29 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/01/2017, 08.52

    TURCHIA

    Istanbul, caccia all’autore della strage di Capodanno: 39 morti e 69 feriti



    Un uomo armato di Kalashnikov ha aperto il fuoco al night club Reina, sul Bosforo. Egli è poi riuscito a fuggire facendo perdere le proprie tracce. Al momento non vi sono rivendicazioni ufficiali, ma i sospetti si concentrano sullo Stato islamico. Il cordoglio e la preghiera di papa Francesco. Un 2016 di sangue in Turchia. 

     

    Istanbul (AsiaNews/Agenzie) - Prosegue la caccia all’uomo armato di Kalashnikov che ha aperto il fuoco in un night club di Istanbul a Capodanno, uccidendo 39 persone e ferendone altre 69. L’assalitore, la cui identità resta ancora sconosciuta, ha sparato contro la folla presente alla discoteca Reina, un noto locale sul Bosforo, nella parte europea della città, per festeggiare il nuovo anno.

    Al momento dell’assalto, all’interno del locale vi erano almeno 600 persone. Compiuta la strage, l’uomo è riuscito ad allontanarsi approfittando della confusione generale. 

    Mentre continuano le ricerche dell’assalitore, si sono svolti i primi funerali delle vittime morte sotto i colpi di kalashnikov. Oltre la metà delle persone cadute nell’attacco, durato almeno sette minuti, sono di nazionalità straniera. Fra queste vi sono israeliani, russi, francesi, tunisini, libanesi, indiani, belgi, giordani e sauditi. Fra i primi a morire anche uno degli uomini addetti alla sicurezza, che si trovava sulla porta di ingresso del locale. 

    Intanto proseguono le indagini per far luce sulla vicenda. Ad oggi non vi sono spiegazioni, né rivendicazioni ufficiali dietro l’attacco, sebbene i sospetti si concentrino attorno allo Stato islamico (SI). Il gruppo sarebbe responsabile di almeno altri due attentati avvenuti lo scorso anno in Turchia e la pista jihadista appare, ad oggi, quella più plausibile secondo gli inquirenti.

    In un primo momento si era diffusa la notizia che l’attentatore fosse vestito da Babbo Natale; notizia poi smentita dal premier turco Binail Yldrim. Nello stesso quartiere, Besiktas, lo scorso 10 dicembre è avvenuto l’attacco allo stadio dell’omonima squadra di calcio, in cui sono morte 38 persone, altre 166 sono rimaste ferite. 

    Commentando l’attentato al night club di capodanno il presidente turco Recep Tayyp Erdogan ha puntato il dito contro i gruppi estremisti che cercano “di creare disordine”. “Stanno cercando di… demoralizzare il nostro popolo - ha aggiunto il leader di Ankara - e di destabilizzare il nostro Paese”. 

    Se non vi sono rivendicazioni ufficiali, sono giunte in queste ore note ufficiali dei movimenti curdi [in particolare il Partito dei lavoratori del Kurdistan (Pkk), accusato in passato di violenze] che si dissociano dalle uccisioni. Il leader Pkk Murat Karayilan ha dichiarato che il movimento curdo “non prende mai di mira civili innocenti” nelle proprie battaglie. 

    Fra i messaggi di cordoglio internazionale vi è quello di papa Francesco, che ieri all’Angelus ha espresso vicinanza e preghiera al popolo turco vittima dell’attacco. ““Purtroppo, la violenza ha colpito anche in questa notte di auguri e di speranza. Addolorato - ha aggiunto il pontefice - esprimo la mia vicinanza al popolo turco, prego per le numerose vittime e per i feriti e per tutta la nazione in lutto, e chiedo al Signore di sostenere tutti gli uomini di buona volontà che si rimboccano coraggiosamente le maniche per affrontare la piaga del terrorismo e questa macchia di sangue che avvolge il mondo con un’ombra di paura e di smarrimento”.

    Lo scorso anno la Turchia ha registrato una serie di attacchi sanguinosi, iniziata il 17 febbraio con l’assalto a un convoglio militare ad Ankara. Il 13 marzo 37 persone sono morte in un attacco suicida perpetrato da miliziani curdi nella capitale. E ancora, il 28 giugno una attacco bomba - forse per mano dello Stato islamico - all’aeroporto internazionale Ataturk di Istanbul ha ucciso 41 persone. Il 20 agosto un attacco bomba ad una festa di matrimonio a Gaziantep, almeno 30 vittime. Infine, l’attacco dei miliziani curdi a un convoglio della polizia all’esterno dello stadio del Besiktas, a Istanbul, il 10 dicembre scorso, che ha causato 44 morti. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/01/2017 08:55:00 TURCHIA
    Magistratura turca: 243 mandati d’arresto contro membri dell’esercito

    I militari sono di stanza in 54 province del Paese. Il provvedimento si inserisce nel solco delle decine di migliaia di arresti operati in seguito al tentato golpe di luglio. Gli indagati avrebbero usato un sistema di messaggistica criptato utilizzato anche dal predicatore islamico Gülen. Ha confessato l’autore uzbeko della strage di Capodanno a Istanbul. 

     



    17/01/2017 08:53:00 TURCHIA
    Istanbul: Arrestato Masharipov, jihadista uzbeko autore della strage di Capodanno

    La polizia ha fermato il principale indiziato dell’attacco al night-club, in cui sono morte 39 persone. Egli si trovava nel quartiere periferico di Esenyurt, ospitato da altri miliziani dello Stato islamico. Sollievo e soddisfazione fra le autorità turche. Il vice-premier conferma: “La nostra guerra al terrore continua”. 

     



    01/01/2017 12:18:00 VATICANO
    Papa: Vicino con la preghiera al popolo turco per il grave attentato a Istanbul

    All’Angelus papa Francesco prega per i 39 morti e i 69 feriti dell’attentato terrorista al nightclub Reina di Istanbul. Gli uomini di buona volontà uniti contro il terrorismo. Dire “no” “all’odio e alla violenza e ‘sì’ alla fraternità e alla riconciliazione”. “L’anno sarà buono nella misura in cui ognuno di noi, con l’aiuto di Dio, cercherà di fare il bene giorno per giorno”. Una preghiera alla Madre di Dio per il nuovo anno.



    29/06/2016 12:13:00 VATICANO
    Papa: Pietro e Paolo, due luci dell’oriente e dell’occidente. Appello per l’attentato a Istanbul

    All’Angelus, Papa Francesco ricorda i due apostoli che hanno portato la fede a Roma. Ancora oggi essi “vogliono portare ancora una volta Gesù, il suo amore misericordioso, la sua consolazione, la sua pace”.  Il saluto alla delegazione ecumenica da Costantinopoli e ai gruppi di fedeli cinesi. Il dolore e la preghiera verso il popolo turco per l’attacco all’aeroporto di Istanbul.



    13/01/2016 VATICANO
    Papa: è Dio stesso a definire se stesso “misericordioso”
    All’udienza generale Francesco ha cominciato un ciclo di catechesi sulla misericordia secondo la prospettiva biblica. Il termine misericordioso “evoca un atteggiamento di tenerezza come quello di una madre nei confronti del figlio”. Invito a pregare per le vittime dell’attentato di Istanbul, per le vittime e perché si convertano i cuori dei violenti.



    In evidenza

    EGITTO – VATICANO
    Papa in Egitto: l’Egitto chiamato a condannare violenza e povertà in Medio Oriente



    Nel discorso alle autorità Francesco sottolinea ruolo e responsabilità del Cairo nel futuro della regione. “Di fronte a uno scenario mondiale delicato e complesso, che fa pensare a quella che ho chiamato una ‘guerra mondiale a pezzi’, occorre affermare che non si può costruire la civiltà senza ripudiare ogni ideologia del male, della violenza e ogni interpretazione estremista che pretende di annullare l’altro e di annientare le diversità manipolando e oltraggiando il Sacro Nome di Dio”.


    ISLAM-VATICANO-EGITTO
    Un musulmano scrive al papa : Caro papa Francesco,..

    Kamel Abderrahmani

    L’ammirazione per la carità mostrata dal pontefice verso i rifugiati musulmani siriani, per il suo spingere all’amore e nel denunciare l’odio. “I nostri ulema non sono così” e non denunciano l’odio di Daesh e non fanno nulla per i cristiani. La richiesta perché nel viaggio in Egitto, spinga il presidente al Sisi e Al Azhar alla riforma dell’islam. Senza di questo Al Azhar rischia di essere l’accademia del fondamentalismo mondiale. Dal nostro amico e collaboratore Kamel Abderrahmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®