18 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 26/08/2015, 00.00

    INDIA

    Censimento sulle religioni in India: i fedeli musulmani crescono più degli indù, ma meno dei cristiani



    I dati sono stati raccolti tra il 2001 e il 2011. I fedeli musulmani aumentano dello 0,8% mentre gli indù dello 0,7%. Gli islamici sono 172,2 milioni e gli indù 966,3 milioni, su un totale di 1,2 miliardi di persone. I cristiani sono il 2,3% della popolazione, ma il tasso di crescita dei fedeli nel decennio in questione è del 15,5%.

    New Delhi (AsiaNews/Agenzie) - Per la prima volta, il tasso di crescita della comunità musulmana dell’India scavalca quella degli indù. Ma il dato più significativo è che l’incremento dei fedeli cristiani non arretra rispetto alle altre due confessioni, nonostante i numerosi attacchi contro le comunità (di cui ieri si ricordava l’anniversario dei pogrom di Kandhamal del 2008). Lo rivelano i dati del censimento 2011 sulle comunità religiose pubblicati ieri dal Registrar General of India. Durante il periodo preso in esame (tra il 2001 e il 2011), i fedeli islamici sono aumentati dello 0,8%, passando da 138 milioni a 172,2 milioni. La comunità indù invece si ferma allo 0,7% di crescita, con 966,3 milioni di seguaci. La crescita dei cristiani si assesta al 15,5%.

    Maggiore Paese indù al mondo, per la prima volta in India la popolazione induista scende sotto il tetto dell’80% sul totale dei fedeli, attestandosi ad una percentuale di 79,8 punti su 1,211 miliardi di persone; i musulmani invece salgono a livello nazionale dal 13,43% al 14,23%. A livello statale, nei cinque Stati a maggiore rappresentanza musulmana (Maharashtra, Gujarat, Rajasthan, Madhya Pradesh e Uttar Pradesh) la crescita media dei fedeli islamici è ben al di sopra di quelli indù: supera ovunque il 24%.

    Per quanto riguarda le altre religioni, i fedeli cristiani compongono il 2,3% della popolazione totale (27,8 milioni); i sikh l’1,7% (20,8 milioni); i buddisti sono lo 0,7% (8,4) milioni; i giainisti sono lo 0,4% del totale (4,5 milioni); 7,9 milioni di persone hanno altre appartenenze religiose e 2,9 milioni non sono credenti.

    I dati riportano che durante il decennio non ci sono stati sostanziali cambiamenti nella proporzione tra cristiani e giainisti, mentre i sikh sono diminuiti dello 0,2% e i buddisti dello 0,1%. Significativo invece il tasso di crescita medio della comunità cristiana (15,5%), che supera nello stesso periodo quello dei musulmani e si avvicina al totale della crescita degli indù (16,8%), nonostante i molteplici casi di persecuzione nei confronti dei fedeli e i numerosi attacchi alle chiese commessi da radicali indù.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/11/2003 india
    Parrocchia ospita 200 musulmani per la fine del digiuno


    30/12/2004 india
    La tragedia dei bambini, la forza e la solidarietà delle religioni


    24/01/2005 INDIA
    Pace e religioni: approfondire la fede per dialogare con gli altri

    Un seminario interreligioso in India individua nella conoscenza della propria fede e nel dialogo con le altre, la strada che porta alla pace.



    14/09/2004 india
    India, mosaico di fedi minacciato dal fondamentalismo induista
    Il censimento nazionale smaschera le accuse induiste contro le minoranze religiose

    10/06/2005 INDIA
    I buddisti indiani respingono il censimento religioso
    Il governo ha emesso un censimento religioso che, secondo i leader della comunità buddista, registra i loro fedeli "come se fossero indù", riducendoli da 50 milioni a 800.000.



    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®