21 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 29/12/2017, 14.49

    CAMBOGIA

    Kampot, restituita ai cattolici la cattedrale sul monte Bokor



    Costruita dai francesi nel 1917, la chiesa è stata abbandonata per decenni. Decisivo l’intervento del ministero dell’Ambiente. Alla Chiesa cattolica il compito di restaurare l’edificio. Ultimati i lavori, si pensa all’istituzione di un santuario.

    Kampot (AsiaNews) – Il governo cambogiano restituisce ai cattolici la cattedrale sulla vetta del monte Bokor, costruita in epoca coloniale dai francesi nella provincia meridionale di Kampot. Attraverso il ministero dell'Ambiente, le autorità affidano alla Chiesa locale la custodia dell'edificio, abbandonato dai tempi della guerra civile ed in pessime condizioni strutturali.

    La cerimonia della consegna ha avuto luogo lo scorso 24 dicembre, alla presenza di una delegazione del dicastero, guidata dal ministro Say Samal, e di mons. Olivier Michel Marie Schmitthaeusler, vicario apostolico a Phnom Penh. Vi hanno preso parte anche Chea Sam Ang, direttore del Dipartimento governativo per la conservazione e protezione del patrimonio naturale, ed i vertici dell’Ufficio cattolico nazionale per la comunicazione sociale. Durante il suo intervento, il ministro ha dichiarato che il governo ha deciso di consegnare la chiesa, costruita nel 1917, alla comunità cattolica per il suo mantenimento, restauro e per la pratica religiosa. “Significa che il governo riconosce tutte le religioni ed il diritto del popolo a praticare la propria fede", ha affermato.

    Intervistato da AsiaNews, p. Gianluca Tavola, superiore delegato del Pontificio Istituto Missioni Estere (Pime) in Cambogia, esprime la soddisfazione dei cattolici locali. “Seppur costruita in epoca coloniale – dichiara il sacerdote – per la fede della nostra gente questo luogo di culto è una testimonianza della secolare presenza della Chiesa cattolica nel Paese. La comunità cristiana di Kampot è di fede recente, risalee al massimo a 20-22 anni fa. La restituzione dell’edificio pone fine ad un processo durato anni, durante i quali abbiamo fatto diverse richieste per riaverlo indietro. Ci eravamo rivolti alla Provincia, alla compagnia che ha preso in affitto dal governo tutta la montagna, prima di essere indirizzati al ministero dell’Ambiente, che ha reso possibile la riconsegna”.

    “La notizia della decisione presa dalle autorità giunta solo una decina di giorni fa – prosegue p. Tavola – e tutto è avvenuto in maniera molto rapida. Noi pensiamo più all’istituzione di un santuario, che ad una parrocchia. Sulla montagna infatti non è presente una comunità cristiana. Data la bellezza del luogo, questo sarà per i cattolici di Kampot e di tutta la Cambogia un punto di riferimento per pellegrinaggi e ritiri spirituali, se riusciremo a costruire le strutture necessarie. L’edificio è completamente spoglio al suo interno. Gli interventi di ristrutturazione saranno a carico della Chiesa, anche se il ministro ha dato disponibilità per assisterci nei lavori, più che altro da un punto di visto burocratico”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/12/2017 09:48:00 CAMBOGIA
    Missionario Pime: la Cambogia come Nazareth, ‘pelle a pelle’ tra uomo e Dio

    La lettera di Natale di p. Luca Bolelli, missionario in Cambogia da 10 anni. Gesù ha scelto di venire al mondo in un villaggio, “la sua scuola di umanità”. La vita quotidiana che “mette a nudo”. La vita “pelle a pelle”, compresa la morte, “imparando gli uni dagli altri, aiutandoci ad essere più uomini”.



    02/11/2016 12:18:00 CAMBOGIA – VATICANO
    Missionario Pime: Papa Francesco in Svezia e il mio incontro con i protestanti

    P. Luca Bolelli, missionario del Pime da nove anni in Cambogia, racconta la sua esperienza con i gruppi americani e coreani. Il loro “stile” missionario e le incomprensioni; le preghiere comuni e le esperienze positive: “C’è simpatia fra le nostre comunità”. L'incontro del pontefice coi luterani “una pietra miliare nel cammino ecumenico”.



    16/04/2007 CAMBOGIA
    Ditte straniere e autorità rubano la terra ai contadini per costruire casinò
    Imprese di Giappone, Corea del Sud, Thailandia e Cina acquistano diritti di sfruttamento dei terreni agricoli, per coltivarli a latifondo o costruirci casinò. I contadini sono cacciati grazie a cavilli legali e ricevono minimi indennizzi per la perdita di casa e terreno: “Peggio che con gli Khmer Rossi”.

    20/10/2004 CAMBOGIA - ANNO DELL'EUCARISTIA
    Cristo in Cambogia, la salvezza e la gratitudine

    Un missionario racconta come annuncia l'eucarestia nel mondo buddista



    05/09/2011 CAMBOGIA
    Il miracolo di Taom, villaggio cristiano rinato dopo 40 anni di persecuzione e abbandono
    Distante ore di cammino dalla città di Siem Rap, il villaggio deve la sua vita a 30 persone incuriosite dal cristianesimo. In tre anni ripresa la messa domenicale e ripristinata la chiesa neogotica, stalla per oltre 40 anni. P. Winarta gesuita indonesiano racconta la storia della piccola comunità, esempio di fede nonostante la povertà e l’isolamento.



    In evidenza

    EGITTO-LIBANO
    Al Cairo, musulmani e cristiani si incontrano per Gerusalemme, ‘la causa delle cause’

    Fady Noun

    Si è tenuta il 16 e 17 gennaio all’istituto sunnita al-Azhar. Hanno preso parte molte personalità del Libano, fra cui il patriarca maronita Bechara Raï. I mondo arabo diviso fra “complice passività” e “discorsi rumorosi ma inefficaci”. Ex-premier libanese: coordinare le azioni per una maggiore efficienza al servizio di una “identità pluralistica di Gerusalemme” e della “libertà religiosa”. Card. Raï: serve preghiera congiunta, la solidarietà interreligiosa islamico-cristiana in tutto il mondo arabo e sostenere i palestinesi.


    CINA
    Yunnan: fino a 13 anni di prigione per i cristiani accusati di appartenere a una setta apocalittica



    Le setta in questione è quella dei Tre gradi del Servizio, un gruppo pseudo-protestante sotterraneo fondato nell’Henan e diffuso soprattutto nelle campagne. I condannati rivendicano di essere solo cristiani e di non sapere nulla della setta. Gli avvocati difensori minacciati della revoca della loro licenza.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®