30 Marzo 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/02/2017, 12.22

    INDIA

    Jharkhand, rifiuta di abiurare e di tornare alla fede degli alberi. Un cristiano muore da martire

    Santosh Digal

    Bartu Urawn aveva 50 anni e viveva nel villaggio di Kubuaa. Un gruppo di 15 indigeni indù lo ha legato e gettato in uno stagno ghiacciato. “Non rinnegherò Cristo. Continuerò a credere in lui fino all’ultimo respiro”. Un rapporto del Catholic Secular Forum di Mumbai riporta che nel 2016 almeno 10 cristiani sono stati uccisi per la propria fede.

    Ranchi (AsiaNews) – Aveva rifiutato di rinnegare la propria fede in Cristo e per questo è stato gettato in uno stagno ghiacciato con le mani legate. L’uomo, un cristiano del Jharkhand, è morto da martire a causa di ripetuti arresti cardiaci dopo aver passato 17 ore immerso nell’acqua. È successo nel villaggio di Kubuaa, nel distretto di Palamu, dove Bartu Urawn, cristiano di 50 anni, risiedeva con la moglie e il figlio Beneswar. È stato proprio quest’ultimo a denunciare l’ultimo episodio di violenza di radicali indù contro un membro della minoranza cristiana in India, dove la Costituzione – sempre più spesso violata – garantisce la libertà di culto.

    Bartu e la sua famiglia si erano convertiti al cristianesimo circa 10 anni fa. Insieme a loro, anche altre nove famiglie del villaggio, di cui sette sono state forzate a riabbracciare la religione originaria. La scelta della famiglia Urawn non è mai stata accettata dagli altri abitanti del villaggio, appartenenti a gruppi tribali che professano il culto di “Sarna”, cioè “religione degli alberi sacri”. Si tratta di un rituale di antiche origini comune alla mitologia indù, buddista e giainista, che prevede anche il sacrificio di animali.

    Beneswar ha raccontato che i suoi genitori erano da tempo bersaglio degli indigeni indù, contrari alla conversione. Per questo, nell’estremo tentativo di far loro rinnegare la fede, un gruppo di 15 persone li ha legati e gettati nell’acqua fredda. Lì sono rimasti per tutta la notte, mentre il giovane veniva costretto ad assistere alla loro tortura. “Gli chiedevano di abiurare – riferisce – ma lui rispondeva ogni volta: ‘Non rinnegherò Cristo. Continuerò a credere in lui fino all’ultimo respiro’”.

    Il cristiano in precedenza è stato obbligato a mangiare della carne offerta in sacrificio e a bere alcolici, mentre il figlio è stato costretto a bere acqua inquinata. Riemersi dallo stagno, Bartu è deceduto per lo sforzo fisico, mentre la moglie è sopravvissuta.

    Secondo l’ultimo rapporto di Open Doors, l’India è al 15mo posto nella classifica dei Paesi dove i cristiani sono più perseguitati. Dati del censimento del 2011 sulle comunità religiose, riportano che nel Paese la maggioranza professa la fede indù (79,8% su un totale di 1,2 miliardi di abitanti), mentre i cristiani rappresentano appena il 2,3% (circa 27,8 milioni di fedeli), di cui in gran parte dalit (intoccabili) e tribali.

    Un rapporto recente della Commissione Usa sulla libertà religiosa nel mondo afferma che l’India non rispetta gli standard internazionali, discriminando e perseguitando le minoranze. Nonostante la carta fondamentale dello Stato rispetti la diversità religiosa e garantisca a tutti i cittadini la piena libertà di professione, le minoranze – in particolare quella cristiana – sono spesso oggetto di violenze, persecuzione e varie forme di intimidazione. Un altro studio del Catholic Secular Forum di Mumbai riporta che nel 2016 almeno 10 cristiani sono stati uccisi per la propria fede e altri 500 presi di mira con l’accusa di conversioni forzate.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/04/2013 INDIA
    Jharkhand: dopo otto anni, torna libero missionario cristiano
    Fratel Samuel, dell’organizzazione protestante Gospel for Asia, era stato arrestato per sospetti legami con i guerriglieri maoisti. In prigione ha proclamato il Vangelo, spingendo 20 detenuti a convertirsi al cristianesimo.

    28/03/2007 INDIA
    In Jharkhand e Andhra Pradesh politici locali lottano contro le conversioni cristiane
    L’aumento delle conversioni “preoccupa” i poteri locali, che accusano i cristiani di derubare i miseri e di varie nefandezze. Nello Jharkhand si vogliono togliere ai convertiti tribali i sussidi statali. Nell’Andhra Pradesh si alimentano vere campagne di intolleranza.

    30/09/2004 pakistan
    Legge sulla blasfemia: vessazioni e violenze contro tutte le religioni
    Anche un ministro pakistano ammette che la norma per difendere l'Islam è manipolata per compiere abusi. Dal 1986 ad oggi 4 mila denunce di offese alla religione musulmana.

    02/05/2015 INDIA – STATI UNITI
    Washington accusa: Con Modi, peggiora la situazione della libertà religiosa in India
    La Commissione Usa per la libertà religiosa nel mondo presenta il Rapporto 2015 sul subcontinente: “Dalle elezioni dello scorso anno, le minoranze religiose hanno subito un aumento di attacchi e di violenze verbali. Il governo non fa abbastanza per fermarle”. Delhi reagisce: “Non comprendete il Paese”.

    03/12/2012 INDIA
    Il card. Amato alla beatificazione di Devasahayam Pillai, primo martire laico dell’India
    La cerimonia di beatificazione è avvenuta nella diocesi di Kottar (Tamil Nadu), davanti a decine di migliaia di fedeli, 40 vescovi e quasi 2mila sacerdoti e suore. A presiedere la funzione vi erano il card. Angelo Amato, prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi e delegato papale; mons. Salvatore Pennacchio, nunzio apostolico; il card. Oswald Gracias, presidente della Conferenza episcopale indiana.



    In evidenza

    VATICANO
    Il Papa ai giovani: Memoria del passato, coraggio nel presente, speranza per il futuro



    Diffuso oggi il Messaggio per la 32ma Giornata mondiale della gioventù sul tema “Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente”. Il modello di Maria nel suo incontro con Elisabetta. Rifiutare l’immobilità del “divano” dove starsene comodi e sicuri. Vivere l’esperienza della Chiesa non come una “flashmob” istantanea. Riscoprire il rapporto con gli anziani. Vivere il futuro in modo costruttivo non svalutando “le istituzioni del matrimonio, della vita consacrata, della missione sacerdotale”.


    AFGHANISTAN
    P. Moretti: Le Piccole sorelle di Gesù, per 60 anni “afghane fra gli afghani”



    Hanno vissuto 60 anni al servizio dei bisognosi. Sono rimaste a Kabul sotto l’occupazione sovietica, il controllo dei talebani e i bombardamenti Nato. Rispettate da tutti, anche dai talebani. Questo febbraio è finita la loro esperienza, secondo p. Moretti “una a cui guardare”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®