22/09/2015, 00.00
ISRAELE
Invia ad un amico

Israele risarcirà i danni per il rogo alla chiesa di Tabgha. Sviluppi positivi anche per le scuole cattoliche

Ad AsiaNews il vicario patriarcale di Gerusalemme parla di “cambio di rotta strano” ma positivo. I molti fronti di scontro aperti con la Chiesa avrebbero spinto Israele a conciliare. Spiragli di accordo per gli istituti cattolici, pronti a iniziare l’anno scolastico. A breve prevista la firma di un’intesa resa possibile dalla “solidarietà ricevuta da ebrei, musulmani, gruppi laici”.

Gerusalemme (AsiaNews) - “Il cambio di rotta mi pare strano, ma il contenuto del provvedimento è ottimo e siamo felicissimi per questo. Del resto era la prima decisone ad essere errata, non certo questa” che restituisce tutela e diritti alla comunità cristiana. È quanto afferma ad AsiaNews mons. Giacinto-Boulos Marcuzzo, vicario patriarcale di Gerusalemme, commentando la scelta delle autorità israeliane di risarcire i cattolici per il rogo del giugno scorso alla chiesa della moltiplicazione dei pani e dei pesci, a Tabgha, sul Mare di Galilea. La scorsa settimana i vertici degli uffici amministrativi dell’autorità fiscale israeliana avevano stabilito che l’attacco non rientrava nei casi di “violenze a sfondo confessionale” e per questo non sarebbero stati rimborsati i danni (circa 1,8 milioni di dollari) causati alla struttura.

Ieri, improvviso, il dietro front con la decisione del Procuratore generale di procedere con il risarcimento. In una lettera ufficiale alle autorità fiscali il vice-procuratore generale Avi Licht ha confermato che “la chiesa va ricompensata per i danni subiti in seguito al rogo, come prevede la legge” che punisce i gesti criminali basati sull’appartenenza etnica e nazionale”. Dietro l’assalto, aggiunge, vi era una chiara motivazione ideologica “che trae le proprie origini dal conflitto arabo-israeliano”. 

Il vicario patriarcale di Gerusalemme non nasconde la propria soddisfazione per il cambio radicale, dettato forse “dall’iniziativa della Santa Sede e della Chiesa locale, dai fedeli e da associazioni attive sul territorio, che si erano prese l’impegno di ricostruire il luogo di culto e riparare il danno”. Una posizione che, aggiunge mons. Marcuzzo, potrebbe “aver messo in ombra Israele” che ha già altri fronti aperti di scontro con i cattolici, come il muro di Cremisan e la controversia sulle scuole, e che sono fonte di imbarazzo per il governo e le autorità. 

Ad opera di estremisti ebrei o coloni, nel recente passato sono stati colpiti diversi obbiettivi, fra cui la chiesa vicino al Cenacolo, la basilica di Nazareth, altri luoghi di culto cattolici e greco-ortodossi. Nel mirino vi sono anche moschee e luoghi di culto musulmani - secondo la logica del cosiddetto “price tag”. Il “prezzo da pagare” è un motto utilizzato dagli estremisti israeliani, che minacciano cristiani e musulmani per aver “sottratto loro la terra”. Un tempo il fenomeno era diffuso solo nelle aree al confine con la Cisgiordania e a Gerusalemme, ma oggi si è esteso in gran parte del territorio.

Mons. Marcuzzo non nasconde le difficoltà e i problemi che minacciano il futuro della comunità cristiana in Terra Santa. “Qualcosa sta succedendo… gli atti di vandalismo, la controversia sulle scuole, il muro - prosegue il prelato - tutti episodi che si sono susseguiti e che sono indice di un nuovo atteggiamento. Non vogliamo drammatizzare, però è giusto guardare ai fatti e stare attenti e vigili”. 

A questo proposito egli rilancia la lotta dei cattolici per la scuola e l’istruzione, un fronte aperto che ha portato oltre 30mila studenti e le loro famiglie in piazza contro il taglio dei fondi e in difesa della libertà di educazione. Vi sono state manifestazioni e proteste, ma sempre di natura pacifica e democratica, racconta il prelato, e “tutti noi ci siamo meravigliati per la solidarietà ricevuta da ebrei, musulmani, gruppi laici. Domenica scorsa il sindacato dei maestri [israeliani] ha scioperato per due in solidarietà alle scuole cattoliche”. La Chiesa ha ricevuto visibilità e attenzioni crescenti, portando alla luce una comunità “che si fa sentire in modo pacifico per far valere i propri diritti e che ha a cuore la convivenza fra popoli e culture”.

A questo proposito il prelato conclude anticipando un possibile sviluppo positivo della controversia, che potrebbe “sbloccare la situazione e permettere l’inizio dell’anno scolastico anche negli istituti cattolici”. È ancora presto per illustrare i dettagli, ma nella serata di ieri “si è arrivati a una specie di intesa - riferisce mons. Marcuzzo - per l’apertura. Si tratta di una carta di intenti, che dovrebbe essere firmata il prossimo 24 settembre dai rappresentanti cattolici e dal ministero dell’Istruzione. Questo accordo pone le condizioni per mettere fine allo sciopero e dar corso alle lezioni. A questo si dovrebbe aggiungere la formazione di un Comitato con rappresentanti cattolici, ministeriali, ex giudici in pensione e altri esperti di diritto, che lavoreranno per risolvere i punti in sospeso fra Chiesa e autorità israeliane. Siamo fiduciosi…”.(DS)

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Terra Santa, riapre la chiesa di Tagbha dopo l'incendio doloso. Rilanciare dialogo e convivenza
13/02/2017 15:22
L'incendio alla chiesa di Tabgha “non è terrorismo”: Israele nega il risarcimento
15/09/2015
Leader cattolici denunciano rabbino estremista che spinge a bruciare chiese e moschee
10/08/2015
P. Pierbattista Pizzaballa amministratore apostolico del Patriarcato latino di Gerusalemme
24/06/2016 12:48
Gerusalemme, Settimana dell’unità: i cristiani ‘satelliti intorno l’unico sole che è Cristo’
22/01/2018 12:41