06 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 04/01/2016, 00.00

    BANGLADESH – INDIA

    India: terremoto di 6,7 gradi al confine con Bangladesh e Myanmar. Otto vittime

    Sumon Corraya

    Il sisma è stato registrato a 29 chilometri dalla città indiana di Imphal, nello Stato di Manipur, ad un profondità di 17 chilometri. La scossa è stata avvertita anche dai birmani. Il bilancio parla di cinque vittime in India e tre in Bangladesh; oltre 30 feriti. Le persone sono scese per le strade in Bangladesh per paura di crolli.

    Dhaka (AsiaNews) – Una forte scossa di terremoto di magnitudo 6,7 è stata registrata nelle prime ore di questa mattina nello Stato indiano di Manipur, al confine con Bangladesh e Myanmar. Il bilancio è ancora provvisorio e riporta la morte di cinque persone in India e tre in Bangladesh. Nessuna vittima invece in Myanmar, dove il sisma ha colpito un’area a scarsa densità abitativa.

    Secondo l’Usgs (Istituto sismologico statunitense), l’epicentro del sisma si trova a circa 29 chilometri dalla città di Imphal, capitale dello stato indiano, e ha avuto origine ad una profondità di 17 chilometri. La scossa è stata avvertita fino a Dhaka (a oltre 350 chilometri di distanza), dove le persone sono scese in strada per paura di crolli, e a Calcutta (a circa 600 chilometri).

    Il terremoto è avvenuto alle 4.35 (ora locale). I danni maggiori sono quelli provocati dal collasso degli edifici. Secondo le ultime stime, oltre alle otto vittime accertate ci sarebbero anche una trentina di feriti, rimasti colpiti dal crollo delle abitazioni e dei negozi. Tra gli edifici distrutti, anche un edificio di sei stanze appena costruito a Imphal.

    Testimoni oculari riportano il panico nelle città, dove le persone si sono riversate nelle strade e si stanno radunando in luoghi aperti. Inoltre il sistema elettrico sta subendo interruzioni e ritardi e le autorità stanno facendo evacuare gli edifici a rischio.

    Caritas Bangladesh e altre associazioni cattoliche stanno iniziando a organizzare forme di sostegno alla popolazione colpita dal terremoto. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/10/2005 PAKISTAN - INDIA
    Kashmir: l'inverno senza pietà e la globalizzazione


    26/04/2015 NEPAL
    Nuova scossa in Nepal: oltre 2mila morti accertati, decine di migliaia i feriti
    India, Cina, Gran Bretagna, Stati Uniti e Francia hanno già inviato sul posto unità di assistenza. Il bilancio è in continuo divenire; le aree remote sono quasi inaccessibili e tagliate fuori dalle comunicazioni. Acqua e cibo scarseggiano. Sull’Everest almeno 25 scalatori hanno perso la vita.

    27/10/2015 AFGHANISTAN – PAKISTAN
    Terremoto in Asia del Sud: 275 le vittime accertate, più di 2mila feriti
    Il sisma di magnitudo 7,5 ha colpito il confine fra Afghanistan e Pakistan. Gli effetti reali nelle zone montuose dell’Hindu-Kush sono ancora sconosciuti: per i soccorritori è molto difficile arrivarci. Confermata la morte delle 12 studentesse di Taluqan: “Schiacciate sotto i piedi dei compagni che cercavano di fuggire”.

    25/08/2016 08:39:00 MYANMAR
    Terremoto in Myanmar: almeno tre morti, danneggiato il sito di Bagan

    Il sisma di magnitudo 6,8 ha colpito ieri pomeriggio a 25 chilometri da Chauk. Scosse avvertite anche in Thailandia , India e Bangladesh. Danneggiate 171 pagode dell’antica capitale.

     



    04/08/2014 CINA
    Yunnan, il governo invia l'esercito per aiutare i soccorsi dopo il terremoto
    Il sisma ha colpito la zona di Zhaotong: oltre 381 morti e più di 1.800 feriti. Il premier Li Keqiang si sta recando nell'area, ma le piogge e i continui smottamenti del terreno rendono quasi impossibili gli spostamenti. Residenti accusano il governo locale, che ha permesso la costruzione di edifici di scarsissima qualità.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®