26 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 18/01/2013, 00.00

    INDONESIA

    Jakarta, cattolici in aiuto alle vittime dell’alluvione

    Mathias Hariyadi

    Il governatore Jokowi ha dichiarato lo Stato di emergenza e lanciato un appello alla raccolta fondi per gli alluvionati. Il bilancio è di 11 vittime e migliaia di sfollati. Riso, acqua e generi di prima necessità vengono convogliati all’arcidiocesi della capitale, che opera da centro di raccolta e smistamento. L’adesione “entusiasta” dei fedeli all’appello lanciato dai sacerdoti.

    Jakarta (AsiaNews) - I cattolici indonesiani hanno risposto all'appello delle autorità civili di Jakarta, avviando una raccolta di beni e generi di prima necessità per gli sfollati a causa delle pesanti alluvioni che hanno colpito la capitale (cfr. AsiaNews 17/01/13 Pesanti alluvioni e traffico intenso paralizzano Jakarta). Ieri il governatore Joko "Jokowi" Widodo ha dichiarato lo "Stato di emergenza", lanciando una richiesta ufficiale di aiuti; un quarto della capitale è allagato e, secondo fonti locali, il muro di acqua in alcuni punti ha raggiunto anche i quattro metri di altezza. Il bilancio accertato è di 11 morti, mentre sono decine di migliaia le persone rimaste senza tetto. Fra le zone più colpite l'area di Kampung Melayu, a East Jakarta, attraversata dal fiume Ciliwung, la cui esondazione è fra le cause principali degli allagamenti.

    All'appello lanciato dalle autorità hanno risposto moltissimi gruppi di volontariato, organizzazioni attiviste e semplici cittadini, fra cui i cattolici. Nell'area di Kampung Melayu, la parrocchia di Sant'Antonio a Bidara Cina ha aperto le porte a fedeli e non, ospitando moltissimi sfollati e offrendo loro un riparo. All'iniziativa della Chiesa si sono uniti diversi gruppi di fedeli, i quali hanno provveduto a raccogliere cibo, bevande, acqua pulita e oggetti per la pulizia personale.

    In Indonesia, nazione musulmana più popolosa al mondo, i cattolici sono una piccola minoranza composta da circa 7 milioni di persone, pari al 3% circa della popolazione totale. Nella sola arcidiocesi di Jakarta, i fedeli raggiungono il 3,6% della popolazione. La Costituzione sancisce la libertà religiosa, tuttavia la comunità è vittima di episodi di violenze e abusi, soprattutto nelle aree in cui è più radicata la visione estremista dell'islam, come ad Aceh. Tuttavia, come in questo frangente, essi sono una parte attiva nella società e contribuiscono allo sviluppo della nazione o all'opera di aiuti durante le emergenze.

    Fra i molti esempi di solidarietà, vi è l'iniziativa lanciata da Theresa Rita, cattolica della parrocchia di San Giuseppe a Matraman, che ha risposto "con entusiasmo" al richiamo dei sacerdoti della capitale. Utilizzando smarthphone e social network, la donna ha inviato a una mailing list un appello alla raccolta dei cosiddetti "nasi bungkus", piccole sacche contenenti riso e acqua. La generosità della gente ha permesso di racimolare migliaia di questi piccoli pacchi, provenienti persino da altre diocesi dell'arcipelago.

    Da Bogor, infatti, è partita una raccolta fondi promossa da Suparman Surjadi e dalla moglie Linda Nurtjahja, medico di professione, e da Ingrid Barata, tutti fedeli della parrocchia di San Francesco Saverio. "Abbiamo subito ricevuto milioni di donazioni" afferma Surjadi ad AsiaNews "inviati da moltissimi cattolici che hanno voluto sostenere la nostra missione". I beni raccolti vengono destinati al comitato per le attività sociali dell'arcidiocesi di Jakarta, che funge da centro di smistamento. All'opera di aiuti contribuisce in modo attivo anche la Conferenza dei vescovi indonesiani (Kwi), fornendo quanto necessario per alleviare le sofferenze della capitale paralizzata dalle inondazioni. 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/01/2013 INDONESIA
    Jakarta, emergenza alluvioni: 20 morti, migliaia di sfollati e miliardi di danni
    Quasi il 10% della capitale colpito dalle inondazioni. Il presidente assicura 200 milioni di dollari nell’opera di prevenzione, ma interi settori del commercio sono in ginocchio. La comunità cristiana si mobilita per assistere i senzatetto, chiese aperte agli sfollati. Cattolica di Jakarta: “è la fede” che spinge ad aiutare gli altri.

    17/01/2013 INDONESIA
    Pesanti alluvioni e traffico intenso paralizzano Jakarta
    Dal 15 gennaio scorso interi settori della capitale sono in ginocchio. Ai problemi cronici della circolazione si sommano gli effetti delle abbondanti piogge cadute negli ultimi giorni. Fino a sei ore per percorrere pochi chilometri. Scuole chiuse, cancellati incontri ufficiali. Almeno 10mila gli sfollati.

    28/07/2005 INDIA
    Piogge record in India, morte oltre 400 persone


    11/10/2010 INDONESIA
    Migliaia in fuga da Wasior, colpita dalle alluvioni
    Sale il numero delle vittime nel piccolo centro cristiano della Papua: almeno 146 morti e centinaia di dispersi. Nel frattempo non si ferma l’esodo della popolazione, che scappa da una città fantasma.

    05/10/2010 INDONESIA
    Decine di morti e oltre 100 dispersi per un'alluvione nella West Papua
    Da due giorni vi sono piogge torrenziali. La remota zona è distante fino a 22 ore di aereo e battello da Jakarta. Una squadra di soccorso è stata inviata nell’area.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®