24 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 03/04/2012, 00.00

    FILIPPINE

    Indigeni manobo preparano la Pasqua ricordando il sacrificio di p. Tentorio



    P. Vettoretto (Pime) sottolinea il messaggio di speranza lasciato dal missionario ucciso nell'ottobre 2011. I tribali animeranno le celebrazioni della Settimana Santa con preghiere e canti in lingua tradizionale. Ancora ferme le indagini sulla morte del sacerdote.

    Kidapawan (AsiaNews) - "La testimonianza e il martirio di p. Fausto Tentorio ci aiutano a vivere questa Pasqua consci del sacrificio di Gesù morto e risorto per la nostra salvezza". È quanto afferma ad AsiaNews p. Giovanni Vettoretto, missionario del Pontificio istituto missioni estere nell'Arakan Valley (Cotabato del nord, Mindanao) e confratello di p. Tentorio, il sacerdote ucciso a colpi di pistola il 17 ottobre 2011.  

    "Tutta la popolazione dell'Arakan ha già vissuto in ottobre la sua Settimana Santa", racconta p. Vettoretto, che sottolinea come il dolore per la morte di p. Fausto e i frutti della sua missione sono un segno tangibile della presenza di Cristo fra questa gente. Il sacerdote afferma che le celebrazioni per la Pasqua saranno molto semplici. I giovani stanno preparando i canti tradizionali trascritti in lingua Manobo. Essi verranno eseguiti durante la via Crucis e nella messa di Pasqua, che per tradizione si celebra alle 4 del mattino. Nel corso della messa verrà battezzata una giovane donna tribale.

    Secondo il sacerdote la morte di p. Fausto ha segnato nel profondo i fedeli tribali dell'Arakan Valley. "Ogni mese la popolazione partecipa con devozione alla messa in memoria del missionario. I fedeli, alcuni provenienti da molto lontano, pregano per le loro famiglie, per i missionari e per la Chiesa".

    P. Vettoretto aggiunge che "il messaggio trasmesso dal sacerdote martire nei suoi 30 anni di apostolato ha infuso nei loro cuori un seme di speranza che li aiuta  ad affrontare le difficoltà economiche e a non soccombere di fronte ai casi di violenza e soprusi molto frequenti in queste regioni martoriate dalla guerra contro i maoisti, gli estremisti islamici e i trafficanti di droga".

    Fonti di AsiaNews sottolineano che dopo l'arresto di Jimmy Ato, presunto assassino del missionario, le indagini sono ferme. A tutt'oggi l'uomo si è dichiarato innocente, sottolineando di avere avuto solo un ruolo marginale nella morte del missionario. Le altre quattro persone coinvolte nell'uccisione sono ancora a piede libero.

    P. Fausto Tentorio è il terzo missionario del Pime ad essere ucciso nelle Filippine e nell'isola di Mindanao. Nel 1985 p. Tullio Favali è stato ucciso a Tulunan, nella diocesi di Kidapawan, da un gruppo di guardie private armate; nel 1992, p. Salvatore Carzedda, impegnato nel dialogo con i musulmani, è stato ucciso a Zamboanga. Nel 2007, p. Giancarlo Bossi era stato rapito da un gruppo di fuoriusciti del Moro Islamic Liberation Front, ma è stato rilasciato dopo oltre due mesi di cattività. Nel 1998 è stato rapito anche p. Luciano Benedetti. I suoi rapitori, un gruppo musulmano, lo hanno liberato dopo circa 2 mesi. (S.C.)

     

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/01/2012 FILIPPINE
    Un politico e il capo della polizia dell’Arakan fra i possibili mandanti dell’omicidio Tentorio
    Fonti di AsiaNews commentano la confessione del presunto assassino del sacerdote apparsa nei giorni scorsi sull’agenzia di stampa MindaNews. William Buenaflor, ex candidato sindaco dell’Arakan aveva grandi interessi nella zona e considerava il missionario un ostacolo alla sua elezione. A tre mesi dalla morte de sacerdote le indagini sono ferme e mancano prove concrete per arrestare gli accusati.

    28/11/2011 FILIPPINE
    Mindanao, ancora sconosciuto il mandante dell’omicidio di p. Tentorio
    P. Giovanni Re, superiore regionale del Pime, smentisce le voci di un imminente arresto dei mandanti dell’omicidio del missionario ucciso nell’Arakan Valley lo scorso 17 ottobre. Nella zona diverse famiglie costrette ad evacuare per il clima di tensione e la paura di nuovi omicidi.

    10/11/2011 FILIPPINE
    Il popolo di Mindanao chiede giustizia per p. Tentorio
    Responsabile regionale del Pime sottolinea che le indagini vanno a rilento per la mancanza di testimoni. Continuano le iniziative e le veglie di preghiera in memoria del sacerdote ucciso il 17 ottobre scorso. Il prossimo 26 novembre a Kidapawan e Manila le messe celebrate secondo la tradizione locale a 40 giorni dalla morte. Si attendono migliaia di persone.

    28/10/2011 FILIPPINE
    L’amore per gli ultimi di p. Tentorio strumentalizzato da militari e maoisti
    L’esercito filippino sostiene che il sacerdote, ucciso lo scorso 17 ottobre, era sospettato di avere legami con i ribelli del New People’s Army. In un articolo i maoisti lo elogiano come un “vero comunista”. Fonti di AsiaNews: “P. Fausto era innanzitutto un sacerdote. La sua vita era stare con i poveri incurante di strumentalizzazioni politiche”.

    25/10/2011 FILIPPINE
    Mindanao, in 15mila a Kidapawan per l’ultimo saluto a p. Fausto Tentorio
    La cerimonia funebre si è tenuta questa mattina nella cattedrale di Notre Dame a Kidapawan. Presenti più di 100 sacerdoti, 6 vescovi e delegazioni da tutta la regione. P. Mariani, Pime: “I funerali sono stati un trionfo e un segno di speranza per tutto il popolo di Mindanao”. In un messaggio il Papa ricorda la testimonianza del sacerdote e prega per la costruzione di una società giusta e pacifica.



    In evidenza

    GIAPPONE-VATICANO
    Mons. Kikuchi: In sintonia col papa e il card. Filoni per la missione in Giappone

    Tarcisio Isao Kikuchi

    Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Japan commenta a caldo il messaggio papale inviato ieri ai vescovi del Giappone. Le tappe del viaggio del card. Filoni, che toccherà anche Fukushima. Rimane ancora “irrisolta” la questione del rapporto con il Cammino neocatecumenale.


    VATICANO-GIAPPONE
    Papa ai vescovi giapponesi: Siate sale e luce della società, anche andando contro-corrente



    In occasione della visita pastorale del card. Fernando Filoni, Prefetto di Propaganda Fide, nel Paese del Sol levante, papa Francesco spinge i vescovi e la Chiesa giapponese a rinnovare il loro impegno missionario nella società, segnata da suicidi, divorzi, formalismo religioso, povertà materiale e spirituale. La richiesta di collaborare coi movimenti ecclesiali, forse in memoria delle polemiche passate con il Cammino neocatecumenale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®