13/09/2018, 08.47
BANGLADESH
Invia ad un amico

Jessore, famiglia cattolica perseguitata per la fede e per la casa

di Sumon Corraya

I membri venivano minacciati da tempo da un musulmano locale che si vuole impadronire di terre e case. Le donne della famiglia sono state molestate dagli aggressori. Le figlie del cattolico hanno paura ad uscire di casa e non stanno andando a scuola.

Jessore (AsiaNews) – Una famiglia cattolica di Jessore, nella diocesi di Khulna, vive nella paura di morire e di subire attacchi violenti. Da tempo Solomon Das, pescatore 43enne residente nel villaggio di Gilapol, e la sua famiglia ricevevano minacce e intimidazioni per la loro fede. I suoi possedimenti e quelli di altri cristiani sono finiti nel mirino di Tariqul Islam Milon, un musulmano locale che tenta di accaparrarsi terre e case. Alla fine egli ha scelto l’uso della forza per ottenere i suoi obiettivi e sabato scorso [8 settembre] ha inviato un manipolo di criminali che hanno devastato la casa di Solomon. Ora il cattolico e i suoi familiari non escono più di casa per paura di nuove violenze e le sue figlie stanno saltando le lezioni al liceo e all’università.

Solomon abita vicino la parrocchia di Shimulia. Egli riferisce: “Il musulmano tentava da tempo di estorcermi la casa. Mi sento indifeso. Siamo una famiglia umile, non abbiamo grandi averi. Ora non posso uscire per andare a lavorare”. “Se io non lavoro – aggiunge disperato – chi farà mangiare la mia famiglia? Le mie figlie non vanno a scuola perché per loro non è sicuro. Inoltre durante l’attacco, gli aggressori hanno molestato le donne della mia famiglia. Poi ci hanno minacciato di non raccontare nulla alla polizia. Mia moglie e le mie figlie sono ancora traumatizzate”.

Anche Ratan Das, cognato del cattolico che vive nella stessa casa, ha paura. “Ho ricevuto minacce di morte su Facebook. Io e mia moglie temiamo per la nostra vita”.

Nel raid i criminali hanno devastato l’immobile e distrutto l’arredamento. Poi hanno rubato i soldi, alcuni gioielli in oro e tre telefoni cellulari. Hanno dissacrato le statue religiose presenti nell’abitazione e l’immagine di Gesù. La sera stessa Solomon ha sporto denuncia contro 17 persone. Il giorno successivo la polizia ne ha arrestate otto, ma lunedì [10 settembre] le ha rilasciate su cauzione. Da lì sono cominciate le minacce di morte.

P. Dominic K. Halder, parroco della chiesa cattolica di Shimulia, è preoccupato per quanto accaduto. Chiede aiuto per i fedeli perseguitati e che la polizia faccia davvero giustizia. Ha anche inviato un gruppo per accertarsi delle condizioni in cui versa l’abitazione dei cattolici.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa a Cuba: “le famiglie non sono un problema”, sono un’opportunità da curare, proteggere, accompagnare
22/09/2015
Dhaka, arrestato il mandante dell’omicidio di un editore liberale
24/08/2016 11:11
Espropri di terre in Bangladesh: una moschea costruita su un terreno indù
13/04/2016 11:04
Dhaka: è morto il vescovo D’Rozario, “difensore dell’educazione femminile”
25/02/2016 08:54
Bangladesh: i cattolici ricordano p. Pio Mattevi, il catechista di Khulna
20/03/2015