30 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 21/04/2012
COREA
Jin Hye, fuggita dalla carestia e saziata da Cristo
La storia di una famiglia nordcoreana che, per sfuggire dalla fame e dalla violenza del regime di Pyongyang soffre fino all’incontro con Gesù e la salvezza negli Stati Uniti. Un viaggio di dolore insensato che si conclude però con l’incontro più importante di tutti.

Seoul (AsiaNews) - Dalla carestia all'amore di Cristo: ecco come si potrebbe riassumere la storia di Jin Hye Jo, nordcoreana di 24 anni, che ha visto morire davanti a sé quasi tutta la sua famiglia, è sopravvissuta, ha incontrato Gesù ed è riuscita a scappare negli Stati Uniti. La sua storia, raccontata dal network protestante Ans, ha dell'incredibile.

"Siamo stati cresciuti come atei - racconta la giovane, che ora vive in Virginia con la sorella e la madre Han - e siamo le uniche sopravvissute di una famiglia di 8 persone. Mia nonna è morta durante l'ultima carestia in Corea del Nord: ricordo ancora che, prima di morire, chiedeva di poter mangiare una patata".

Il periodo a cui si riferisce Jin è l'inizio degli anni Novanta del secolo scorso, quando la caduta dell'Unione Sovietica e la relativa apertura al mondo compiuta dalla Cina bloccano di fatto gli aiuti dell'asse comunista a Pyongyang. La popolazione viene decimata e le famiglie, come quella di Jin, costrette a mangiare di tutto: dalla corteccia degli alberi al grasso crudo.

Dopo anni di sofferenze, nel 1997 i genitori di Jin - Jo e Han - decidono di rischiare e attraversare il confine con la Cina: sconvolti dalla relativa abbondanza alimentare che incontrano, decidono di fare il viaggio più volte per accumulare quanto più riso possibile. Tuttavia, al terzo tentativo vengono arrestati.

Il padre sparisce nel nulla: "Più tardi verremo a sapere che è morto su un treno per detenuti, con le mani legate dietro alla testa, senza cibo o acqua per 10 giorni. Il regime non poteva nutrire il popolo, figuriamoci i prigionieri". La madre di Jin viene invece picchiata selvaggiamente: il cranio, per le botte prese, presenta ancora oggi 4 punti di vuoto. Tuttavia, Han viene graziata: "Forse si erano accorti che era incinta".

Qualche mese più tardi, la donna dà alla luce un figlio. Ma nel frattempo la sua figlia maggiore, anche lei in viaggio per la Cina in cerca di cibo, sparisce nel nulla: "Probabilmente è finita nelle mani dei trafficanti di esseri umani. Non credo che la rivedremo mai più". Il figlio di Han ha fame, e la madre decide di tornare in Cina: ma la carestia si porta via il bambino e la nonna.

Un anno dopo la polizia torna alla casa di Jin e caccia tutti gli abitanti: secondo la legge nordcoreana, infatti, i criminali vanno puniti "fino alla terza generazione". A questo punto, la famiglia è dimezzata: sono rimasti soltanto Han, la figlia Jin Hye (di 11 anni), Eun di 7 e BoKum di 5. Tutti insieme, partono per il viaggio di 100 miglia fino al confine.

Dopo una sosta in un villaggio dove vive una conoscente, Han si accorge che non può badare a tutti e tre i figli: dilaniata dal dolore, è costretta a lasciare il piccolo BoKum con una vedova amica di famiglia. La sorella oggi dice: "Sono così dispiaciuta per lui, so che non lo rivedrò mai più. Ma la mamma aveva subito delle torture, non poteva farcela".

Dopo aver varcato il confine, riescono a nascondersi in Cina. Camminando per la campagna, la piccola Jin sente un inno che non aveva mai sentito, un inno cristiano. Come ipnotizzata dalla musica si avvicina al gruppo di cristiani clandestini: "Mentre ascoltavo mi è apparsa mia nonna, che diceva che questo era un posto dove potevo essere curata".

La ragazza entra in contatto con dei missionari e partecipa a scuole bibliche sotterranee. Scopre la grandezza del Vangelo e l'amore degli altri cristiani, e decide di convertirsi. La madre Han, tuttavia, non vuole: "Mi disse che, se mi fossi convertita, non sarei stata più sua figlia. Ma Cristo mi chiedeva di avere fede in lui, e non si sbagliava". Qualche tempo dopo, conosciuti i missionari cristiani, anche Han e la piccola Eun si convertono.

Dopo 10 anni di vita clandestina in Cina, la famiglia riesce a ottenere lo status di rifugiati politici negli Stati Uniti e ora vivono in America. Jin vuole divenire una missionaria: "Prima o poi la Corea si riunirà, e io voglio portare la buona novella di Cristo a tutti i miei fratelli". 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
21/02/2012 COREA - CINA
Seoul in piazza per salvare i 33 nordcoreani fuggiti in Cina
di Joseph Yun Li-sun
24/02/2012 CINA - COREA
Pechino rimpatria 9 rifugiati nordcoreani, paura per la loro vita
22/10/2004 CINA – COREA DEL NORD
Profughi nordcoreani cercano asilo in una scuola di Pechino
19/10/2011 COREA - M. ORIENTE
La primavera araba risveglia anche i nordcoreani
di Joseph Yun Li-sun
11/11/2004 CINA – COREA DEL NORD
Rimpatri forzati per 70 rifugiati

In evidenza
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate