epifania) del 6/19 gennaio, quando da tutte le parrocchie ortodosse si raggiunge un luogo di raccolta d'acqua, preferibilmente un fiume, per compiere l'aspersione. Essendo i fiumi a gennaio quasi sempre ghiacciati, viene realizzata nel ghiaccio una grande apertura a forma di croce, dove si immergono i fedeli a cominciare dal sacerdote, almeno quelli che lo possono fare per costituzione fisica. Se la frequenza ai sacramenti e alle liturgie principali in Russia è molto ridotta, alle aspersioni la percentuale raggiunge numeri molto più significativi.

    Quest'anno in particolare, il pellegrinaggio di Velikoretskoe ha assunto un valore molto più eclatante, svolgendosi nei giorni in cui in Russia è presente la preziosa reliquia di San Nicola portata da Bari, che raduna milioni di pellegrini a Mosca (a luglio sarà a San Pietroburgo). La Chiesa Ortodossa, ma anche il governo russo e lo stesso presidente Putin, attribuiscono a questi gesti sacri un significato sempre più decisivo, dopo che negli ultimi mesi sembra iniziata una crisi d'identità e di fiducia nella popolazione. Alle manifestazioni di protesta delle settimane scorse, e quelle programmate da qui alle nuove elezioni presidenziali del 2018, vengono contrapposte le grandi adunanze della devozione, in cui la Russia è chiamata a testimoniare la superiorità morale del proprio popolo e della propria storia nei confronti del resto del mondo, senza temere l'isolamento, anzi chiamando ad unirsi per la vittoria dei valori morali perenni.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/07/2016 14:18:00 RUSSIA - ORTODOSSI
    La Chiesa ortodossa russa rifiuta ufficialmente il Concilio di Creta come pan-ortodosso

    Il Sinodo si è espresso contro lo status pan-ortodosso, ma riconosce come “evento importante” quanto avvenuto a Creta. Anche il Patriarcato di Antiochia prende le distanze e mette in chiaro di non ritenere vincolanti i documenti approvato al Concilio.



    25/09/2017 11:47:00 RUSSIA
    Hilarion: La Russia e i cristiani europei per la salvezza del continente

    Il “ministro degli esteri” del Patriarcato di Mosca punta il dito sulla crisi religiosa del vecchio continente. Con migrazioni e secolarismo, l’Europa si avvia al completo suicidio della propria stessa identità. Le responsabilità degli intellettuali. “L’attuale indebolimento del cristianesimo nel mondo occidentale richiama la situazione dell’impero russo prima del 1917”. In Russia solo il 13% si dichiara ateo e non credente. Unire gli sforzi delle Chiese.



    12/02/2016 10:27:00 RUSSIA-VATICANO
    Francesco e Kirill, le “alleanze contro” e il desiderio di unità (II)

    L’incontro nell’aeroporto dell’Avana e quasi come un “toccata e fuga” dovuto ai timori di reazioni negative degli ortodossi conservatori. Anche se i motivi politici sembrano prevalere (“alleanza contro” terrorismo, laicismo, relativismo morale, islam, liberalismo, protestanti,…), l’evento è un passo nel cammino verso la piena unità fra cattolici e ortodossi. La seconda parte di un articolo da parte di una personalità del Patriarcato di Mosca.



    19/06/2017 08:35:00 RUSSIA-VATICANO
    Studiosi vaticani e ortodossi russi dialogano sulla storia e sulla Ostpolitik

    Il Convegno inizia domani e continua fino al 21 giugno. Il lavoro comune si era bloccato nel 2002 per le accuse di “proselitismo” alla Chiesa cattolica russa. Clima cambiato dopo l’incontro fra Francesco e Kirill all’Avana nel 2016. I russi preferiscono parlare di missione comune verso il mondo piuttosto che di unità della Chiesa indivisa nei primi 10 secoli.



    23/11/2016 08:00:00 RUSSIA - VATICANO
    Il Patriarca Kirill rinnova l’impegno di lavorare insieme al Vaticano per la pace in Siria

    L’incontro con il card. Koch al monastero Danilovsky a Mosca. Ricostruire le chiese e riportare alla normalità la vita religiosa della Siria. Unire le due coalizioni anti terrorismo che combattono in Medio oriente. Il papa ha donato alcune reliquie di san Francesco di Assisi. Un ricevimento alla presenza di Putin chiude i festeggiamenti per il compleanno del Patriarca ortodosso.





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®