04/05/2020, 12.38
INDIA
Invia ad un amico

India: il lockdown costringe i contadini a bruciare i raccolti

di Biju Veticad

Sebbene l'agricoltura sia stata dichiarata un servizio essenziale e i mercati agricoli siano esentati dal blocco, la catena di approvvigionamento è stata gravemente colpita, i servizi ferroviari sono sospesi e i camion devono affrontare ostacoli per muoversi attraverso i confini statali a causa di severi controlli.

New Delhi (AsiaNews) – Agricoltori che bruciano i loro raccolti perché non hanno modo di venderli a causa del lockdown. In India, Covid 19 ha colpito di certo più duramente gli agricoltori degli Stati meridionali come Karnataka e Tamilnadu che soffrono in modo devastante a causa di raccolti invenduti. L’investimento di un anno nella coltivazione ha avuto zero entrate per migliaia di famiglie che dipendono esclusivamente dall'agricoltura.

Gangadhar Murthy, 63 anni, contadino di Mukunduru Hoshallin a Hassan in Karnataka, ha bruciato il suo raccolto del valore di oltre 200mila rupie. Non è stato in grado di raccogliere la canna da zucchero durante il lockdown  per il Covid-19, imposto dal governo in tutto il Paese. Così il lavoro di oltre un anno della famiglia e un investimento di 80mila rupie sono stati bruciati con tutti i sogni di questa povera famiglia. Murthy aveva un accordo con una fabbrica di zucchero, ma a causa del lockdown  tutte le fabbriche del settore sono state chiuse in Karnataka. “Non sono riuscito a dare al raccolto un approvvigionamento regolare di acqua. Quando ho perso tutte le possibilità per proteggerlo, ho dato fuoco alla piantagione cresciuta su un acro e mezzo”.

Ci sono casi simili negli Stati di Tamilnadu, Karnataka e Andhra Pradesh e Telegana. Nel Tamilnadu il 70% della popolazione dipende dall'agricoltura, il 65% in Karanataka. Aprile-maggio è la stagione della raccolta di diversi ortaggi e frutta, ma a causa del lockdown, le colture sono rimaste nei campi e non è possibile portarle in altri Stati, né nei paesi del Golfo. ( Nella foto: venditori di ortaggi senza clienti a causa del blocco). Sebbene l'agricoltura sia stata dichiarata un servizio essenziale e i mercati agricoli siano esentati dal lockdown , l’economia bloccata ha lanciato agli agricoltori grandi sfide. La catena di approvvigionamento è stata gravemente colpita, i servizi ferroviari sono sospesi e i camion devono affrontare ostacoli per muoversi attraverso i confini statali a causa di severi controlli. Anche tra gli Stati le strade sono state bloccate, sebbene a causa di forti proteste, il trasporto di merci primarie era stato agevolato per assicurare la fornitura di riso, generi alimentari e verdure.

La crisi economica del settore agricolo non si limita all'India meridionale, ma a tutto il Paese. La frutta e la verdura estiva sono maturate, un raccolto eccezionale di grano è pronto per il raccolto, ma è bloccato da gravi carenze di manodopera, difficoltà nei trasporti e scarsità della domanda a causa del lockdown  nazionale per il virus, che è ora esteso fino al 17 maggio. La battuta d'arresto causata dalla pandemia di Covid19 causerà direttamente un danno all'economia rurale, che sostiene quasi metà della sua popolazione in ulteriori difficoltà.

A Haryana, una lussureggiante fattoria del nord, Kamal Yadav stava cominciando a raccogliere un abbondante raccolto di cetrioli e peperoni su un terreno di due ettari quando fu annunciato il lockdown . “All'improvviso non ci sono stati acquirenti. I grandi rivenditori, i ristoranti e gli hotel sono tutti chiusi e la domanda delle famiglie è diminuita drasticamente perché molti temono che le verdure maneggiate da troppe persone ". Yadav distribuisce ogni giorno a un'organizzazione benefica locale che nutre i poveri, ma gran parte del suo raccolto sta marcendo. "Non riesco a cogliere tutto perché non posso spendere per qualcosa che non mi porterà alcun profitto", dice, mentre annulla un raccolto che si aspettava avrebbe reso circa 20mila dollari. Ora si sta ingegnando per organizzare manodopera che scarseggia per raccogliere il grano che coltiva su otto ettari.

La diffusione di Covid 19 si sta rapidamente spostando verso le aree rurali dell'India. Fino ad ora è stata una grave minaccia per le città metropolitane come Mumbai, Delhi, Chennai ecc., ora la situazione si è aggravata nei distretti rurali di Telegana, Karnataka e Andhara Pradesh. In Andhra Pradesh, la maggior parte dei nuovi casi è stata segnalata nei distretti di Kurnool, Guntur e Krishna.

Domenica 3 maggio l'India ha superato 42 mila casi positivi di Covid. Sebbene il Ministero della salute e del benessere delle famiglie assicuri che non vi è diffusione nella comunità indiana, i Chief Ministers di diversi Stati stanno adottando misure precauzionali per contenere la diffusione.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Bangkok: il rito della semina contro la crisi economica
12/05/2009
Coronavirus: un milione gli indiani all'estero vogliono tornare a casa
11/05/2020 10:38
In Giappone esplode la moda delle ‘verdure in fabbrica’
29/06/2018 07:00
Maggiore democrazia nella campagne cinesi, per scongiurare le proteste sociali
24/02/2006
L’India verso la fine della quarantena. A Kolkata chiese aperte per ‘adorare e pregare’
01/06/2020 11:28