20 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 20/07/2005
INDONESIA
Jakarta conferma 3 morti per influenza aviaria
di Mathias Hariyadi

Jakarta (AsiaNews) – Il ministero della Sanità indonesiano ha confermato oggi i primi decessi per influenza aviaria nel Paese. La conferma è avvenuta dopo aver ricevuto i risultati dei laboratori dell'Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) di Hong Kong.

I casi riguardano la morte di Iwan Siswara Rifei (37 anni) e le sue 2 figlie Thalita Nurul Azizah (1 anno) e Sabrina Nurul Aisyah (8 anni). Iwan Siswara Rifei è morto il 12 luglio con i sintomi tipici dell'influenza aviaria (febbre, tosse e problemi respiratori) mentre le figlie sono decedute il 9 ed il 14 luglio: erano stati tutti ricoverati al Siloam Gleneagles Hospital. Secondo il ministero gli altri membri della famiglia "non danno segni di contagio".

Siti Fadilah Supari, ministro della Sanità, ha indetto una conferenza stampa in cui ha detto: "I risultati sono positivi. Sono morti per il virus convenzionale H5N1". Il 15 luglio Supari aveva già chiarito che "al 99 % delle possibilità" i decessi erano da attribuire all'influenza aviaria ma aveva aggiunto: "Le prime analisi mostrano le tracce del virus H5N1, ma non sono totalmente convincenti".

Il ministro ha invitato la popolazione a non cadere nel panico ed ha annunciato il varo di organismi congiunti con il ministero dell'Agricoltura per monitorare la situazione di pollame e suini. Jakarta ha istituito anche gruppi speciali di veterinari incaricati di effettuare analisi su tutti i possibili vettori dell'epidemia. Nel frattempo è crollata l'industria legata al settore aviario nei mercati di Jakarta e Tangerang.

Secondo i dati dell'Oms, ad oggi sono 57 le vittime accertate dell'influenza aviaria durante i 2 picchi della malattia che dal 2003 ha colpito circa un centinaio di persone in Cina e nel Sud-Est asiatico. Il virus ha infettato oltre 100 milioni di volatili ed ha una mortalità pari al 100% nel pollame. Il contagio è letale anche per gli uomini, con una mortalità pari al 54 % nei casi accertati.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
01/12/2005 cina
L'Oms chiede alla Cina di condividere i campioni del virus H5N1
21/08/2006 INDONESIA
Influenza aviaria: in Indonesia muoiono madre e figlia
08/07/2005 FILIPPINE
Filippine, scoperto primo caso di influenza aviaria
15/07/2005 INDONESIA
Indonesia, 3 decessi per influenza aviaria
di Mathias Hariyadi
04/04/2006 INDONESIA
Influenza aviaria: sono occorsi 9 mesi per confermare un contagio in Indonesia

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by di Gerolamo Fazzini, 7 euro
pp. 128
by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate