16 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 23/06/2009, 00.00

    INDIA

    India: i ribelli maoisti chiedono una tregua all’avanzata dei militari nel West Bengala



    Il governo di New Delhi ha inscritto il Partito comunista-maoista dell’India tra i gruppi terroristici. Nel distretto di Midnapore è in corso un’operazione delle forze governative per riconquistare i villaggi sotto il controllo dei ribelli. Il movimento maoista è presente in 13 dei 28 Stati dell’India. Dal 2005 ad oggi, almeno 3mila persone sono morte negli attentati messi a segno dai guerriglieri.
    Calcutta (AsiaNews) - I gruppi maoisti propongono una tregua e l’apertura di negoziati con il governo centrale indiano e quello dello Stato del West Bengala. A ventiquattro ore dalla decisione di New Delhi di inscrivere Partito comunista-maoista dell’India tra i gruppi terroristici e al quinto giorno delle operazioni militari attorno alla città di Lalgarh, nel distretto di Midnapore (West Bengala), i leader maoisti domandano il cessate il fuoco a condizione che le forze governative fermino la loro avanzata.
     
    Potrebbe trattarsi dell’epilogo della cosiddetta “Flush out operation” lanciata da militari e polizia contro i maoisti. Nelle ultime settimane i ribelli avevano assaltato il posto di polizia di Lalgarh, e dato luogo ad un escalation di violenze contro agenti delle forze di sicurezza locali e membri del Partito comunista-marxista indiano (Cpi-M) al governo nel West Bengala.
     
    Come prima risposta alle operazioni militari i maoisti avevano indetto ieri due giorni di scioperi e manifestazioni negli Stati di Bihar, Jharkhand, West Bengala, Orissa e Chattisgarh. Il governo, dopo aver lanciato l’allerta per il rischio di “azioni dimostrative e violenze” contro infrastrutture e luoghi pubblici nei cinque Stati, ha messo al bando il partito maoista dichiarandolo associazione terroristica e sottoponendolo al Prevention of Terrorism Act.
     
    I membri del Cpi-M del West Bengala hanno criticato la scelta di New Delhi considerata dannosa per una soluzione politica del conflitto che dagli anni ‘90 anni caratterizza la vita dello Stato e ha causato attentati a catena. Fonti non ufficiali affermano che dal 2005 ad oggi almeno 3mila persone sono morte negli attacchi messi a segno dai maoisti in tutto il Paese.
     
    Il movimento ribelle è presente in 13 dei 28 Stati dell’India ed è considerato la più grave minaccia alla sicurezza interna del Paese. Il movimento nassalita, dal nome della città di Naxalbari (West Bengala) dove ha preso le mosse nel 1967, unisce l’ideologia maoista alle rivendicazioni delle popolazioni tribali degli Stati in cui è presente. In diverse zone di Jharkhand, Chhattisgarh, Andhra Pradesh, Orissa, Bihar, West Bengala e Maharashtra impone tasse che alcuni stimano fruttino sino a 15 miliardi di rupie, pari a oltre 200 milioni di euro, e ha dato vita anche ad un amministrazione parallela a quella del governo locale.
     
    Lenin Raghuvanshi, direttore del Comitato di vigilanza popolare per i diritti umani (Pvchr), interpellato da AsiaNews afferma: “La situazione è al collasso per la mancanza di legge e il governo dello Stato del West Bengala dovrebbe assicurare il ristabilimento dell’ordine attraverso azioni non violente, nel rispetto della democrazia e dei diritti umani, garantendo la partecipazione della popolazione alla vita politica”. Per il direttore del Pvchr “i maoisti hanno presa sulla popolazione per la diffusione di un sistema corrotto che colpisce i poveri e li discrimina. Puntando il dito contro le inefficienze dei governi locali fanno leva sul sentimento popolare e sono riusciti ad introdurre la violenza nella vita politica sino a creare un ‘corridoio rosso’ sotto il loro controllo che parte dal Tamil Nadu e arriva al Nepal”.
     
    (ha collaborato Nirmala Carvalho)
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/11/2009 INDIA
    La rete insanguinata dei maoisti indiani
    Continui attentati dei ribelli nassaliti negli Stati indiani del cosiddetto “corridoio rosso”. Lo sfruttamento delle rivendicazioni di tribali e contadini, la scontro con il Communist Party Marxist che governa il West Bengala, i legami con i ribelli nepalesi. I maoisti indiani proseguono nel braccio di ferro con New Delhi e non mollano la presa sui13 dei 28 Stati in cui sono presenti.

    07/01/2010 INDIA
    Bimaru: gli Stati più poveri dell’India si risvegliano
    Bihar, Madhya Pradesh, Rajasthan e Uttar Pradesh, una volta definiti “gli ammalati” hanno accresciuto il loro sviluppo fino all’11%. Anche l’Orissa presenta un ottimo sviluppo (8,74%). Ma crescono pure corruzione, terrorismo e maoismo perché la ricchezza di questi Stati non viene distribuita con equità, lasciando fasce molto povere nella popolazione.

    29/05/2010 INDIA
    West Bengal: sale a 110 il numero delle vittime. Si indaga su gruppi maoisti
    Le autorità temono che il bilancio finale possa superare i 150 morti. Circa 200 i feriti, alcuni in modo grave. La polizia accusa un gruppo locale affiliato ai ribelli, ma il portavoce nega ogni coinvolgimento nell’incidente. Nazionalisti indù contro il governo: troppo morbido con i maoisti.

    28/05/2010 INDIA
    Deraglia un treno nel West Bengal: almeno 65 morti. Sospetti sui maoisti
    Almeno 200 i feriti, alcuni ancora intrappolati fra le lamiere. La Chiesa del Bengala condanna la violenza e chiede che maoisti e governo si mettano a dialogare. I maoisti si proclamano difensori dei contadini e delle minoranze etniche. Ma secondo mons. D’Souza, sono proprio i più poveri ad essere vittime della violenza. La resistenza maoista – presente in 20 dei 28 Stati indiani – ha lanciato da oggi una “settimana nera” per contrastare la campagna antiterrorismo del governo.

    30/07/2007 INDIA
    Nell’Andhra Pradesh e nel Bengala occidentale si continua a morire per la terra
    Nell’Ap la polizia spara contro gruppi di sinistra che chiedono di dare la terra ai poveri e uccide 8 persone. Nel Bengala occidentale proseguono gli scontri di piazza tra attivisti di sinistra sostenitori del governo e contadini che difendono la terra dagli espropri. Chiesti provvedimenti contro entrambi i governi.



    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®