17 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 11/11/2005, 00.00

    israele - terra santa

    Israele "obietta" ufficialmente all'intronizzazione di Teofilo III



    Il governo israeliano si oppone alla cerimonia, intesa come un invalidamento della rimozione del patriarca Ireneo I. Replica del patriarcato: "Interferenza diretta ed inappropriata, mina l'autonomia della Chiesa e la libertà religiosa".

    Tel Aviv (AsiaNews) – Il governo israeliano ha messo in guardia ieri il patriarca greco-ortodosso di Gerusalemme Teofilo III dal celebrare la cerimonia di intonazione prevista per il 22 novembre. Lo riporta il quotidiano israeliano Haaretz.

    Tzachi Hanegbi, ministro israeliano con delega agli affari di Gerusalemme dell'ufficio del primo ministro, ha comunicato l'avvertimento in una lettera consegnata ieri mattina ad Ahmed Mughrabi, l'avvocato che rappresenta il patriarcato. Nella lettera vi è scritto che "lo Stato obietta alla celebrazione di questa cerimonia, intesa come un invalidamento della rimozione del patriarca Ireneo I, mossa non riconosciuta da Israele come prevede la legge".

    La risposta alla lettera è stata fornita sempre ieri dal patriarcato: "Con tutto il dovuto rispetto il patriarca, il sinodo ed il patriarcato ritengono la vostra lettera sorprendente ed inaccettabile, poiché costituisce un'interferenza diretta ed inappropriata nelle loro autonomie come gruppo religioso e nella libertà religiosa dei membri della congregazione greco-ortodossa".

    Teofilo III è stato eletto dal Sinodo della chiesa greco-ortodossa 2 mesi fa al posto di Ireneos I. Fonti del patriarcato affermano che i leader della chiesa vogliono intronare il nuovo patriarca con una cerimonia ufficiale alla Chiesa del Santo Sepolcro, nella parte vecchia di Gerusalemme, e dopo la cerimonia offrire un ricevimento per i capi delle varie confessioni religiose ed i diplomatici al Notre Dame Hotel.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    31/05/2005 TERRA SANTA
    Gerusalemme, nominato il curatore del Patriarcato greco-ortodosso
    Si tratta dell'arcivescovo Cornelios, metropolita di Petra. Aristarchos, segretario del Sinodo greco-ortodosso di Gerusalemme, spiega ad AsiaNews le procedure per la nomina del nuovo patriarca.

    14/07/2005 TERRA SANTA - PALESTINA - ISRAELE
    L'Autorità palestinese riconosce la rimozione di Ireneos I


    14/08/2017 12:57:00 TERRA SANTA
    Teofilo III contro la giustizia israeliana: proprietà greco-ortodosse trafugate in modo ‘illegale’

    Nel 2004 il precedente patriarca aveva venduto proprietà della Chiesa nella Città Vecchia a un’organizzazione di coloni ebraici. Il Patriarcato si era opposto alla vendita autorizzata, avviando una battaglia legale. Il 1 agosto, la corte israeliana ha confermato l’accordo di vendita. Teofilo III annuncia ricorso alla Corte suprema condannando la decisione “politica”. Essa avrà “il più negativo degli effetti sulla presenza cristiana in Terra Santa”.



    20/09/2005 TERRA SANTA
    La Giordania riconosce Teofilo III Patriarca greco-ortodosso di Gerusalemme

    A Gerusalemme è giunto il decreto reale con il quale si approva la nomina dell'arcivescovo di Tabor. L'Autorità Palestinese "approva" in modo non ufficiale;Israele tace.



    22/08/2005 TERRA SANTA
    Gerusalemme, il Sinodo greco-ortodosso nomina Teofilo nuovo patriarca

    Eletto all'unanimità il nuovo patriarca greco-ortodosso "aiuterà il patriarcato ad affrontare e superare la crisi creata da Ireneos I". Ancora sconosciuta la reazione di Giordania ed Israele.





    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®