27 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/02/2009, 00.00

    ARABIA SAUDITA

    Jeddah, donna violentata da un branco. Condannata al carcere e a cento frustate



    Secondo il giudice la donna è colpevole di adulterio e di aver accettato un passaggio in macchina da uno sconosciuto. In seguito allo stupro è rimasta incinta e continuerà la gravidanza in carcere. Le cento frustate verranno scontate dopo la nascita del bambino.

    Jeddah (AsiaNews/Agenzie) – Vittima di una violenza carnale in seguito alla quale è rimasta incinta, una donna saudita di 23 anni è stata condannata a un anno di galera e a 100 frustate. A darne notizia è il quotidiano saudita Saudi Gazette, secondo il quale il giudice ha punito la donna perché colpevole di “adulterio”, avendo accettato “un passaggio in macchina da uno sconosciuto”. L’uomo ha abusato di lei tutta la notte insieme ad alcuni amici.

    La Corte del distretto di Jeddah ha emesso la sentenza dopo che la donna, nubile, ha “confessato di aver avuto un rapporto sessuale forzoso con un uomo che le ha offerto un passaggio”. Secondo il racconto della giovane, egli l’ha condotta in una casa di riposo a est di Jeddah e, insieme ad altri quattro amici, ha abusato di lei per tutta la notte.

    In seguito allo stupro la donna è rimasta incinta; quando si è recata all’ospedale militare King Fahd Hospital per abortire era già di otto settimane. Secondo il giudice la donna è colpevole di “adulterio” – pur non essendo sposata – ed è stata condannata a un anno di prigione.

    Le cento frustate verranno scontate al termine della gravidanza; il nascituro prenderà il cognome della madre. In Arabia Saudita alle donne non è permesso guidare e possono andare in macchina solo se accompagnate dal marito o da un familiare. Nei giorni scorsi la principessa saudita Amira al-Tawil, moglie del principe Al Walid Bin Talal, aveva rivendicato il diritto di guidare per tutte le donne del Paese.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/08/2009 ARABIA SAUDITA
    Attivista saudita: parità fra uomo e donna, primo passo per un vero sviluppo sociale
    Bahija Bint Baha Azzi denuncia “fattori culturali” che hanno portato le donne a essere “vittime di attacchi” e sono causa di “conflitti sociali”. La giurisprudenza legata alle fatwa è “fallimentare” perché incapace di “risolvere i problemi del giorno d’oggi”.

    26/11/2008 ARABIA SAUDITA
    AccoLade, la prima rock-band “in rosa” del regno saudita
    Per sfuggire alle rigide norme islamiche le ragazze provano in luoghi nascosti e distribuiscono la musica sul web. Per la leader del gruppo “suonare è una sfida”, ma il sogno nel cassetto è tenere un vero concerto aperto al pubblico a Dubai. “Per mostrare a tutti quello che siamo capaci di fare”.

    29/11/2008 ARABIA SAUDITA
    Maglietta “drivers” e torta con un’automobile: la protesta delle guidatrici saudite
    Manifestano le donne che vogliono guidare la macchina, nell’unico Paese al mondo dove ciò è vietato. Secondo loro, la questione ha influenza sul riconoscimento dei diritti di libertà.

    09/06/2009 ARABIA SAUDITA
    Riyadh: tra le ire dei fondamentalisti, sauditi al cinema dopo 30 anni
    All’esterno della sala gli estremisti annunciavano “punizioni divine”. In sala un pubblico maschile entusiasta ha assistito alla proiezione del film “Menahi”, prodotto dalla casa cinematografica del nipote di re Abdullah. Per i sauditi è “il primo passo di una rivoluzione pacifica”.

    07/05/2007 ARABIA SAUDITA
    “Una brava moglie deve vivere nella paura”
    Divieto di guidare, di mostrare il capo e di parlare in pubblico, di stringere la mano a un uomo. In televisione i predicatori incitano i mariti a picchiare le mogli “per il loro bene”. Giornaliste saudite parlano dei molti divieti per le donne islamiche nel loro Paese e chiedono di distinguere le verità religiose dai costumi sociali.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    CINA-GERMANIA
    L’ambasciatore tedesco chiede alla Cina la liberazione di mons. Shao Zhumin



    In una dichiarazione ufficiale sul sito dell’ambasciata, Michael Clauss chiede che al vescovo di Wenzhou, sequestrato, sia data piena libertà di movimento. Preoccupazioni espresse anche per le bozze dei nuovi regolamenti sulle attività religiose, che decretano la fine delle comunità sotterranee. E’ la prima volta dopo un decennio che un ambasciatore europeo chiede la liberazione di un vescovo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®